Connect with us

Per Lei Combattiamo

GdS | Spettacolo e amnesie per la Lazio la nona vittoria vale un balzo Champions

edoardo_00@hotmail.it'

Published

on

 


Otto gol, tre rigori, Var, pali e tanto altro ancora. E il tutto, nel secondo tempo, sotto il diluvio. Lazio-Benevento, ancora una volta, è sinonimo di spettacolo ed emozioni. Era stato così già in occasione dei due precedenti all’Olimpico in gare ufficiali (5-1 in Coppa Italia nel 2008 e 6-2 in campionato nel 2018), stavolta però la partita è molto più equilibrata e si chiude solo all’ultimo dei 6 minuti di recupero, quando Immobile fissa sul 5-3 il punteggio. Lampi ed orrori, ma alla fine per i padroni di casa arrivano lo stesso tre punti fondamentali nella corsa Champions. Il quarto posto adesso dista due punti in meno (4 anziché 6) e i biancocelesti hanno pure una gara da recuperare.

RECORD E AMNESIE 

La nona vittoria interna consecutiva (record eguagliato in un singolo campionato, il primato assoluto è di 10) arriva al termine di una girandola di emozioni che sono il frutto di due partite diametralmente opposte. Nella prima, che dura un’ora, in campo c’è solo la Lazio. Che segna quattro gol, colpisce un palo, spreca un rigore, fallisce altre occasioni. E si concede il lusso di subire un gol (da Sau, ed è il più bello della giornata). Poco prima del quarto d’ora della ri- presa accadono però i due even- ti che cambiano tutto. Immobile spreca dal dischetto il 5-1 (Ciro si era comunque sbloccato col gol del 2-0 ed aveva propiziato l’autorete di Depaoli, lasciando poi a Correa il rigore del 3-0). Subito dopo Pippo Inzaghi (niente incrocio col fratello, perché Simone è ancora assente causa Covid) cambia uomini e modulo. Gli ingressi di Viola, Caldirola e Lapadula per Schiattarella, Letizia e Gaich (e in precedenza Dabo per Sau) cambiano volto (si passa al 3-5-2) e spirito dei campani. La Lazio, invece, le sostituzioni le sbaglia (e Luis Alberto uscendo, si toglie e fa cadere la maglia).

RIMONTA SFIORATA

La rimonta impossibile comincia col rigore trasformato da Viola (e pescato dal Var, così come il secondo della Lazio, quello fallito da Immobile) e subito dopo arriverebbe anche il 4-3, segnato da Lapadula. Ma c’è ancora il Var che rileva un fallo di Caldirola su Immobile prima del colpo di testa vincente. Il 4-3 arriva lo stesso, grazie alla zuccata di Glik, ma quando al 90’ mancano 5 minuti. Troppo tardi per completare l’opera. Ma non per restituire l’immagine di un Benevento che è ancora vivo, nonostante l’ennesima sconfitta.

Gazzetta dello Sport  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Juventus-Lazio, i convocati di Sarri: la scelta su Pellegrini

Published

on

 


Questa sera all’Allianz Stadium Juventus e Lazio si affronteranno per l’ultimo quarto di finale di Coppa Italia, con la vincente del match odierno che affronterà l’Inter di Simone Inzaghi in semifinale. Attraverso i propri canali social, la Lazio ha reso nota la lista dei convocati per il match con i bianconeri: anche il nuovo acquisto Pellegrini è subito disponibile.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW