Connect with us

Per Lei Combattiamo

Una difesa in evoluzione, Inzaghi cerca la formula giusta. Tra rientri e nuovi arrivati, aumentano le carte a disposizione

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Terminata la stagione passata con la conquista della Champions League tra mille difficoltà dopo un campionato da vera protagonista, la Lazio non ha avuto nemmeno il tempo di festeggiare che già era tempo di ripartire. L’emergenza Covid-19 ha modificato radicalmente la vita di ogni singola persona e anche la vita del sistema calcio che si è dovuto adeguare ad un virus davvero ballerino. Prima lo stop a marzo, poi la ripresa in estate e subito la ripartenza con la stagione 2020/2021. Due stagioni consecutive, quasi senza pausa, senza poter recuperare alcuni uomini al 100%. E’ il caso della Lazio che è partita alla prima gara stagionale senza un pezzo fondamentale nella difesa di Inzaghi: Luiz Felipe. Il brasiliano si era ritagliato nella scorsa stagione un ruolo da titolare nel tris difensivo di Inzaghi. Spesso molto duro e “cattivo” in alcuni interventi, ma sempre pulito e con pochissimi errori. Una crescita esponeziale quella di Luiz Felipe che era arrivato da Salerno quasi come un rincalzo di poco livello. Ha poi sorpreso tutti con la sua voglia e i suoi interventi, pericolosi, ma decisivi. Costretto a saltare le prime quattro gare di campionato (Inter e Atalanta in particolare) per un infortunio rimediato nelle amichevoli pre-campionato. Il suo rientro è però arrivato al momento giusto: all’esordio in Champions League contro il Borussia Dortmund. Inzaghi alle prese con molti dubbi di formazione, visto poi l’infortunio di Stefan Radu e anche l’assenza di Lazzari sulla fascia. Il brasiliano tornato al centro della difesa, con Acerbi a sinistra e Patric a destra, ha retto in modo impeccabile la difesa non lasciando spazi ad Haland. Poi il cambio al 51′ per Wesley Hoedt, visto il recupero non proprio completato. Infatti di nuovo in infermeria e ulteriore stop per due gare, Campionato e Champions. Il rientro con il Torino per la grande vittoria firmata Caicedo all’ultimo respiro.

INZAGHI E I REBUS DIFENSIVI

Non facile è stato l’inzio di stagione per Simone Inzaghi, che ha dovuto combattere con molti rebus di formazioni, causa infortuni o stop dovuti da Uefa e Lega. Una difesa che ha visto cambiare spesso i suoi interpreti, partendo dal portiere, nelle ultime gare, con Pepe Reina tra i pali; e una serie di modifiche nel terzetto difensivo. Uniche certezze Acerbi e Patric, con il difensore italiano che non ha mai abbandonato il suo posto guidando al meglio ogni compagno che si trovava di fianco. Infortuni, stop, e ricerche di Inzaghi per azzeccare il tris difensivo migliore da mettere in campo. Il ritorno di Wesley Hoedt sicuramente ha fatto comodo al tecnico piacentino che ha potuto contare su maggiori centimetri e un piede educato per impostare il gioco, così come piace ad Inzaghi. Una squadra che è stata più volte rimaneggiata, dando spazio addiruttura ad alcuni giovani Primavera. Si pensi che a Brugge in panchina sedevano 8 giocatori, di cui 5 Primavera. L’emergenza Covid-19 e i molti infortuni stanno mettendo a dura prova le capacità di ogni allenatore.

BUONE NOTIZIE

Se però fino a questa sosta-Nazionali le notizie non sono state delle migliori per squadra e tecnico, negli ultimi giorni da Formello giugnono informazioni confortanti. Sui campi d’allemento si sono rivisti due grandi veterani della Lazio: il Capitano Senad Lulic, e Stefan Radu, con il romeno che ha già fatto il suo rientro in campo contro la Juventus. Un motivo in più per sorridere, viste le tante partite che si dovranno affrontare e la Lazio adesso è alla ricerca di quanti più uomini possibili per poter affrontare questo campionato. Esperienza e forza che faranno comodo soprattutto in Champions. Radu e Lulic sono pronti a tornare per riprendersi il loro posto. Anche se la difficotà ha fatto emergere le seconde linee. Ha mostrato un Patric cresciuto, che ormai non commette più errori e sembra essere un tifoso proprio come lo è Inzaghi. Le difficoltà di questi mesi hanno visto emergere un Akpa Akpro, arrivato quest’anno come oggetto del mistero, ma con talento e voglia di giocare tanto da aver già messo a segno un gol contro il Borussia Dortmund. La crisi di inizio campionato ha regalato a Inzaghi un Pepe Reina tra i pali che dà sicurezza e tranquillità. E in più, anche se non è una novità ormai, un Felipe Caicedo sempre più determinante nella sua zona, la Zona-Caicedo. Sono tante le carte ora a disposizione di Inzaghi, dovrà usarle bene e con attenzione. Gli impegni sono tanti e gli attacchi esterni possono far male, ma la squadra non deve cadere. Ora tutti sono importanti, ma nessuno è insostituibile.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Corea del Sud-Portogallo, le formazioni ufficiali

Published

on

 


A pochi minuti dal fischio d’inizio tra Corea del Sud e Portogallo, le due formazioni hanno comunicato le proprie formazioni ufficiali:

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW