Connect with us

Per Lei Combattiamo

Tavecchio: “Giusto tornare a giocare, è stata una scelta economica. Lotito? Magari ce ne fossero di più come lui”

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Questa sera torna l’appuntamento con Football Crazy in onda su Tv Gold Italia. Come sempre condotto da Elisa Di Iorio, e in studio Giancarlo Oddi, Pino Wilson e Giorgia Baldinacci. Ormai è stato deciso il calcio ripartirà: si cominica con la Coppa Italia il 13 e 14 giugno per le semifinali, il 17 la finale; mentre dal 19 si ricomincia anche con la Serie A recuperando prima Atalanta-Sassuolo e poi di nuovo con il calendario che verrà rimodificato. Ospite questa sera a Football Crazy, in collegamento telefonico, l’ex presidente della FIGC Carlo Tavecchio. Ecco le sue parole: Ripresa Serie A? Più di un mese fa dissi che se non fosse ripartito il campionato sarebbe stata un’apocalisse. Questo perché tutto il calcio italiano dipende dalla Serie A soprattutto in termini di mutualità per quanto riguarda la Serie B (circa 60 milioni), la Lega Pro (quasi 30 milioni) e poi la categoria Dilettanti (quasi 10 milioni). Se appunto non fosse ripartito o non dovesse essere portato a termine, sicuramente si aprirebbe quel contenzioso già in atto con i brodcaster e questo metterebbe in ocndizione la Lega di non rispettare quegli accordi e quindi molte società si sarebbero trovate in gravi situazioni. Perciò il primo motivo per cui si è scelto di tornare a giocare è una questione economica. Sul protocollo invece ritengo che sia un errore la clausola che prevede che se un solo soggetto viene infettato tutta la squadra viene messa in quarantena e quindi ne subisce i danni. E’ come dire che in un ospedale se un medico viene infettato si mandano a casa tutti i medici. Non è una cosa normale. Gestione del momento? Bisogna distinguere due cose: da un parte c’è la Federazione che ha sempre detto che bisognasse riprendere, mantenendo il rapporto di garanzia per gli impegni assunti. Sicuramente la Federazione è riuscita a tenere tutto il susseguirsi di dichiarazioni a livello politico, che secondo me sono state fatte perché non si conosce il mondo del calcio e le sue procedure. La politica verso il calcio è molto altalenante e lo guarda sempre con un occhio negativo”. Ha preso poi la parola l’ex capitano biancoceleste Pino Wilson sollevando alcuni dubbi sulla fattibilità d’applicazione del protocollo per una categoria come la Serie B. L’ex Presidente ha così replicato: “Ribadisco che questo protocollo è maniacale per la Serie A, quasi impossibile per la Serie B, e inadeguato per la Serie C. Vorrei però dire che in questo periodo Coni, Figc e Governo avrebbero dovuto prendere lo spunto per fare la grande riforma del calcio, portando le squadre professionistiche da 100 a 60, se non si fa adesso non si farà mai più. Paura per un nuovo stop? Credo che il Piano B che è stato scelto (Playoff e Playout) sia un semplice ripiego. Io non solo ho paura del Piano B, ma anche del Piano A. Bastava semplicemente copiare quanto fatto in Germania e negli altri Paesi, dove non è presente questa spada di Damocle di cui parlavo prima. Lazio-Lotito? Io ho vissuto 4 anni con Lotito, 5 giorni su 7 a settimana. Lotito è un grande dirigente dal punto di vista economico e di bilancio ed è stato in grado di portare la Lazio da una situazione di rischio fallimento alla situazione che vediamo oggi e che è sotto gli occhi di tutti. Magari ci fossero più presidenti come lui, in grado di superare crisi come quelle che lui ha vissuto riuscendo a portare le società in alto”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | Udinese-Verona termina in pareggio

Published

on

 


Termina il posticipo della 20esima di Serie A tra Udinese e Verona. A passare in vantaggio sono stati i gialloblù grazie all’autogol di Becao, rete poi recuperatosi dai bianconeri con Samardzic. Con il punto conquistato, il Verona si porta a quota 13 al terzultimo posto, l’Udinese invece sale a 29 punti al settimo posto. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW