Connect with us

Per Lei Combattiamo

Situazione arbitrale, Marelli: “Arbitri in difficoltà, siamo passati da 34 mila a 29 mila”

Published

on

 


Luca Marelli, ex arbitro di Serie A, delinea l’attuale situazione arbitrale nel corso della trasmissione “Abc del Calcio” su Cusano Italia Tv.
La classe arbitrale del futuro potrebbe rimandare la sua fioritura. Questo rischio c’è, non dobbiamo negarlo. Un anno e mezzo senza arbitrare è veramente tanto, anzi, troppo. Dovremo fare i conti reali degli arbitri che sono rimasti, anche perché molti arbitri hanno abbandonato. Dai 34mila arbitri del 2016 siamo arrivati ai 29mila di inizio stagione”.

Calciatore che a termine carriera voglia intraprendere la strada arbitrale.Il grande problema dell’attività arbitrale è che viene considerata un’attività banale. Un calciatore, per poter diventare arbitro, deve metterci tanto tempo. In Nba capita di vedere giocatori che, con il tempo, diventano arbitri, ma ci vuole una vita, non è una cosa che si impara in un giorno. Arrivare in Serie A non è un percorso semplice. Non possiamo pensare che un ex giocatore possa mettersi un fischietto in bocca e una divisa e diventare un ottimo arbitro“.

Sostituzione Rizzoli alla C.A.N.Io non sono stato molto favorevole alla sostituzione di Rizzoli (Nicola Rizzoli, ex arbitro e designatore arbitrale ndr.), ma non perché abbia qualcosa contro Rocchi. Se proprio bisognava cambiare c’era solo un nome, proprio quello di Rocchi. Ha le capacità necessarie per sostituire Rizzoli, ha la preparazione giusta e capacità di comunicare, ma non sono stato favorevole al cambio di Rizzoli“.

Uso della Var. “Avrei pagato per avere la Var ai miei tempi. Mi sarei evitato varie sospensioni. Per quanto riguarda l’utilizzo del Var mi piace l’utilizzo fatto agli Europei. In Italia, secondo me, viene utilizzato troppo; deve essere utilizzato molto meno. Bisogna cominciare a utilizzare il Var soltanto nelle situazioni di carattere oggettivo, come il fuorigioco o i chiari evidenti errori. Deve rimanere l’attività arbitrale su tutto il resto, come nel caso dei contrasti tra i giocatori. Si deve intervenire solo nei casi eclatanti. Bisogna arrivare a un Var che non deve essere una moviola in campo, come nell’ultimo mese e mezzo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Lazio-Fiorentina, Tare: “Non sono previste operazioni sul mercato”

Published

on

 


Prima del match dell’Olimpico tra Lazio e Fiorentina il ds biancocelesti Igli Tare è intervenuto ai microfoni di DAZN. Queste le sue parole:


“Non la vedo come un’occasione unica, ma come una partita da vincere per dare seguito al campionato perché per dare un significato importante alla vittoria di martedì dovrebbe essere stasera la possibilità di portare a casa i tre punti. 
Se avevamo idea che fosse così? È ovvio che uno quando fa certe scelte le aspettative sono quelle, ci voleva il tempo. Un anno e mezzo era dovuto, un conto è giocare in una piazza piccola un conto in una grande con aspettative importanti. È una cosa diversa e lui sta rispettando tutte le aspettative. Finché sarà aperto tutto può succedere, ma in questo momento non è previsto alcun intervento” 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW