Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lazio-Sassuolo, De Zerbi: “Grande vittoria, la società lavora bene. Anni fa in questi stadi ho preso 6 gol, oggi potevamo farne di più”

silviaaldi@libero.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Al termine di Lazio-Sassuolo, vinta 1-2 dai neroverdi è intervenuto ai microfoni di Sky Sport l’allenatore del Sassuolo Roberto De Zerbi: “Questa è una grande vittoria, di tutti. Raspadori è un prodotto del nostro settore giovanile, se ne cambiano 9 e facciamo una grande partita con la Lazio a Roma vuol dire che la società lavora bene. Potevamo fare più gol, chiedo solo più convinzione. I ragazzi sono strepitosi. L’obiettivo? E’ la squadra che sta davanti a noi, in questo momento è il Milan. Il calcio è bello perché siamo tutti uguali, è giudice il campo. Fino a che il campo dirà che non possiamo arrivare al settimo posto, spingiamo forte tutti. Se il campo dice che possiamo vincere anche con più di un gol dobbiamo crederci. Mi sto gustando la giornata di oggi, in questi stadi qualche anno fa ho preso anche 6 gol. L’idea portata avanti mi compensa delle amarezze che ho vissuto in questi stadi, questo mi da orgoglio. Le porte chiuse portano a giocare tutti alla pari, spero che avremo questo livello anche quando riapriranno le porte ai tifosi. L’aspetto mentale è quello sul quale abbiamo cercato di lavorare di più, passa anche dalla maturazione singola dei giocatori. Atalanta? Tappa fondamentale. Sono privilegiato ad allenare questi giocatori. Ci credono. Sono tutti professionisti, vogliono migliorarsi. La squadra è la creatura della società ma la sento anche un po’ mia. Mi lego ai giocatori, l’aspetto umano fa la differenza. Non voglio lasciare questa squadra, mi diverto. Sono felice di allenare questi ragazzi”.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdSera | Primo giorno di scuola, però la Lazio resta con il problema numero 1

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

La campanella suonerà alle 8 in punto, anche oggi che è domenica. In clinica Paideia sono in programma le prime visite mediche per iniziare la nuova stagione e si svolgeranno tra oggi e domani. Stamattina arriveranno Radu, Zaccagni e qualche giocatore della Primavera, che poi si aggregherà in prima squadra. Ad aver già svolto le visite sono stati mister Sarri, Cataldi, Marcos Antonio, Cancellieri e Acerbi, che le ha svolte in Nazionale.

I giocatori stanno rientrando a Roma, tra loro c’è anche Luis Alberto che però non è sicuro di rimanere: la pista che porta a Siviglia è calda e, pur di riportarlo in patria, il club andaluso ha messo sul piatto Oliver Torres + 13 milioni. La Lazio spera di ricavarne di più perché il 30% andrà nelle casse del Liverpool e i soldi rimanenti servono a prendere Ilic e Casale dal Verona. Nella trattativa per il difensore potrebbe rientrare anche Raul Moro.

13 milioni sono stati offerti anche per Vicario, che quindi dovrebbe essere il sostituto di Strakosha. Come vice potrebbe esserci Sirigu, ma Sarri apprezza anche Terracciano.

Lo riporta l’edizione romana de Il Corriere della Sera.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW