Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

CdS | Allarme Figc, immunizzati in minoranza

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Avanti tutta con vaccini e green pass per far tornare il calcio alla normalità il prima possibile. La Figc non vuole perdere tempo e sta continuando ad accelerare per rendere operativo il piano che prevede la completa vaccinazione degli atleti delle squadre di Serie A e B. Attualmente si sono vaccinate quattro compagini: Bologna, Empoli, Fiorentina e Milan. Qualcuno si è mosso in autonomia. Il progetto in via prioritaria riguarda gli atleti, non è però escluso che possa essere esteso anche alla dirigenza e allo staff tecnico. L’obiettivo concreto è quello di vaccinare tutti entro le prime giornate del prossimo campionato (21-22 agosto). Di pari passo i vertici federali seguono con attenzione l’evolversi della vicenda legata all’obbligatorietà del green pass per accedere ai luoghi pubblici affollati, allo studio da parte del governo in vista della cabina di regia programmata per domani e destinata a limare i dettagli. Già da giorni Gravina ha chiarito la sua posizione in merito al green pass: “Siamo arrivati al momento in cui bisogna renderlo efficace per riaprire gli impianti, garantendo tempi certi aa società e tifosi. Non si può aspettare oltre. Sappiamo che sarà complicato ottenere la riapertura totale, ma chiediamo gradualità e rapidità nelle prossime decisioni delle istituzioni”. Un grande esempio offerto dalla Figc è arrivato nelle scorse settimane dalla vaccinazione che ha riguardato gli azzurri impegnati all’Europeo. La maggior parte del gruppo aveva completato il ciclo vaccinale ancor prima di volare per la Sardegna per il ritiro di fine maggio. Lo riporta il Corriere dello Sport.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Scudetto Milan, rubata la medaglia di Pioli: “Restituitemela, è l’unica che ho”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Episodio sgradevole durante i festeggiamenti per il diciannovesimo titolo rossonero. Il tecnico: “Me l’hanno strappata dal collo, aiutatemi a ritrovarla”.

REGGIO EMILIA – La festa per lo scudetto vinto dal Milan non è rovinata. Ma l’episodio è sgradevole. Al tecnico rossonero Stefano Pioli è stata rubata la medaglia ricevuta durante la premiazione. “Mi hanno strappato la medaglia nelle celebrazioni: se potete fare un appello vi ringrazio, è l’unica che ho”.

Il furto della medaglia di Pioli è avvenuta mentre si stavano svolgendo i festeggiamenti. I tifosi hanno cantato in continuazione il coro “Pioli is on fire”, sulle note della celebre canzone “Freed from desire”. Prima della premiazione dei rossoneri, Ibrahimovic aveva innaffiato di prosecco Pioli, poi si era acceso un sigaro. “Non mi sono mai sentito così bene – aveva detto poco prima del fattaccio Pioli – io mi conosco e so quanto è importante sentirmi apprezzato come mi sono sentito nell’ambiente Milan. E questo mi ha permesso di fare quello che ho fatto e ai miei giocatori di darmi il cuore e la testa. Siamo un squadra di fenomeni, non abbiamo mai mollato. Ci abbiamo creduto sempre e siamo stati più continui dell’Inter”. Restituite quella medaglia a Pioli, se l’è meritata. Repubblica.it 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW