Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | L’ex Cagliari Del Grosso: “La Lazio un rullo compressore, può lottare per il primo posto. Immobile l’emblema di colui che si è costruito con il sacrificio”

Published

on

 


Dopo aver ripreso a correre con l’avvento del 2021, in casa Lazio l’obiettivo è non fermarsi più. I due big match dominati con Roma e Atalanta hanno ridato vigore ai biancocelesti che ora vogliono riprendere la marcia interrotta dal lockdown di quasi un anno fa. Il prossimo avversario sul cammino dei ragazzi d’Inzaghi è il Cagliari, formazione che, complice una situazione di classifica preoccupante (solo 15 punti conquistati), è obbligata a fare risultato potendo anche contare su un mercato di riparazione di livello (in Sardegna sono arrivati Nainggolan, Rugani e Asamoah). Per analizzare al meglio i temi della prossima sfida dell’ Olimpico, LazioPress.it ha contattato l’ex rossoblù Cristiano Del Grosso.

Iniziamo dalla Lazio. L’ ultima vittoria a Bergamo che segnale è per il campionato dei biancocelesti?

“Sicuramente è una svolta. La Lazio non ha bisogno di presentazioni, viene da cinque vittorie consecutive, l’ultima netta contro l’Atalanta. I biancocelesti sono sempre più convinti di loro stessi, stanno dimostrando di poter lottare benissimo per il primo posto”. 

Dice che la Lazio può lottare per il primo posto. La vittoria con l’Atalanta ha cambiato gli obiettivi stagionali o il traguardo stabilito rimane comunque il quarto posto?

“Il quarto posto è un obiettivo che la Lazio deve raggiungere e consolidare. Io credo che possa anche ambire a qualche posizione migliore considerando che si trova in uno stato psicofisico impeccabile. La vittoria contro l’Atalanta l’ha dimostrato.” 

Domenica all’Olimpico arriva il Cagliari. Che momento è per i sardi?

“Cagliari è una realtà che tengo molto a cuore perchè ci ho giocato due anni. Ritengo che quest’anno la classifica dei sardi sia bugiarda, perchè i rossoblù non sono riusciti a vincere partite che avevano in mano. Non credo molto nella sfortuna, preferisco pensare che dipenda dagli episodi. Domenica (contro il Sassuolo n.d.r.) potevano portare a casa i tre punti ed invece hanno pareggiato la partita all’ultimo. Dispiace perchè i sardi hanno una rosa che non merita il posto che occupa. Per uscire da questo momento, confido molto nel mister Di Francesco e nel gruppo a sua disposizione, un organico che salvarsi tranquillamente e disputare un campionato sereno. Mi auguro che ciò accada anche tenendo conto dell’impegno e dei sacrifici del presidente in questi anni che ritengo molto importanti”.  

Questa situazione difficile dipende anche da alcuni innesti estivi, come Godin, che fino ad oggi hanno deluso?

“Sai, è normale aspettarsi tanto da Godin. È un giocatore di grande livello, ma non è sufficiente un solo giocatore, in difesa tra l’ altro, a farti fare la differenza. È ovvio che stiamo parlando di un calciatore che, insieme a un gruppo di esperti e di giovani importanti come quello del Cagliari, può mettere in mostra il suo vero valore. Non è da Cagliari sottolineare il singolo. Godin deve esprimersi al meglio come il resto della squadra per un campionato duro volto alla salvezza con l’uruguaiano che nella sua carriera è stato abituato a competizioni diverse”. 

Guardano al presente: gli innesti di Nainggolan, Rugani e Asamoah sono sufficienti per l’obiettivo salvezza?

“Secondo me sì, poi il giudice rimane il campo. Serve aspettare, ma conosco bene il modo di lavorare di Di Francesco, la piazza di Cagliari e ci sono tutti i presupposti affinché la squadra possa cambiare il ruolino di marcia. I rossoblù ora hanno hanno a disposizione calciatori come Nainggolan, Rugani, Godin, giovani interessanti come Zappa ed in avanti le alternative non mancano. Non la vedo così nera, è normale che stando a numeri non bisogna essere molto tranquilli, però c’è tempo per cambiare la rotta e il Cagliari ne ha tutte le possibilità”. 

Da un mercato all’altro. In casa Lazio è arrivato solo Musacchio. È un acquisto sufficiente per ambire ai primi posti?

“La Lazio non doveva fare tanto. Ha preso un grande giocatore e se andiamo a vedere l’andamento dell’ultima sessione di mercato nessuno ha fatto il grande colpo, nessuno ha lavorato tanto. I biancocelesti fanno bene a continuare a lottare con questo gruppo, grande gruppo sottolineo, e con un allenatore che da anni è riuscito ad essere un valore aggiunto. I capitolini hanno ormai delle idee consolidate, degli automatismi giusti. Dispiace solo che non si possa guardare lo spettacolo Lazio con una tifoseria che spinge la squadra. In ogni caso, sotto questo punto di vista la squadra non ha problemi perchè è un rullo compressore”. 

 Chi potrà essere l’uomo della partita da entrambe le parti?

“Per quanto riguarda la Lazio, io tifo per Immobile perchè ho avuto la fortuna di giocarci insieme quando era un ragazzino e so quanto lui abbia desiderato migliorare e quanto ha lavorato per riuscirci. Ciro è l’emblema di un calciatore che si è costruito con il sacrifico ed ovviamente con le qualità che ha. È uno di quelli da prendere sempre in considerazione. Mi fanno piacere anche i risultati che sta ottenendo Lazzari, un ragazzo che con la Spal è arrivato in B e che l’anno prima voleva smettere. Per la Lazio tifo questi due ragazzi perchè li conosco personalmente. Per il Cagliari, invece, spero faccia sempre bene Zappa, un calciatore che ho avuto a Pescara l’anno scorso, e poi mi auguro che Nainggolan possa dare quel qualcosa in più. Tutti si aspettano che torni il vero guerriero del Cagliari”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW