Connect with us

Per Lei Combattiamo

CONFERENZA INZAGHI – “Siamo in vetta, normale ci siano pressioni ma ci godiamo il momento. Juve-Inter? Non tiferò nessuno”

Published

on

 


Anticipo del sabato per la Lazio che continua a cullare sogni scudetto. Sulla strada dei biancocelesti sempre i rossoblu, dopo aver battuto il Genoa ora tocca al Bologna del grande ex Sinisa Mihajlovic.

Cosa ne pensi di ciò che sta avvenendo in Italia?

“Dopo la partita di Genova avevo detto che giocare negli stadi chiusi sia strano ma ci sono le autorità competenti che stanno valutando e noi dobbiamo adeguarci. E’ evidente che ci sia un problema e speriamo di risolverlo”

Hai pensato che se vinci sei primo in classifica almeno per una notte?

“Sto pensando che affronteremo una squadra scomoda che sta facendo bene. Ha fatto grandi partite in trasferta nonostante gli siano mancati tanti giocatori importanti”

Come stanno gli acciaccati?

“Non è stata una settimana semplice. Domani non avremo Acerbi e Lulic così come Marusic, ho discrete sensazioni per Jony e Milinkovic mentre Immobile si è ripreso ma devo aspettare l’allenamento di oggi”

Vavro troverà continuità?

“Denis ha fatto un’ottima gara e si è meritato questa soddisfazione. Giocare a Marassi non è semplice e lui se l’è cavata molto bene”

Che sensazioni le hanno dato Juventus e Inter?

“Io spero che si possano divertire i telespettatori visto che sarà a porte chiuse, in questo momento penso solo alla Lazio e al Bologna senza tifare nessuno”

Ha sentito Mihajlovic?

“Non avevo dubbi che lo avrei ritrovato. Non è solo un collega ma un caro amico con cui abbiamo condiviso tante cose insieme alla Lazio. Ci sentiamo spesso, incontro spesso la moglie e i figli in giro per Roma. So quello che dà alle proprie squadre e il Bologna è molto simile a lui quindi servirà tanta attenzione”

Vincere domani può mettere pressione alle avversarie?

“Può darsi ma sono squadre costruite in un determinato modo. Sanno gestire le pressioni perchè sono in vetta da tanti anni, noi pensiamo alla nostra partita che vedrà una grande cornice di pubblico. Sarà fondamentale perchè il Bologna venti giorni fa ha già vinto all’Olimpico”

E’ il suo momento più bello da allenatore?

“E’ un momento fantastico ma mancano ancora tredici partite, nel calcio i giudizi cambiano in fretta. Abbiamo vinto dei trofei e quelli rimangono ma la cosa più bello è esultare davanti i propri tifosi come è successo a Marassi”

La Lazio la sente la pressione o ha imparato a gestirla?

“Noi siamo cresciuti, dopo due mesi e mezzo che siamo vicini alla vetta per cui dobbiamo continuare così”

Come sta Caicedo?

“Felipe sta bene ed è a disposizione. Aspettiamo poi la seduta di oggi per fare le scelte. L’unica sorpresa arriva da Marusic perchè in questo momento era utile la sua fisicità ma non vogliamo prendere rischi”

Le seconde linee sono l’arma in più?

“Con così tante partite e questi ritmi so che servivano tutti. Durante gli allenamenti vedevo tutti lavorare molto bene ed ero convinto che si sarebbero fatti trovare pronti quando chiamati in causa”

Lazzari e Jony insieme alterano gli equilibri della squadra?

“Da quando è venuto a mancare Lulic ci è venuta meno la fisicità per cui ho compensato con Marusic. Possono giocare loro così come ho Lukaku che si sta allenando regolarmente e può darci una mano”

Lukaku può giocare dall’inizio?

“In questo momento gli chiederei qualcosa in più, è tornato da dieci giorni nonostante un problemino prima del Genoa. Può essere una soluzione a gara in corso”

Patric può contenere Barrow?

“Senza Acerbi abbiamo come soluzione Vavro o Luiz Felipe al centro della difesa, sulla destra invece ci sono Patric e Bastos. Il Bologna ha quantità e qualità quindi servirà attenzione”

Negare l’anticipo all’Atalanta è dettato anche dai recuperi?

“Se ne occupa la società di questi aspetti, noi abbiamo dei problemi e quindi un paio di giorni in più possono fare la differenza per recuperare Acerbi e Marusic”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La S.S. Lazio onora la Memoria dei perseguitati della Shoah e delle vittime dell’odio

Published

on

 


Come riportato sul sito biancoceleste, la Lazio ricorda le vittime dell’Olocausto:
La Società Sportiva Lazio, Ente Morale, ricorda con commozione e onora la Memoria dei bambini, delle donne e degli uomini perseguitati della Shoah e vittime dell’odio. Non verranno mai dimenticati e continueremo a sentirli presenti, vivi, in ogni singolo istante, impegnandoci concretamente per dare luce alla Memoria e spegnere l’odio e la discriminazione in tutte le forme ottuse e violente in cui si manifestano ancora, ogni giorno“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW