Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | Lazio stanca, ora tutti a casa

Published

on

 


Stanca, lenta, prevedibile. Si iniziano a far sentire i carichi di lavoro sulle gambe della Lazio. Ieri nell’ultimo test amichevole del ritiro di Auronzo contro il Padova è arrivato un deludente 1-1. Ad aver fatto arrabbiare Sarri non è stato il risultato, bensì la prestazione a dir poco rivedibile della maggior parte dei calciatori schierati tra primo e secondo tempo. Che non fosse una partita semplice lo si era capito sin dalle prime battute, con la squadra veneta stabilmente nella metà campo laziale. Meritato il gol del vantaggio di Della Latta: tiro deviato da Luiz Felipe che non ha lasciato scampo a Reina. Rabbiosa ma disordinata la risposta dei biancocelesti. Disuniti e soprattutto nervosi. Quasi inevitabile la reazione di Luis Alberto ai danni di Hraiech, autore di falli sistematici ogni qualvolta il Mago toccasse il pallone. Giallo allo spagnolo, che dagli undici metri, a pochi istanti dall’intervallo, ha ristabilito la parità battendo Vannucchi. Nella ripresa, complici i cambi e la pioggia battente (Zandegiacomo al limite della praticabilità), il rendimento del gruppo è calato ulteriormente. Gambe pesanti e idee annebbiate. La preparazione di Sarri ha lasciato il segno. Ieri sera cena di squadra per chiudere il ritiro, oggi il ritorno nella Capitale. Poi due giorni di riposo totale: raduno fissato per il 31 a Formello. Partenza per la Germania in programma il 2 agosto. A fare un bilancio di queste tre settimane c’ha pensato Gonzalo Escalante: «Abbiamo fatto un ottimo ritiro – ha dichiarato l’argentino – siamo contenti di esser allenati da un tecnico come Sarri. Manca ancora qualcosa, ma siamo sulla buona strada. Lui chiede di muovere la palla a duemila all’ora, di essere compatti. Stiamo capendo ancora quello». Intanto sul mercato si sta chiudendo l’operazione Basic. Il centrocampista classe ’96 sarà il rinforzo per la mediana, con il Bordeaux costretto a lasciarlo partire per una cifra vicina ai 7 milioni. Da un croato all’altro: se non dovesse arrivare a Brandt, la Lazio ha messo gli occhi su Josip Brekalo. L’esterno offensivo del Wolfsburg può lasciare la Germania con la formula del prestito con obbligo di riscatto. Il Tempo/Daniele Rocca

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW