Connect with us

Per Lei Combattiamo

CorSera | Luis Alberto, nuovo bomber che dà la scossa

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Obiettivo record. A Luis Alberto mancano tre gol per eguagliare se stesso, arrivando a 11 in campionato. L’ha raggiunta nella sua prima grande annata alla Lazio, stagione di grazia 2017-2018, quando da oggetto misterioso e aspirante pittore si trasformò in campione. La sua fu un’esplosione improvvisa e inattesa, benché Tare e Inzaghi confidassero nelle sue qualità tecniche: sfruttò un vuoto nella formazione titolare in estate, si guadagnò stima e fiducia, da allora non è mai più uscito dal campo.
In quel torneo andò a segno a un ritmo straordinario, poi si è dilettato soprattutto con gli assist – nella scorsa stagione è stato il re della Serie A – fermandosi una volta a 4 e una volta a 6 gol. Adesso l’anomalia: zero passaggi vincenti ai compagni, ma tanti colpi decisivi, l’ultimo venerdì scorso contro il Crotone.
Gli 8 gol che Luis Alberto ha segnato in questo campionato hanno un valore speciale, forse superiore rispetto agli 11 di tre stagioni fa, perché lo spagnolo ha cambiato posizione in campo allontanandosi dalla porta. All’epoca faceva la seconda punta, alle spalle di Immobile, del quale era partner in attacco e ispiratore. Poi l’arrivo di Correa e la decisione di Inzaghi di provare a costruire una Lazio offensiva arretrando il Mago sulla linea dei centrocampisti. È da lì che parte oggi per andare a cercare la porta, una collocazione tattica che rende oggettivamente più complicato arrivare alla conclusione. Eppure ha 12 partite per realizzare i 3 gol che gli permetterebbero di stabilire il suo primato personale.
Luis Alberto in campionato è il secondo miglior marcatore della Lazio dopo Immobile, la Scarpa d’Oro, e davanti a Caicedo e Milinkovic-Savic, i due compagni che assieme a lui hanno permesso ai biancocelesti di piegare la resistenza del Crotone. Ha dimostrato di avere smaltito – almeno un po’ – la delusione della sconfitta contro il Bayern, una sfida nella quale riponeva molte speranze di mettersi in evidenza anche a livello internazionale. Mercoledì a Monaco cercherà il riscatto: una grande partita, magari un gol (sarebbe il primo che segna in Champions). Ha sposato la Lazio e non pensa più con insistenza all’addio, come qualche tempo fa, ma soffre la mancanza di confronti ad alto livello fuori dall’Italia. Fatica a trovare spazio in nazionale, è uscito travolto negli ottavi di Coppa assieme alla squadra. Ora ha una nuova opportunità: non la vuole fallire.

Corriere della Sera 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La S.S. Lazio onora la Memoria dei perseguitati della Shoah e delle vittime dell’odio

Published

on

 


Come riportato sul sito biancoceleste, la Lazio ricorda le vittime dell’Olocausto:
La Società Sportiva Lazio, Ente Morale, ricorda con commozione e onora la Memoria dei bambini, delle donne e degli uomini perseguitati della Shoah e vittime dell’odio. Non verranno mai dimenticati e continueremo a sentirli presenti, vivi, in ogni singolo istante, impegnandoci concretamente per dare luce alla Memoria e spegnere l’odio e la discriminazione in tutte le forme ottuse e violente in cui si manifestano ancora, ogni giorno“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW