Connect with us

Per Lei Combattiamo

Dallo “Stadio delle Aquile” al Flaminio

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Einstein diceva che “La misura dell’intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario”. Partiamo da qui per sintetizzare quello che affronteremo nelle prossime righe. Da anni si parla di costruire nuovi stadi, come la Juventus che, a differenza di altre società in Italia, ha effettivamente realizzato un proprio impianto sportivo. Dal progetto dello Stadio delle Aquile all’ipotetica riqualificazione dello Stadio Flaminio per dare una “casa” al popolo laziale, sono passati molti anni e soprattutto molti ripensamenti sull’idea iniziale.

STADIO FLAMINIO. È un impianto storico di Roma, realizzato tra il 1957 e il 1958 da Pierluigi Nervi per ospitare gli incontri del torneo olimpico di calcio del 1960. Utilizzato nel corso del tempo per le partite di rugby, è stato ristrutturato nel 2004. La sua realizzazione costò 900 milioni, all’interno contava su una piscina coperta, palestre e tante strutture considerate all’avanguardia. È stato per molti anni un punto di riferimento della città di Roma per aver ospitato eventi sportivi, ma anche concerti di una certa importanza come David Bowie, Michael Jackson e i Rolling Stones.

MA LO STADIO DELLA LAZIO? Torniamo indietro di qualche anno.

Giugno 2005. A Formello, Claudio Lotito annuncia la costruzione dell’impianto sportivo biancoceleste. Il presidente mostra un plastico del progetto, un piccolo quartiere ricco di varie strutture, stadio compreso. Il patron della Lazio dice di avere sia i terreni dove costruire, che i fondi per realizzare l’opera. Lo Stadio delle Aquile, nome successivamente scelto dai tifosi, è stato ideato per sorgere al chilometro 6,2 della via Tiberina, nei terreni di proprietà della famiglia di Lotito. Il progetto, però, viene bocciato per vincoli ambientali e storici. Lotito, credendo nell’idea, propone nuove aree per la costruzione dello stadio, ma siamo di fronte a terreni non edificabili. La stessa giunta dell’epoca, come ipotetica soluzione, offre al presidente biancoceleste l’area del Flaminio, senza nessuna risposta positiva.

Giugno 2021. Lotito, abbandona l’idea iniziale e va avanti con il progetto di recupero dello Stadio Flaminio. Infatti, negli scorsi giorni aveva imposto quattro condizioni per una futura realizzazione:

  1. capienza, lo stadio deve arrivare almeno a 40 mila posti, più diecimila rispetto l’attuale capienza, in modo tale da non creare alcun problema con la Uefa;
  2. copertura, impensabile uno stadio senza tetto (ma è sotto tutela della soprintendenza speciale delle Belle Arti);
  3. parcheggi;
  4. viabilità.

Nel mentre alcuni professionisti, incaricati dal presidente biancoceleste, hanno effettuato dei sopralluoghi per comprendere la situazione attuale dello Stadio Flaminio: l’impianto, infatti, è in pessime condizioni, ma non si esclude l’ipotesi di recupero. Anzi, sono in corso delle valutazioni per comprendere come far fruttare la zona circostante. Anche se la questione potrà entrare nel vivo solo dopo le elezioni amministrative d’autunno.

NUOVE PROSPETTIVE. Dal 2005, quando un complesso impianto avrebbe potuto fruttare molto alla società in termini di introiti, siamo arrivati a una condizione nuova: la sostenibilità economica potrebbe essere conseguita diversamente, attraverso la riqualificazione dello Stadio Flaminio e l’investimento nelle aree limitrofe. Si tratta di un’ipotesi che comporterebbe non solo la riqualificazione di un’impianto storico, come lo Stadio Flaminio, ma soprattutto regalerebbe finalmente una casa al popolo biancoceleste. E se questo non bastasse, proprio nel cuore della Capitale.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Dall’Inghilterra: “Il West Ham rinuncia ad Emerson Palmieri”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Uno dei nomi per la fascia sinistra della Lazio era quello di Emerson Palmieri, che nelle ultime ore è sembrato sempre più vicino a vestire la maglia del West Ham. Come riportato dal “The Sun“, infatti, il club inglese avrebbe rinunciato al giocatore per le eccessive richieste del terzino italo-brasiliano. Una decisione definitiva, che riaprirebbe le porte a Lazio e Juventus, con il club bianconero che nelle ultime settimane era fortemente interessato al giocatore.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW