Connect with us

Per Lei Combattiamo

Serie A, tutti i risultati delle partite di questa sera

Published

on

 


Terminano anche le sei gare delle 20:45 della 25° giornata di Serie A di questa sera in attesa di Parma-Inter che si giocherà domani.

Alla Sardegna Arena tra Cagliari e Bologna la spuntano i sardi per 1-0, decisiva la rete di Rugani nel primo tempo, con un colpo di testa vincente al 19′.

L’Atalanta ne fa 5 al Crotone del neo allenatore Serse Cosmi. La gara, terminata 5-1, si apre al 12′ con Gosens, al 23′ pareggia invece i conti Simy. Nel secondo tempo i nerazzurri spingono e in poco meno di 15 minuti ne rifilano 3 ai rossoblù. Al 48′ arriva infatti la rete di Palomino, al 50′ quella di Muriel e al 58′ quella di Ilicic. All’84’ anche Miranchuk trova la gioia del gol e chiude le marcature.

Al Franchi tra Fiorentina e Roma i giallorossi trovano la vittoria: 1-2 il risultato finale. Passa in vantaggio la squadra di Fonseca con Spinazzola al 48′, il quale al 60′ insacca nella porta sbagliata ristabilendo la parità. All’88’ però Diawara realizza il 2-1, con il gol inizialmente annullato per fuorigioco e poi convalidato con ausilio del Var, regalando così i 3 punti alla Roma.

Parità nel ‘derby della lanterna’, con Genoa e Sampdoria che segnano un gol a testa. Al 52′, dopo una cavalcata, Zappacosta apre le marcature, al 77′ invece, su corner battuto da Candreva, Tonelli con un’incornata realizza l’1-1.

Stesso risultato a San Siro tra Milan Udinese: 1-1. I padroni di casa evitano la sconfitta solamente nel sesto minuto di recupero grazie alla rete di Kessie su calcio di rigore dopo un ingenuo fallo di mano di Stryger Larsen. I friulani avevano trovato infatti  l’1-0 con Rodrigo Becao al 68′.

Al Vigorito di Benevento l’Hellas Verona ne rifila ben 3 ai padroni di casa. 0-3 netto con la rete di Faraoni al 25′ che apre le marcature, l’autogol di Foulon al 34′ e quella di Lasagna al 50′.


Termina qui la partita tra Sassuolo e Napoli sul risultato di 3-3. La gara si sblocca al 34′ con l’autorete di Maksimovic propiziata da una punizione di Berardi. Il Napoli pareggia dopo 4 minuti con la rete di Zielinski. Al 45’+1 il Sassuolo va ancora avanti con Berardi su calcio di rigore. Nel secondo tempo i partenopei la ribaltano. Il 2-2 arriva al 72′ con Di Lorenzo, mentre al 90′ Insigne firma il terzo gol azzurro dal dischetto. Allo scadere Manolas commette un’ingenuità in area di rigore che costa caro ai suoi, non perdona Caputo dagli 11 metri che sigla il 3-3. Un punto a testa con i neroverdi che ora salgono a 36, mentre gli azzurri adesso sono a 44 punti.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA| Dai calciatori al Papa passando per la Lazio, i Gemelli: “La consegna più emotiva a Lucas Leiva. Non ci fermiamo mai” – FOTO

Published

on

 


I Gemelli sono sempre sul pezzo: che si tratti di calcio, spettacolo, musica o il mondo della ristorazione e della movida loro ci sono, tra opere richiestissime e la particolarità dei troni. Tra i tanti lavori che hanno fatto molti sono per la Lazio: calciatori attuali, ex e non solo. Un percorso lungo che ha raggiunto il proprio culmine con il trono regalato a Papa Francesco. Per parlare di questo evento, delle opere per il mondo Lazio e molto altro i Gemelli rilasciato un’intervista in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it.

 

Parlando dell’ambito Lazio, quale fu la prima opera che avete fatto? 

Il primo fu Beppe Signori. Aveva aperto un ristorante a Bologna e facemm0 i troni a lui e Marcolin. Un trono della Lazio e uno del Bologna. Poi ne abbiamo fatte anche altre con varie maglie. Da Pedro a Immobile.

Le più significative? 

Facemmo in seguito quello di Candreva al derby di Lulic. Qualcosa di molto importante. Poi il gol sempre al derby di Pedro. Mi chiama dicendomi che mi conosceva tramite Leiva e che voleva darmi la maglia. Per noi maneggiare una maglia simile, di un gol che tutta Italia e non solo ha visto, è stato molto importante. Non dimentichiamoci poi di Lulic.

 

Avete fatto un trono anche per Radu in occasione del record di presenze. Il regalo fu mostrato anche dai canali social della Lazio…

In quell’occasione collaborammo con Parolo che mi fu complice insieme a tutta la squadra. Feci un trono alto con la maglietta davanti e una sua foto dietro. L’idea era quella di fargliela trovare come fosse un trono in mezzo al campo per il suo record di presenze. Eravamo coperti da tutta la squadra, loro si aprono e usciamo noi. Stesso discorso anche per il quadro per Radu, consegnato in presenza del presidente Lotito, un nostro omaggio alla società. Una giornata molto importante.

Come è partito il tutto? 

Noi nasciamo da Milano e ci siamo estesi anche all’estero. Nel 2014 Gokhan Inler ci fa fare opere per tutta la Nazionale Svizzera di cui era capitano. Ora spesso calciatori all’estero ci chiedono di diffondere la nostra arte nel loro palese. L’ultima consegna importante è Coulibaly. Lo abbiamo fatto per la Coppa D’Africa. L’arte non ha confini.

 

Il vostro lavoro si allarga su altri campi? 

Abbiamo toccato anche altri campi per cominciare a soddisfare le richieste anche di troni per vini e Champagne non solo. Bottiglie che arrivano ai tavoli sui nostri troni. Tuttavia, il mondo del social predomina e questo ci ha aiutato a diffonderci. Anche per quanto riguarda i locali è divenuta una sorta di pubblicità. Tra i lavori particolari che abbiamo fatto ce n’è anche uno con gli arrosticini. Ora ne stiamo facendo uno per un campione della pizza. A Parigi successe una cosa molto importante: ci hanno ringraziato per avergli dato un’idea per un regalo all’emiro mentre promuovevamo i nostri troni lì. Facemmo infatti un trono da cane per il principe a cui non sapevano cosa regalare. Questo è un po’ lo spirito con cui spesso ci si approccia a questo mondo. 

 

Come nasce questa idea di creare dei troni? 

Nasce come una coincidenza. Per regalare al presidente Moratti un trono con la maglia dell’Inter e con scritto “Massimo 100”. Quando lo portammo al centro dell’Inter ci vide l’allora allenatore Roberto Mancini che ci disse ‘No, questo lo regalo io’. Da quel momento le richieste sono aumentate e noi abbiamo deciso di portare avanti questa attività, grazie anche alle richieste di molti. E’ bello il fatto che comunque puoi anche rivivere la tua carriera in questo modo. Basta che ci siano consegnate delle maglie e possiamo creare dei progetti. si possono sistemare queste maglie nelle stanze in modo artistico, ma in modo che si abbinino bene alla stanza. 

 

Un percorso lungo con cui si è arrivati anche al Papa…

Si, una vittoria per noi. Si è concretizzata una bella cosa. Si ipotizzava di colpire Cristiano Ronaldo, Messi, Donald Trump… Ma il Papa è il Papa. C’era la difficoltà legata al fatto che Papa Francesco odia i reali, per cui non si sa se avrebbe accettato un trono. Però il calcio è anche unione, e avendo usato la maglia dell’argentina con il suo nome lui è stato felice in quanto un dono di due artigiani. Anche Vasco Rossi non è stato facile: quando siamo andati lì a Modena Park lui si intrattenne con noi  molto tempo nonostante i manager insistevano per portarlo via ma la magia dei troni lo intrattenne lì. 

La consegna più emotiva? 

La consegna più emotiva è stata quella di Lucas Leiva. La moglie Ariana ci ha contattato dicendo che, davanti al Colosseo, avrebbero festeggiato il loro anniversario. Noi ci siamo nascosti in un’altra stanza per un’ora finché la moglie non lo ha condotto lì dove eravamo noi con queste due opere in cui vi era sia la maglia della Lazio che quella del Liverpool. Leiva si è commosso vedendo questi regali. 

E ora?

Abbiamo in mente delle idee importanti. I gemelli sono sempre walk in progress. Abbiamo delle novità legate a degli effetti e delle magie create per calciatori e probabilmente qualche stadio. Si parla di un gioco di luci.

Per seguire i Gemelli:

 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW