Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA LAZIOPRESS | L’ex Juventus Torricelli: “Una vittoria della Lazio riaprirebbe tutto. Sarà una gara bellissima”

Published

on

 


Fino a un mese si presentava come il big match decisivo per lo Scudetto, probabilmente sarà soltanto una grande sfida ricca di storia. Lunedì sera all’Allianz Stadium, una Lazio incerottata più che mai farà visita ad una Juventus in crisi di risultati, reduce dal pareggio sofferto con il Sassuolo e lontana dal successo da tre turni. Uno scontro dal sapore europeo, dunque, con i bianconeri alla ricerca di punti pesanti per mantenere a distanza le inseguitrici ed i biancocelesti bisognosi di continuare a muovere la classifica per raggiungere al più presto la qualificazione aritmetica alla prossima Champions League. Per analizzare al meglio i vari temi dalla gara, LazioPress.it ha contattato in esclusiva l’ex juventino Moreno Torricelli.

Con l’Udinese la Lazio è tornata a muovere la classifica rimediando un pareggio. Lo zero a zero della Dacia Arena rappresenta un ulteriore punto verso la Champions League o è un’altra occasione persa nella lotta Scudetto?

“È difficile decifrare il periodo della Lazio. I biancocelesti hanno avuto un’ involuzione pazzesca rispetto al periodo prima del lockdown non riuscendo a ritrovare il ritmo tenuto in precedenza. Chiaramente un pareggio muove la classifica ed in ottica Champions va benissimo, poi bisognerà vedere. Alcune squadre stanno andando in difficoltà, tranne l’Atalanta che sta viaggiando fortissimo, e quindi sarà una lotta ancora aperta con nulla di pregiudicato”.  

La Juventus, dal canto suo, non vince da tre gare. È una situazione dovuta ad un calo fisico o magari vedendo la classifica i ragazzi di Sarri si sono rilassati?

“Non so se si tratti di un calo fisico perchè le prestazioni della Juventus sono buone, ma nell’arco dei novanta minuti ci sono dei passaggi in cui i bianconeri vanno in difficoltà e prendono tanti gol. Non credo ci sia un calo fisico, era da immaginare che alla ripresa dopo vari mesi di stop, con partite molto ravvicinate, potevano esserci degli alti e bassi sotto tutti i punti di vista. Anche la Juventus in dei momenti sta facendo fatica, però diciamo che il risultato riesce sempre a portarla a casa. Le inseguitrici, ad eccezione dell’Atalanta, stanno anch’esse faticando quindi per i bianconeri va bene così”.

Lazio e Juventus, guardando il cammino pre e post lockdown, sono due tra le formazioni che hanno subito una maggiore involuzione. Chi ti ha deluso di più tra i biancocelesti ed i bianconeri?

“Sicuramente la Lazio perchè prima dello stop era una delle squadre che giocava meglio in Italia insieme all’Atalanta. Stava facendo benissimo dato che era ad un solo punto dalla Juventus e chiaramente alla ripresa ci si aspettava qualcosa in più”. 

Lunedì che gara ti aspetti di vedere?

“Spero sia una bella partita. Sono due formazioni che stanno competendo per lo Scudetto ed un’eventuale vittoria di una o dell’altra darebbe molto morale facendo crescere l’autostima. Credo che sarà una bellissima gara perchè i giocatori di ambo le squadre sono straordinari”.

Fino ad un mese fa doveva essere uno scontro Scudetto dove la Lazio doveva rischiare di più. Oggi la situazione è cambiata: la Juventus prima del fischio d’inizio potrebbe trovarsi l’Inter a -3, mentre alla Lazio manca poco per la qualificazione in Champions League. Chi dovrà osare di più lunedì?

“Devono rischiare entrambe perchè una vittoria della Juventus estrometterebbe dalla lotta Scudetto la Lazio, mentre i biancocelesti se dovessero ottenere il successo accorcerebbero sui bianconeri potendo cercare di impensierire gli uomini di Sarri  fino alla fine del campionato”.  

Quindi una vittoria della Lazio rilancerebbe i ragazzi di Inzaghi nella lotta Scudetto?

“Abbiamo visto tanti risultati altalenanti. Tranne l’Atalanta, le altre fanno un po’ fatica con prestazioni discontinue. Con una vittoria dei biancocelesti sarebbe tutto di nuovo aperto”. 

Juventus-Lazio sarà anche la sfida tra Immobile e Ronaldo, primo e secondo della classifica marcatori lontani solo un gol. Chi la spunterà alla fine? Il record di Higuain è oramai salvo?

“Il record di Higuain credo sia inavvicinabile a meno che Immobile o Ronaldo facciano qualcosa di straordinario. Penso che non sarà soltanto la sfida tra Immobile e Ronaldo, in questi tipi di partite c’è bisogno che tutti gli undici facciano un’ottima gara. Senza il lavoro di squadra anche il singolo non riesce ad emergere. Per quanto riguarda la classifica marcatori, sarà una lotta fino all’ultimo. Ritengo che Ronaldo ci tenga in modo particolare, da quando si è ripreso a giocare ha fatto bene andando in gol. Immobile, invece, non riesce più a vedere la porta, ma possono esserci dei momenti in cui si fatica a segnare. Sarà un testa a testa fino alla fine, non so chi potrà spuntarla”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Pellegrini in biancoceleste, il papà: “Ha voluto fortemente la Lazio, la tifiamo da sempre. Orgoglioso della sua scelta”

Published

on

 


Una scelta di cuore, zero pensieri al denaro: Luca Pellegrini ha voluto la Lazio, mettendo davanti allo stipendio l’ambizione di un bambino che sognava di giocare all’Olimpico. Il difensore classe ’99 è un nuovo giocatore biancoceleste; il club laziale lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus. Il terzino sinistro ha iniziato la stagione con la maglia dell’Eintracht Francoforte ed è approdato nella Capitale, volenteroso di essere confermato a fine campionato.

Per commentare il passaggio di Luca in biancoceleste è intervenuto in esclusiva ai microfoni di LazioPress.it il papà Mauro, che non nasconde l’emozione: “Il mio commento non può che essere di un entusiasmo infinito…. noi siamo una famiglia di laziali da sempre. Luca ha fatto un gesto d’amore incredibile nei confronti della Lazio. Ha rinunciato a molto da un punto di vista economico, io da genitore non posso che essere felice della scelta di mio figlio, dei valori e dei principi che ha messo prima dei suoi interessi economici. E non lo dico tanto per dire. La qualità della vita vale più di qualsiasi cifra. E per lui andare nella sua squadra del cuore è il massimo. Ora per lui sarà felicità pura giocare al calcio. Aggiungere altro è superfluo. Ha voluto fortissimamente la Lazio“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW