Connect with us

Per Lei Combattiamo

TMW | Lazio, rivoluzione Sarri. Dal 3-5-2 al 4-3-3, come cambieranno i ruoli dei giocatori

Published

on

 


Rivoluzione doveva essere e rivoluzione sarà. Non è stato ancora ufficializzato, ma Maurizio Sarri sarà il nuovo allenatore della Lazio. Dopo cinque anni di Inzaghi, saranno modificate tante cose a Formello. Il tecnico toscano smonterà la squadra per ricostruirla a proprio piacimento, con l’aiuto del ds Tare che dal mercato dovrà portargli due terzini (Hysaj è uno dei due), un centrocampista di gamba e un esterno d’attacco. Questi saranno acquisti necessari per trasformare il 3-5-2 inzaghiano nel suo 4-3-3, con il 4-3-1-2 come possibile variante. Ecco, nello specifico di alcuni giocatori, cosa cambierà:

Luis Alberto play, caccia a una mezz’ala – La novità più stuzzicante può essere l’arretramento di Luis Alberto come regista basso, alla Jorginho per capirci. Ne ha parlato con Tare, l’idea intriga: tecnica, qualità, visione e capacità balistiche non gli mancano, bisognerà capire se riuscirà a cambiare il suo stile di gioco prettamente offensivo. Leiva, Escalante e Cataldi rimarranno comunque, sono profili che piacciono, così come sarà centrale Milinkovic. A centrocampo però servirà un intermedio: Loftus-Cheek, che Sarri ha già avuto al Chelsea e Tare segue da tempo, è il nome più caldo.

Luiz Felipe-Acerbi i titolari dietro – Sarà questa la coppia di difesa della nuova linea a 4 di Sarri. Come ha raccontato anche Baiano a TMW, a loro il compito più arduo: dopo anni con Inzaghi, dovranno cambiare impostazione perché dovranno imparare a muoversi in base alla palla e non più in base agli avversari. Vavro può essere rivalutato dopo la bocciatura di Inzaghi, ma dal mercato dovrebbe arrivare comunque qualcosa: Maksimovic e Boateng, entrambi in scadenza e gestiti da Ramadani (l’agente di Sarri) le idee.

Radu e Marusic, i due jolly – Il primo, dopo una vita da terzino sinistro, ha ritrovato una seconda giovinezza (ha 35 anni) come braccetto mancino nel 3-5-2: sarà utilizzato sia da centrale che sulla fascia. Un doppio ruolo sarà previsto anche per Marusic, in scadenza nel 2022: destro naturale, ha sempre giocato a sinistra e continuerà ad alternarsi sulle due corsie.

I più in difficoltà – Da punti di forza a punti interrogativi. Lazzari e Correa, due certezze del 3-5-2 di Inzaghi, rischiano di non trovare una collocazione nel 4-3-3 di Sarri. Soprattutto l’esterno italiano, quinto di centrocampo perfetto e naturale: può essere adattato terzino o addirittura come terzo d’attacco nel tridente. Il ruolo che sarebbe di Correa, che dovrà entrare nell’ottica di doversi sacrificare molto di più rispetto al passato in fase difensiva. Tra i big è il sacrificabile, gli altri sono intoccabile: ha un’offerta da 30 milioni dall’estero, la società sta riflettendo. In bilico anche la permanenza di Patric, un altro perfetto per Inzaghi ma meno per Sarri. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Con la Juve rilancio per Lazzari, Patric e Vecino. In attacco torna Immobile

Published

on

 


Novanta minuti da dentro o fuori. L’avversario è al momento indecifrabile per cui sarà una partita tutta da giocare domani sera contro la Juventus. Non ci sarà turnover ma qualche cambio è naturale che Maurizio Sarri lo effettui per avere una squadra carica di energie nervose e mentali. Fra i pali rientra Maximiano che già ha giocato il turno precedente col Bologna. In difesa torna Lazzari sulla corsia di destra con Hysaj confermato sulla fascia mancina, un turno di riposo per Marusic che non era al 100%. In mezzo si riprende la maglia da titolare Patric dal primo minuto e farà coppia con Romagnoli, favorito su Casale. A centrocampo uno dei big partirà dalla panchina, dalle prove di oggi sembra poter toccare a Milinkovic con Vecino quindi che si muoverebbe alla destra di Danilo Cataldi e con Luis Alberto a completare il reparto. Davanti non ci sono dubbi sulla fascia e la maglia a Ciro Immobile, i venti minuti di domenica hanno dato segnali confortanti. Il numero 17 quindi guiderà l’attacco con Felipe Anderson a destra e uno fra Pedro e Zaccagni a sinistra. E’ un ballottaggio aperto con lo spagnolo in leggero vantaggio sull’ex Verona uscito acciaccato dalla sfida contro la Fiorentina.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW