Connect with us

Per Lei Combattiamo

GdS | Pereira&Muriqi: scatta l’ora X, conquistare i quarti e la Lazio

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Simone Inzaghi a caccia di nuovi gol. Contro il Parma il tecnico biancoceleste lancia una coppia d’attacco inedita con Vedat Muriqi e Andreas Pereira. Immobile a riposo, Caicedo in panchina (ieri a parte), mentre Correa non appare ancora pronto per giocare dal 1’ dopo aver smaltito lo stiramento riportato il 23 dicembre contro il Milan e subentrerà nella ripresa. Spazio così al 26enne kosovaro e al 25enne brasiliano, uniti dall’etichetta di acquisti più quotati dell’ultimo mercato biancoceleste, ma ancora alla ricerca della svolta nella propria stagione.
OSTACOLI

Muriqi è arrivato dal Fenerbahçe per 20 milioni di euro per essere la torre che mancava in prima linea. Pereira è in prestito, ma la Lazio potrà esercitare il diritto di riscatto col Manchester United per una somma che rende chiara la portata dell’operazione: 27 milioni. Dopo il no di David Silva, si è puntato sul suo estro da trequartista, anche se poi Inzaghi lo inquadra come attaccante. Per tutti e due problemi muscolari in serie, guai col Covid e difficoltà di inserimento. Con numeri che svelano sinora aspettative ancora in sospeso. Nessun gol per Muriqi nei 391 minuti in campo nelle 13 presenze tra campionato (9) e Champions. Sinora solo tre gare da titolare (2 in A). Pereira è invece andato a segno una volta: nella sua prima da titolare, a Torino, avviando il 4-3 sui granata. Dal 1’ il brasiliano anche contro lo Spezia. In tutto, 16 presenze (4 in Champions) con 362’ giocati: mai a tempo pieno. Tanto entusiasmo per la sua avventura alla Lazio sui social tra qualche soffio di insofferenza, come quando nel finale della gara con la Fiorentina (6 gennaio) è rientrato anzitempo negli spogliatoi per non esser stato inserito da Inzaghi nell’ultimo cambio. Lo stop di Luis Alberto potrebbe ridargli spazio da interno in chiave offensiva. Intanto, questa sera, Pereira andrà all’attacco con Muriqi: entrambi vogliono dimostrare di potersi meritare anche loro un posto in prima fila nella stagione biancoceleste.

ALTRA OPERAZIONE

Dopo Luis Alberto operato martedì sera d’appendicite, anche Luiz Felipe dovrà sottoporsi a un intervento. Domani in Germania l’operazione alla caviglia destra: pulizia della cartilagine per l’edema osseo derivato da una distorsione nell’amichevole di Frosinone del 12 settembre. Tempi di recupero sui due mesi. Sarà un’assenza pesante quella del 23enne difensore brasiliano: senza di lui, media punti di 1,2 a gare; con lui quasi 2 punti a partita. Il d.s. Tare sta valutando possibili rinforzi per la difesa: in pole ci sarebbe il greco Sokratis Papastathopoulos, 32 anni, ex Milan e Genoa, che ha appena risolto il contratto con l’Arsenal. Intanto, questa sera, per la panchina è stato rispolverato Vavro, che però resta sul mercato. Nell’emergenza della retroguardia, con Patric da far rifiatare, toccherà a Parolo agire nell’inusuale ruolo di terzino destro. In panchina, come già nel derby, capitan Lulic: nel finale potrebbe tornare in campo dopo quasi un anno di stop. Al rientro Fares, k.o. per stiramento 40 giorni fa. E tra i pali si rivedrà Strakosha. Tanto turnover: solo Acerbi, Lazzari e Milinkovic, i titolari del derby questa sera in campo dal via. Inzaghi guarda all’obiettivo: «Dobbiamo fare una partita da Lazio per cercare di andare ai quarti».

La Gazzetta dello Sport 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, Milinkovic e il “giorno più importante della carriera”. Ed è tornato prima a Formello

Published

on

 


C’era un tempo, non molto lontano, in cui Milinkovic era profeta a Roma ma non in patria. Titolare inamovibile con la Lazio, idolo dei tifosi, ma alternativa (di lusso) con la Serbia. Adesso invece anche in nazionale si sono accorti che un giocatore così non solo non può stare in panchina, ma deve avere un ruolo centrale nell’ossatura della squadra. Bella scoperta, verrebbe da aggiungere. Così, ormai da un anno abbondante, non esce dal campo quando gioca la sua Serbia e nella prima partita di questa sosta contro la Svezia ha indossato anche la fascia al braccio. Per un calciatore, avere i gradi da capitano in rappresentanza del proprio paese è forse il riconoscimento massimo. “Il giorno più importante della mia carriera”, il commento del centrocampista serbo.

foto Fraioli

Anche la Lazio l’ha elogiato sui propri canali social e l’aspetta nelle prossime ore a Formello. Milinkovic infatti tornerà prima degli altri nazionali (senza considerare Immobile, già a Roma) perché era diffidato e nell’ultima partita ha preso il cartellino giallo contro la Svezia e salterà la gara contro la Norvegia. Una buona notizia per Sarri, che ha bisogno di Milinkovic nel lungo tour de force che aspetta la Lazio prima dei Mondiali. Che il Sergente giocherà con la Serbia. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW