Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Inzaghi e l’anima laziale di una squadra di tifosi

Published

on

 


L’abbraccio finale è un’istantanea potentissima. Una di quelle che entrano nell’immaginario collettivo diventando icona. E di queste corse a perdifiato che terminano nell’estasi più spinta la Lazio ne ha collezionate diverse. Tutte molto simili ma nessuna uguale all’altra. Si fa fatica a sceglierne una. Cagliari lo scorso anno? Due domeniche fa a Torino? O quella con la Juventus? Impossibile. Una cosa però è certa: quella di ieri era condita da un qualcosa in più. Non era solo gioia. Era l’attimo in cui la rabbia accumulata in settimana è esplosa e si trasforma in felicità estrema. Sì, in goduria. E di quella più lussuriosa possibile. A far incendiare tutto è sempre il solito Caicedo. Ancora. Lui. Ancora un gol decisivo quando tutto sembrava finito. Riaccende i cuori. Li fa esplodere fuori dal petto. Basta chiamarlo bomber di scorta. Il punto guadagnato contro la Juve vale tre volte tanto. Perché la Lazio ha dimostrato che nelle difficoltà è in grado di tirare fuori una forza incredibile. Si compatta. Diventa roccia. Resiste a qualsiasi vento. Senza piegarsi. Quella contro la Juventus è la “vittoria” del gruppo. Dell’unione.

IL CAPOLAVORO
L’azione che trasforma la rabbia in estasi è un qualcosa di tremendamente laziale. Inzaghi, anima di una squadra di tifosi, spinge Marusic facendogli cambiare direzione della rimessa in campo. Adam voleva darla indietro, Simone, invece, aveva già visto oltre. Palla a Correa. Il Tucu che s’accende dopo ore di sonno e poi il graffio che squarcia il bianco e nero e fa esplodere i colori. Quelli del cielo. L’urlo, la corsa e quell’abbraccio pieno di passione. Tanto da far sfigurare i protagonisti della storica foto di Robert Doisneau. Un capolavoro arrivato al termine di una settimana difficilissima, con una vigilia che definire da incubo è riduttivo. Sabato sera c’è stata addirittura una perquisizione della Guardia di Finanza nel centro sportivo. Avrebbe ammazzato chiunque. Non la Lazio. Inzaghi è stato bravo a catalizzare tutte le negatività trasformandole in forza. Il tecnico ha riplasmato un gruppo che sembrava essersi spento durante il lockdown. Gli ha restituito forza e passione. Chi va in campo lo fa come fosse un tifoso. E il segreto dei momenti magici della Lazio è proprio questo.

ilmessaggero.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Europa League

Sturm Graz-Lazio, biancocelesti in partenza verso l’Austria – VIDEO

Published

on

 


Attraverso delle Instagram stories postate sul proprio canale ufficiale, la Lazio ha immortalato l’arrivo dei giocatori biancocelesti all’aeroporto, in procinto di partire alla volta dell’australiana. Domani infatti, la squadra di Sarri affronterà lo Sturm Graz nella sfida di Europa League in programma alle ore 18:45.

Di seguito i video dei giocatori:

CLICCA QUI PER VEDERE I VIDEO

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW