Connect with us

Per Lei Combattiamo

TMW | La Lazio supera la prova di maturità: nel 2021 solo due squadre in Europa hanno fatto meglio

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Per Inzaghi il Cagliari era “un esame per valutare la maturità della squadra”. E la Lazio l’ha passato, il test, anche se non a pieni voti. Perché all’Olimpico contro Cagliari, fortemente arroccato in difesa con tutti gli effettivi sempre sotto la linea della palla, i biancocelesti non hanno brillato e hanno sofferto più del previsto. Ma alla fine, hanno ottenuto ciò più volevano: la vittoria, la sesta consecutiva in Serie A. E forse è quella che nell’economia del campionato pesa più di tutte, perché è arrivata nel turno in cui ‘steccano’ Atalanta, Napoli e Roma, raggiunta al 4° posto a 40 punti.

Dopo le difficoltà di inizio stagione, tra l’impegno in Champions e i vari casi di positività al Covid, ora la Lazio è tornata. Di dubbi ce ne sono pochi, sopratutto dopo l’1-0 non spumeggiante col Cagliari. Perché se è vero che la manovra ieri non è stata fluida e la qualità è venuta meno (su un campo dove il giorno prima aveva giocato il rugby e aveva assorbito una giornata di pioggia), è altrettanto da sottolineare la caparbietà, la determinazione e il cinismo della Banda Inzaghi, che rispetto al passato ha imparato a vincere anche quando non va a mille. Gli astri, sopra Formello, sembrano essersi di nuovo allineati. Dopo qualche tempesta, è tornato il sereno. Lotito ha pagato in anticipo gli stipendi per i prossimi due mesi alla squadra, che inevitabilmente ha apprezzato il gesto. Inoltre, è prossimo il rinnovo di Inzaghi, per chiudere una telenovela lunga ormai un anno e dare un forte segnale di continuità al progetto. Che sembrava sgretolarsi, a inizio stagione, invece adesso è più solido che mai. E la Lazio ha ripreso a volare, conquistato nel 2021 più punti di tutti in campionato (19): in Europa solo Manchester City (24) e Monaco(21) hanno fatto meglio.

TuttomercatoWeb.con/Riccardo Caponetti 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Lazio, finalmente le rotazioni: ecco quanto hanno giocato i nuovi arrivati

Published

on

 


Lotito nella finestra di mercato estiva ha speso come mai prima d’ora, regalando a mister Sarri non solo 8 nuovi acquisti, ma anche la possibilità di far ruotare i giocatori tra le varie competizioni. A differenza degli altri anni, infatti, tutti i nuovi innesti sono stati già scesi in campo per diversi minuti, permettendo i titolari di riprendere fiato.

Il meno utilizzato, per ora, è Luis Maximiano. Il portiere era titolare nella partita di esordio di questa stagione contro il Bologna, ma dopo 6 minuti ha rimediato un cartellino rosso, costringendo Provedel a prendere il suo posto.

Dal 14 agosto Provedel è titolare fisso, sia in campionato che in Europa League. In questo modo, tra i nuovi acquisti è quello che ha giocato per più minuti, in tutto 802. In campionato ne ha giocati 622’ (gli 82 di Lazio Bologna e le restanti partite 90’) e in Europa League 180’ (i 90 di Lazio-Feyenoord e di Midtjylland-Lazio).

In ordine, subito dopo troviamo Romagnoli con 638 minuti, di cui 475 in Serie A e 163 in Europa League. In campionato ha giocato tutti e 90 i minuti contro Bologna, Torino, Inter e Napoli, rimanendo in panchina contro il Verona e scendendo in campo per 81 minuti contro la Samp e 34 con la Cremonese. In Europa, invece, ha giocato 73 minuti contro il Feyenoord e tutta la partita con il Midtjylland.

fraioli

Al terzo posto c’è Vecino, il pupillo di Sarri. Il centrocampista è stato l’ultimo ad arrivare saltando tutta la preparazione ad Auronzo di Cadore, ma, nonostante ciò, è uno dei più utilizzati. Sono 378 i minuti in cui è sceso in campo, di cui 255 in Serie A e 123 in Europa. Non ha mai giocato una partita intera, però piano piano si è riconquistato la fiducia del suo ex mister che lo ha mandato in campo inizialmente 7 minuti contro il Bologna nella prima partita, poi man mano ha aumentato il minutaggio. Dopo il Bologna sono arrivati i 62’ contro il Torino, i 57’ contro l’Inter, i 37’ con il Napoli, 25’ contro il Verona e 67’ con la Cremonese. Solo con la Samp è rimasto in panchina. In EL, invece, ha giocato 70’ contro il Feyenoord, in cui ha segnato 2 gol e servito un assist, e 53’ contro il Midtjylland.

fraioli

Subito dopo troviamo Gila, che con i suoi 201 minuti totali si piazza al quarto posto. Solo 21 minuti per lui in campionato (9 con la Samp e 12 con la Cremonese), ma tutti i 180 in Europa League.

Terzultimo posto per Casale, con 146 minuti in campionato. Non ha ancora mai calcato i campi dell’Europa League, ma ha giocato 90 minuti contro il suo ex Verona e 56’ contro la Cremonese.

Infine, prima del meno utilizzato Luis Maximiano, troviamo Marcos Antonio con 138 minuti. In Serie A è sceso in campo 4 volte: contro il Torino (28’), l’Inter (6’), la Samp (18’) e il Verona (65’). In Europa League, invece, ha giocato solo 21 minuti contro il Midtjylland.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW