Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio Primavera, Andrea Marino si presenta. L’agente Paloni: “Sta diventando un centrocampista sempre più completo. Il suo obiettivo è continuare a crescere”

Published

on

 


Diciannove anni e fascia da capitano sul braccio. Andrea Marino, centrocampista della Lazio Primavera è uno degli imprescindibili di mister Leonardo Menichini, con 18 presenze su 20 totali disputate dai biancocelesti fin qui in stagione. Il giovane centrocampista, nato a Ciriè in provincia di Torino e cresciuto con le maglie di Juventus, Torino, Salernitana e Rieti addosso, ora è il perno del centrocampo laziale. Per presentare il giovane calciatore biancoceleste la redazione di LazioPress.it ha contattato in esclusiva l’agente Paolo Paloni, che lo rappresenta nell’agenzia Football Trade Srl.

Andrea Marino è nato calcisticamente nella Juventus, poi ha giocato con il Torino, Salernitana e infine 6 mesi al Rieti prima di approdare alla Lazio. Com’è nata la trattativa con il club capitolino?

“Il giocatore aveva già fatto vedere tante qualità nel Campionato Primavera con la Salernitana. Poi abbiamo pensato di mandarlo a giocare al Rieti in Serie C per garantirgli del minutaggio, e dal momento che ha fatto molto bene la Lazio ha deciso di acquistare le prestazioni del giocatore”.

Passando direttamente al campo, che tipo di giocatore è?

“A me piace definirlo un centrocampista completo perché riesce ad abbinare entrambe le fasi molto bene, e soprattutto negli ultimi due anni è cresciuto molto anche nella fase di non possesso. Oggi sta continuando a crescere e sta diventando un centrocampista sempre più completo, bravo in entrambe le fasi”.

In stagione Marino è stato impiegato sia in cabina di regia sia come mezz’ala come contro il Torino. Qual è il suo ruolo naturale?

“Credo che Andrea riesca a fare entrambi i ruoli. È ovvio che molto spesso si è visto come play ma poi riesce a fare, avendo tutte e due le fasi, anche la mezz’ala, e a mio avviso ci riesce in modo appropriato e convincente”.

Marino non è nato a Roma ma spesso sui social notiamo che segue molto la prima squadra. Che tipo di rapporto ha con l’ambiente biancoceleste?

“Sta bene, è felice e vive il calcio 24 ore al giorno. Il suo obiettivo è quello di continuare a crescere. Andrea sta molto bene e si trova altrettanto bene nell’ambiente laziale”.

Per il futuro il giocatore preferirebbe proseguire con la Lazio oppure ha delle preferenze in particolare?

“È concentrato sulla fase finale del campionato, ci sono ancora tante partite da disputare che vuole giocare al meglio. Poi a fine campionato faremo il punto della situazione con la Lazio e decideremo cosa fare anche con il giocatore”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW