Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

CorSera | La Serie A si rimette in moto: scatti a distanza, doccia a casa e corse a orari

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Pochi sorrisi. L’Atalanta riparte, ma a bassa voce. Troppo dolore, troppi morti, troppo tutto. Bergamo, la città ferita, non è ancora pronta a pensare al pallone. «Per noi il campionato può finire qui» hanno messo in chiaro gli ultrà. La pensano così in molti, anche fuori dalla curva. Se hai avuto migliaia di lutti in casa, se hai visto i camion che portavano via le bare, il pallone non è una priorità, non può esserlo, nemmeno se questa è la stagione più bella della tua storia, la più vincente, la più indimenticabile.

Ma prima o poi bisogna tornare, bisogna vivere. E se l’Atalanta è il cuore di Bergamo, allora si può dire che ieri quel cuore ha iniziato pian piano a battere di nuovo. «Rieccoci» ha postato Gomez su Instagram, con un cuore rosso e due pallini neri e azzurri. È stato fra i primi ad arrivare, l’argentino. Già vestito per l’allenamento, come da regola. È sceso dall’auto in ciabatte, ha messo gli scarpini ed era pronto. Per la doccia, come tutti gli altri, se n’è poi tornato a casa. Aveva una voglia matta di tornare a correre su un campo da calcio vero, ha raccontato a chi gli sta vicino. Avrebbe voluto anche un pallone, ma per ora non se ne parla: prima di tutto c’è da riaccendere i muscoli, ingolfati da 60 giorni di clausura.

Le regole sono ferree. Ma Zingonia è un centro sportivo all’avanguardia, un gioiello, quindi lo spazio per i distanziamenti non manca: otto i campi a disposizione. La palestra è chiusa, come gli spogliatoi. Gli ingressi contingentati, gruppi di 5 alla volta. I primi si sono presentati verso metà mattina. Stretching, allunghi, scatti, corsette. Al centro del campo, i membri dello staff con mascherine e guanti protettivi. Presenti anche l’a.d. Luca Percassi e il tecnico Gian Piero Gasperini.

Le sedute sono individuali e volontarie. Ma a Zingonia sono arrivati in tanti, per il primo giorno: fra loro, oltre al Papu, c’erano Zapata, Muriel, Castagne, Palomino, Caldara. Non Sportiello, ancora positivo al Covid. Quando un gruppo finiva, ecco che arrivava l’altro. Orari scaglionati. Indicazioni precise al minuto. Nessuno infatti ha sgarrato.

Dopo Sassuolo e Lecce che hanno rotto il ghiaccio per primi, ieri è toccato anche a Juventus, Lazio (ma solo qualche giocatore) e Bologna. Il tecnico rossoblù Sinisa Mihajlovic era idealmente con i suoi giocatori: ha voluto a tutti i costi tornare da Roma e ha seguito la seduta via tablet dall’hotel di Bologna in cui abita. Un gesto alla Miha.

Fra oggi e domani toccherà alla Roma, il Napoli, che sta facendo le visite, ripartirà venerdì. La serie A pian piano si rimette in moto. Fra scatti e scattini, ma anche fra tamponi («non è per niente bello» ha raccontato il torinista Nkolou) e quarantene da rispettare per chi torna dall’estero. Come Ibrahimovic, atteso dal Milan per la fine della settimana. O come Cristiano Ronaldo, sbarcato lunedì notte da Madeira: lo aspettano due settimane di allenamenti isolati nella sua villa in collina a Torino. L’ipotesi del doppio tampone che abbatta i tempi per ora non è prevista: servirebbe una deroga per gli atleti professionisti.

Alla Continassa ieri s’è visto anche Rugani, primo giocatore di A positivo al virus. Dalle ciabatte del Papu al ritorno in campo del «calciatore zero»: prove di normalità, piccoli passi, piano piano. CorriereDellaSera

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS | Festa Lazio, quinto posto per 55.000

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Un grande pubblico saluta i biancocelesti: campionato concluso davanti alla Roma.

Come riportato dal Corriere dello Sport, notte d’altri tempi con il popolo biancoceleste che torna a riempire l’Olimpico. Erano 55.000 i tifosi presenti per mandare un messaggio a Lotito: serve una Lazio ancora più ambiziosa nella prossima stagione.
Ieri partenza schock dei biancocelesti, il Verona segna con Simeone e Lasagna. Poi la rimonta: Cabral, Felipe e Pedro. Hongla acciuffa il pari.

Immobile è per la quarta volta re dei marcatori. Lo precede, nella storia della Serie A, solo Nordhal: nessun attaccante italiano era mai riuscito nell’impresa. Ha vinto Sarri, applaudito sotto la Curva Nord, perché bastava un pareggio per finire quinto e piazzarsi davanti alla Roma (terzo anno di fila per la società). La qualificazione in Europa League può essere la base per costruire un futuro radioso, a patto di accontentarlo sul mercato e magari ribaltando il destino attraverso la conferma di un top player come Milinkovic, forse al passo d’addio nella scia di Leiva, Strakosha, Luiz Felipe e probabilmente Acerbi.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW