Connect with us

Per Lei Combattiamo

GdS | Sempre Caicedo, l’uomo dei finali si inventa i gol “last-second”

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Il graffio del Panterone arriva sempre alla fine. E lascia il segno. Ma stavolta Felipe Caicedo si è superato. Perché il gol che salva la Lazio e impedisce alla Juve di vincere arriva proprio allo scadere, neanche un secondo prima. Tanto che l’arbitro Massa neppure fa riprendere il gioco. Il capolavoro dell’uomo specializzato nei gol realizzati in pieno recupero. Al punto che, adesso, il nomignolo di Last minute Caicedo gli sta stretto. Sì, meglio chiamarlo Last second Caicedo.

ABITUDINE AUTUNNALE 

Già. È la quinta volta negli ultimi dodici mesi che l’attaccante ecuadoriano colpisce dopo il 90’. Tutte reti pesanti, tutte reti che – prima di quella di ieri – avevano fruttato i tre punti per la Lazio. Il gol di ieri ne ha portato uno solo, ma per come la squadra di Inzaghi ha vissuto la gara con la Juve e, soprattutto, per come si era messa la partita, valgono una vittoria. La serie miracolosa è iniziata quasi un anno fa, il 24 novembre del 2019 a Reggio Emilia. Al 90’ Sassuolo e Lazio erano sull’1-1. Ma al primo dei tre minuti di recupero concessi dall’arbitro Chiffi il Panterone colpisce con un gol non molto diverso da quello segnato ieri alla Juve. Proprio contro i bianconeri, due settimane dopo, concede il bis. La Lazio è già in vantaggio per 2-1, ma la Juve preme. Il gol di Caicedo, che arriva al 95’, proprio come ieri, chiude definitamente i giochi. Passa una settimana e Caicedo ne combina un’altra. A Cagliari la Lazio è sotto per 1-0 al 90’. Luis Alberto pareggia al 93’ e a sette secondi dal 98’ l’ecuadoriano segna di testa il gol dell’incredibile sorpasso. Nei mesi successivi Caicedo torna alla normalità, con gol prima del 90’. Torna l’autunno, però, e lui riprende le sue abitudini di goleador extra time. Il primo graffio arriva il 1° novembre a Torino. Come a Cagliari l’anno scorso, al 90’ la Lazio è sotto. Il pareggio lo segna Immobile su rigore e poi al 53’, stesso minuto di Cagliari, arriva il gol del sorpasso siglato da Felipao.

SEGNO DEL DESTINO 

Sempre nello stesso periodo dell’anno (era il 3 dicembre 2017) Caicedo decise un altro match della Lazio in pieno recupero. Quello giocato a Genova contro la Samp e vinto 2-1 dai biancocelesti grazie al gol dell’ecuadoriano al 91’. Una sentenza, insomma. Della quale ieri ha fatto le spese anche la Juve di Pirlo, ormai convinta di avere portato a casa i tre punti. «Zona Caicedo? No, il gol è di tutti – dice lui alla fine -. Gran merito è di Correa che ha fatto tutto alla perfezione. Sapevamo e speravamo che qualcosa potesse succedere. In precedenza avevo sbagliato un paio di palle, il campo non era in ottime condizioni. Ma questa squadra non molla mai, la Juventus ha abbassato i ritmi un po’ nel finale, ma il merito è davvero di tutti. Con questa cattiveria possiamo andare avanti a lungo, ci serviva la prestazione di Torino, adesso è arrivata anche questa. Dobbiamo continuare così».

La Gazzetta dello Sport  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Corea del Sud-Portogallo, le formazioni ufficiali

Published

on

 


A pochi minuti dal fischio d’inizio tra Corea del Sud e Portogallo, le due formazioni hanno comunicato le proprie formazioni ufficiali:

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW