Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE – Marusic e Leiva ci mettono orgoglio, gli altri ci mettono poca voglia e disattenzione

Published

on

 


Strakosha 6 – Prende gol al primo tiro in porta, la conclusione di Kyriakopoulos era angolata ma pur sempre da oltre venticinque metri. Subisce il raddoppio su calcio di rigore con Berardi che lo spiazza. I miracoli arrivano quando ormai la partita era indirizzata.

Marusic 7 – E’ fra i pochi in campo che gioca la partita in maniera seria. Lotta dal primo all’ultimo istante onorando la maglia come invece non fa il resto della squadra.

Parolo 5 – Prima fa i danni e poi evita un passivo peggiore. Un fallo su Caputo da giocatore ingenuo a cui non può nemmeno reggere la giustificazione del ruolo, poi salva sulla linea in sforbiciata per evitare un passivo peggiore.

Radu 5 – Stringe i denti e gioca l’ennesima gara consecutiva ma si vede che è arrivato a folle in questa stagione. Emblematico l’errore sul finire della gara quando si dimentica un avverario alle sue spalle.

Lazzari 5 – Magari ci sarà pure il contatto di Ferrari alle spalle ma si fa recuperare in velocità da un centrale di difesa troppo facilmente, ogni tanto sarebbe meglio evitare di cercare sempre il rigore. Non si ricordano cross interessanti.

Dall’86’ Armini SV

Akpa Akpro 4 – L’impegno non si discute ma il livello non è da Lazio. Gioca in maniera scolastica, scaricando sempre all’indietro e non fa sentire il suo dinamismo in mezzo al campo. Sempre in ritardo in fase di marcatura. Completa l’opera perdendo il pallone da cui nasce il 2-0.

Dall’80’ Moro SV

Lucas Leiva 6,5 – Provare a mettere ordine a questa squadra è impresa troppo grande anche per il brasiliano. Capisce che serve il suo aiuto anche qualche metro più avanti e si mette a disposizione, se poi la squadra non sfrutta di certo non gli si può rimproverare nulla.

Dall’80’ Escalante SV

Cataldi 6 – E’ uno dei misteri di questa stagione. Un giocatore che l’anno scorso aveva mostrato ottime qualità come alternativa, anzichè avanzare nelle gerarchi è stato rilegato ad ultima scelta. Accantonato troppo presto, merita di trovare maggiore fiducia.

Dall’86’ Bertini SV

Lulic 5 – Altro giocatore arrivato a fine stagione con zero benzina a disposizione nonostante abbia disputato solo mezzo anno. Poca roba, davvero troppa poca roba.

Correa 6 – La sua gara dura meno di venti minuti, chiede il cambio per una ricaduta al polpaccio.

Dal 19′ Fares 4 – Un altro dei misteri della campagna acquisti. In attacco azzecca un cross su venti tentativi e dietro balla ad ogni affondo del Sassuolo.

Muriqi 4 – Col mancino la spara sulla cupola del Duomo di Reggio Emilia, vabbe ma è forte nel gioco aereo dicevano. Ecco che arriva il cross, è solo e senza marcatura, il pallone finisce alla bandierina. Il problema non è lui, ma chi lo ha comprato dovrebbe assumersi della responsabilità.

All. Inzaghi 4 – La squadra ha spento il cervello da più di un mese, un dogma tattico mantenuto anche di fronte alle assenze con il mister che si inventa posizioni nuove ai giocatori quando poteva solo cambiare modulo. Dodici sconfitte in campionato sono davvero una esagerazione.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Lazio-Fiorentina, Provedel: “Importante la solidità dimostrata, dispiace non aver parato il gol”

Published

on

 


Intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, il portiere della Lazio Ivan Porvedel ha commentato il pareggio maturato all’Olimpico contro la Fiorentina per 1-1.

Queste le sue parole:

La Fiorentina è una squadra forte, ha fatto una bella partita, è una squadra che ha molti punti in meno per quello che esprime, peccato non aver concretizzato qualche occasione per portare la vittoria a casa. L’hanno giocata a viso aperto, per me è importante la solidità dimostrata, cerco di fare sempre il mio meglio delle volte ci sono riuscito delle volte no, il percorso è di crescita. La Fiorentina pressava a uomo e  giocavano alti, per noi che giochiamo palla a terra il lavoro si è fatto più difficile per cercare di evitare i rischi, potevamo gestire qualche pallone, loro sono stati bravi. Dobbiamo fare  ancora meglio, per me la prestazione è positiva e la Fiorentina è stato un avversario molto difficile. Cambi? Io penso che gli ingressi siano stati positivi ma non dipende da chi entra, ma dallo spirito del collettivo. Mi dispiace non aver parato il gol”.

Queste le parole dell’estremo difensore in zona mista:

È stata una partita molto dura, loro sono una squadra forte, con molti punti in medo di quelli che meriterebbe secondo me. Sono venuti a fare una gara importante, peccato non essere riusciti ad allungare nuovamente le distanze, ma siamo stati solidi e questo è l’importante. Se le squadre ci lasciano gli spazi è più facile uscire, loro ci hanno pressato molto forte e gli spazi che hanno chiuso nella nostra area ce li hanno concessi più avanti. Per me la prestazione è da tenere, un punto da portare a casa anche se si poteva fare meglio. Lanci lunghi? Noi cerchiamo l’uscita da dietro, delle volte non si riesce e quindi se abbiamo gli spazi chiusi cerco la profondità“.

“Le proteste di Immobile per il recupero? Io non ho parlato con l’arbitro, per me sono cose che contano il giusto. Avrei preferito qualche minuto in più, però se hanno deciso così va bene. Guardando le occasioni in generale si poteva portare a casa la vittoria, non ci siamo riusciti. Poi per gli episodi finali è un punto guadagnato“.

Per me questa è un’esperienza molto positiva: ho avuto la fiducia della società che ha deciso di prendermi, io cerco solo di ripagarla nel quotidiano e in partita. In alcuni casi il mio contributo è stato sufficiente, in altri non sono riuscito ad essere perfetto. Penso faccia parte del percorso di crescita“.

Vedo il bicchiere mezzo pieno. Quello che forse ci era mancato nel tempo era la solidità. In alcuni casi, se non puoi vincere la partita non la devi perdere. Dopo prestazioni di un certo tipo non deve calare l’attenzione. Oggi non è successo. Bisogna dare anche merito agli avversari. Siamo in crescita“.

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW