Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE | E’ sempre Caicedo-Time. Reina para tutto, Correa funambolo decisivo

Published

on

 


Reina 7,5 – Un paio di tiri parati con tranquillità prima di raccogliere incolpevole il pallone di Ronaldo nella proprio porta. Il portoghese ci riprova trovando prima il palo e poi i guantoni dello spagnolo che si ripetono su Rabiot nella ripresa. Urla ai compagni e guida la difesa con personalità, non sbaglia mai una giocata con i piedi. Il pareggio arriva anche grazie a lui.

Luiz Felipe 6,5 – Coraggioso nell’affrontare a campo aperto un fenomeno come Cristiano Ronaldo che riesce a fermare. Dà tranquillità al reparto riuscendo a contenere anche Morata.

Acerbi 6,5 – Torna nel suo ruolo per poi traslocare nuovamente sulla sinistra. E’ l’anima di questa squadra, crede nel pareggio fino agli ultimi istanti giocando praticamente da ala sinistra.

Radu 5,5 – Ritorna in campo dopo più di un mese e non ha ancora la forma migliore. Si aggrappa a tutta la sua esperiena ma la Juventus dalle sue parti spinge e il rumeno va in difficoltà.

Dal 54′ Hoedt 6 – Il suo ingresso serviva per avere maggiore qualità in fase di impostazione dalla difesa. Se la Juve non affonda il colpo è anche merito di un paio di suoi interventi.

Marusic 6,5 – Non tenta mai l’affondo ma non viene mai nemmeno sorpreso alle spalle. Regge bene i duelli con Frabotta e Cuadrado, sfiora l’incrocio con un tiro a giro di mancino ad inizio ripresa e con un colpo di testa ravvicinato.

Milinkovic 6,5 – E’ fra i pochi che ci prova con efficacia per tutta la partita caricando i compagni anche quando la partita sembra ormai persa. L’unica vera azione del primo tempo arriva da una sua sponda aerea non sfruttata da Muriqi.

Cataldi 5,5 – Torna titolare per la prima volta in stagione, gara complicata per lui che non riesce mai ad ingranare. Non trova varchi nella gestione del pallone e ne lascia troppi alle sue spalle dove si infilano le maglie bianconere.

Dal 77′ Akpa Akpro 6 – Entra in campo e si prende subito un cartellino giallo, tanti palloni recuperati che permettono alla Lazio di partire all’assalto.

Luis Alberto 5,5 – Fatica ad entrare in partita complici i pochi allenamenti nelle gambe e la marcatura asfissiante di Bentancur che Pirlo gli riserva. Prova ad accendersi soprattutto nella ripresa ma termina la benzina.

Dal 77′ Pereira 6 – Si fa vedere con personalità ma sbaglia poi il tocco finale con cross sistematicamente presi dai difensori bianconeri, stesso esito anche per le punizioni.

Fares 5 – Perde sistematicamente il duello con Cuadrado sia in difesa che in attacco. Il colombiano lo salta con troppa facilità in occasione del vantaggio bianconero, non azzecca nemmeno un cross.

Dal 54′ Lazzari 6 – Pochi allenamenti nelle gambe, i compagni lo sanno e per questo lo cercano con il contagocce. Lui però è sempre in proiezione offensiva obbligando la Juventus ad allargare le maglie della difesa.

Correa 7,5 – Sacrificio tanto e qualità poca vicino l’area di rigore. Mormora qualche mugugno che si trasforma in applausi scroscianti quando salta mezza difesa della Juventus con cattiveria e classe per poi servire Caicedo che pareggia i conti.

Muriqi 5 – Combattere contro i colossi della difesa bianconera non è semplice ma sono troppi i palloni persi soprattutto in situazioni agevoli. si divora in spaccata il gol che poteva riportare la partita in parità.

Dal 54′ Caicedo 8 – E’ l’uomo della provvidenza. Non struscia un pallone per mezzora ma quando si avvicina il triplice fischio è il suo momento. Controllo e tiro ad incrociare col destro che fa scattare il boato dei pochi presenti allo stadio.

All. Inzaghi 8 – La sua Lazio è più forte delle polemiche e più forte delle assenze pesanti. I giocatori in campo sono i suoi guerrieri e Caicedo è il suo talismano che trasforma in oro tutto ciò che tocca dopo il novantesimo. Fa uno scatto per esultare che se li avesse fatti anche da giocatore…

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo| Lazio, vicini a quota 35.000 spettatori per domenica. Possibile chance dal 1′ per Cancellieri

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


L’abbraccio della squadra a Luis Alberto che ieri ha spento 30 candeline a Formello: «Festeggio con la mia seconda famiglia» a confermare che il mago è sereno dopo un’estate tormentata. Nel frattempo oggi prevista la risonanza alla coscia di Immobile per capire se ci siano margini per un recupero in extremis, il capitano vorrebbe prendere parte al match di domenica a tutti i costi. Nel frattempo si scalda Cancellieri, Sarri potrebbe optare per l’ex Verona per non rischiare Ciro, anche in vista dei prossimi impegni che la Lazio si troverà ad affrontare in pochi giorni.

Nell’allenamento di ieri Lazzari ancora a parte ma già nella seduta odierna dovrebbe agreggarsi al gruppo. Da verificare anche le condizioni dei nazionali (Marusic, Hysaj, Gila, Vecino e Milinkovic). L’Olimpico si appresta a vivere un’altra grande giornata,  sono già poco meno di 35.000 gli spettatori per la sfida di domenica. Oltre ai 26.193 abbonati, quasi ottomila tifosi hanno comprato il biglietto. Oggi il presidente Lotito, alla prima uscita ufficiale da senatore e Immobile saranno presenti in Vaticano alla presentazione della «Partita della Pace».

Il Tempo

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW