Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | E’ StraLazio, anche l’Inter si inchina

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Sventolano le bandiere, suonano i clacson, è una notte di festa e di gloria per i sessantamila dell’Olimpico, mai così pieno di amore. Il sogno, inatteso e non calcolato, si chiama scudetto. Inzaghi e la Lazio hanno piazzato il sorpasso, schienando anche Conte e balzando al secondo posto con un solo punto di ritardo dalla Juve. Un’altra rimonta, dopo il guizzo di Young a un sospiro dall’intervallo, ribaltando l’Inter con i due gol firmati nella ripresa da Immobile su rigore e da Milinkovic. Un successo limpido, figlio del gioco ma anche del cuore e della capacità di battersi su ogni pallone. E’ stato un combattimento lungo cento minuti e Inzaghi l’ha vinto sul terreno preferito da Conte, quello delle motivazioni feroci, senza dimenticare il gioco e le proprie qualità. La svolta con l’ingresso di Lazzari e il trasloco di Marusic a sinistra, dove Jony aveva sofferto troppo la spinta di Candreva. La Lazio ha allungato l’imbattibilità a 19 giornate consecutive, un girone intero da prima della classe. Conte sinora aveva perso solo con la Juve: per lo scudetto ora dovrà rimontarne due con il rischio, tra due settimane all’Allianz, di ritrovarsi già fuori.

MOSSE 

La partita a scacchi tra Inzaghi e Conte è iniziata con le manovre di disturbo. Caicedo in prima battuta e Immobile si dedicavano alla marcatura di Brozovic e lasciavano il giro palla, lento e incerto, a Godin, Skriniar e De Vrij, fischiatissimo dall’Olimpico. La Lazio usciva benissimo a sinistra. Lukaku guardava Acerbi, ma Radu era libero e Luis Alberto si faceva trovare più arretrato del solito. Proprio in quel modo, cambiando gioco, è stato liberato Milinkovic al tiro. Il serbo ha preso la mira e ha sganciato un destro potentissimo dai 25 metri, respinto dalla traversa.

PESO 

La Lazio aveva più palleggio e precisione nei passaggi (258 all’intervallo di cui l’88% riusciti), ma dopo una ventina di minuti si è cominciata a vedere la differenza di peso e di fisicità. Conte ha spostato il gioco su tutti i suoi pesi massimi, sistemati sul centro-destra. Mancava Lulic. Assenza pesantissima. Jony ha un buon piede sinistro, ma non la corsa per tenere tutta la fascia ed è entrato in difficoltà quando Candreva ha cominciato a martellarlo. Radu restava stoicamente aggrappato alle spalle di Lukaku. Vecino contrastava Luis Alberto, Barella incrociava Milinkovic. Tutto il primo tempo si è giocato su quella fascia. Sul versante opposto Marusic e Young non si sono mai visti sino all’azione del primo gol. Troppo forte il cross di Jony, Caicedo non lo ha intercettato e l’Inter è ripartita. Lo spagnolo, stanco e annebbiato, si è fermato senza rientrare. La Lazio era scoperta, spaccata in due. Young ha pescato Candreva e sulla sassata respinta di pugno da Strakosha è andato a segnare, anticipando Marusic.

DOPPIETTA 

La Lazio ha avuto la forza di reagire e trovare il pari subito dopo l’intervallo grazie alla classe dei suoi tenori. Milinkovic si è inserito un’altra volta, Luis Alberto lo ha visto e scodellato un pallone su cui Padelli è uscito male, De Vrij è franato addosso a Immobile. Inevitabile il rigore trasformato da Ciro. Quel gol ha trasformato e “liberato” i biancocelesti. Simone ha tenuto in campo Leiva e Luiz Felipe (ammoniti) e ha optato per il doppio cambio: fuori Jony per Lazzari e Caicedo per Correa, spostando Marusic. Ora la Lazio, trascinata dall’Olimpico, era dentro la partita con le idee, con la forza, il contrasto, il talento di cui dispone. Lazzari ha conquistato l’angolo da cui è nato il raddoppio firmato da Milinkovic. Un pallone difeso di prepotenza nel mischione e infilato in rete dal serbo.

ASSEDIO 

Gli ultimi venti minuti più recupero sono stati da cuore in gola. Conte ha tolto Candreva e Borozovic e ha inserito Moses ed Eriksen (3-4-1-2), poi anche Sanchez passando alla difesa a quattro. Il danese è entrato con una botta respinta da Strakosha e creando un paio di occasioni. Inzaghi si è giocato l’ultima carta con Cataldi per Leiva. La Lazio avrebbe potuto segnare il terzo, Correa ha sprecato, miracolo di Padelli su Immobile. Acerbi, nel lunghissimo recupero, si è immolato su Lukaku prima che esplodesse il delirio scudetto dell’Olimpico.

Corriere dello Sport 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | Rimonta dell’Udinese al Bentegodi

Published

on

 


L’ottava giornata di Serie A si chiude con la partita tra l’Hellas Verona e l’Udinese. Al Bentegodi la squadra di Cioffi si porta in vantaggio al minuto 23 con con una bella conclusione al volo di Doig. Nella ripresa arriva il gol del pareggio con Beto, ma nei minuti finali trova la rete Bijol che chiude il match. La partita finisce 1-2.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW