Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Pazienza: “La Lazio sta meritando questa classifica. Sogno scudetto tramontato? Non penso. E sulle altre concorrenti…”

silviaaldi@libero.it'

Published

on

 


Domani, sabato 27 giugno, alle 21:45 la Lazio scenderà in campo allo Stadio Olimpico di Roma per affrontare la Fiorentina. Dopo 72 ore dalla caduta di Bergamo, gli uomini di Simone Inzaghi trovano nella gara contro i viola l’occasione di riscattarsi. Un impegno non facile per i biancocelesti che ospiteranno una Fiorentina con voglia di dimostrare il suo valore dopo il pareggio casalingo contro un Brescia sull’orlo del baratro retrocessione, presentato, in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it, dall’ex centrocampista viola Michele Pazienza.

 

Partiamo dalla gara contro l’Atalanta, per i primi 25 minuti abbiamo visto una Lazio da manuale. Poi sono venuti fuori i nerazzurri, che è successo? Mancanza di condizione fisica?

“Il primo tempo ho visto una grandissima Lazio. Una Lazio pronta a lottare per lo scudetto. Chiaramente una squadra che lotta per vincere lo scudetto deve avere per forza in squadra dei giocatori come Milinkovic-Savic, Immobile: giocatori, che, nelle partite importanti riescono ad avere quel guizzo che ti porta poi a sbloccare la partita. Nel secondo tempo l’Atalanta è tornata ai suoi livelli, ha impostato la partita ad una intensità altissima con dei giocatori che, non so come, ma riescono a prendere forma in maniera pazzesca”.

 

La Lazio ha interrotto la striscia di 21 risultati utili consecutivi perdendo contro l’Atalanta. Questa sconfitta allontana gli uomini di Inzaghi dalla vetta, ora distante 4 punti. Sogno scudetto tramontato?

“Non penso sia tramontato. All’inizio della stagione la Lazio aveva avuto già dei buoni risultati, un percorso non entusiasmante ma positivo. La cosa che mancava era proprio la continuità dei risultati, motivo per cui non pensavo potesse ambire a lottare per lo scudetto. Successivamente ha mostrato maturità, continuità sia nelle prestazioni sia, soprattutto, nei risultati. Sta meritando questo finale di campionato, sta meritando questa classifica. Può ancora lottare fino alla fine per lo scudetto”.

 

I biancocelesti dovranno fare i conti con tante assenze. Radu, Correa e Cataldi infortunati a Bergamo oltre a Luiz Felipe, Marusic e Lucas Leiva. Inzaghi è rimasto senza cambi e costretto a un turnover forzato, si intravedono i limiti della Lazio?

“E’ il problema più grosso della Lazio: quello di non avere, così come ha la Juve, delle seconde linee con le stesse capacità delle prime. Però, giocare le partite ogni tre giorni è un problema che si ritroveranno ad affrontare tutte le squadre quindi non ci sono dei vantaggi particolari rispetto ad altre squadre. E’ chiaro che la Lazio può andare in difficoltà quando vengono a mancare dei giocatori importanti come i giocatori sulle corsie interne che hanno un consumo di energie, a livello fisico e mentale, elevato rispetto a dei giocatori che stazionano dentro al campo”.

 

Fiorentina senza Caceres, Chiesa e il tecnico Iachini. Come arrivano i viola alla gara di domani?

“La Fiorentina non ha ripreso benissimo dopo lo stop forzato. E’ una squadra che in questo momento ha bisogno di fare punti per poter terminare il campionato in maniera tranquilla e poter programmare la prossima stagione. E’ una squadra che recupera Ribery, una squadra che dentro la rosa ha dei giocatori che possono dar fastidio alla Lazio. Anche se, nel momento in cui manca un giocatore importante come Chiesa in una partita così delicata, la Lazio qualche vantaggio potrebbe averlo”.

 

Come ti sono sembrate le altre concorrenti alla ripresa?

“Ho visto una Juventus in difficoltà sulla gestione dei secondi tempi, abbastanza statica. Una Juve che ha fatto del possesso palla sterile aspettando il guizzo del campione. Il Napoli è una squadra che ha trovato già ritmo, e, rispetto alle altre messa meglio a livello fisico. E’ dovuto soprattutto dalla struttura fisica da cui è composta è la squadra: Insigne, Mertens, Callejon, Allan sono tutti giocatori che hanno una struttura fisica imponente e questo agevola tutti a riprendere la condizione fisica. L’Inter, proprio come la Lazio, potrebbe avere difficoltà nel momento in cui vengono a mancare quei giocatori importanti e determinanti. Ha difficoltà soprattutto nelle seconde linee”.

 

Che partita sarà Lazio-Fiorentina?

“Mi aspetto una partita con dei ritmi non altissimi, si sentirà un po’ di fatica da entrambe le squadre. Uomo partita? Mi aspetto sempre il guizzo del campione. Da una parte potrebbe essere Milinkovic-Savic, dall’altra Ribery”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW