Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lazio, un ritiro che serve per cambiare mentalità prima di Fiorentina e Atalanta

Published

on

 


Ieri c’è stato il primo giorno di ritiro a Formello, dopo la pesante disfatta di Verona. Il 4-1 subito in Veneto ha portato la società ad ordinare un serrate i ranghi nel quartier generale, dove Sarri si è confrontato con la squadra negli spogliatoi e poi ha diretto l’allenamento sotto gli occhi di Igli Tare.

Sembra esserci stato subito un cambio di atteggiamento nei calciatori, con una partitella finale dove nessuno si è risparmiato, dove Romero è uscito anzitempo per un duro intervento di Luiz Felipe ed André Anderson ha subito un pestone. Domani c’è la Fiorentina da affrontare allo Stadio Olimpico, una partita che diventa fondamentale contro una squadra in forma e affamata di risultati per trovare la continuità. Domenica c’è invece l’Atalanta ed in caso di brutta prestazione con la Viola il ritiro rischia di allungarsi ulteriormente.

Maurizio Sarri vuole che l’atteggiamento dei calciatori cambi e soprattutto non sia così altalenante: non si può passare da vittorie importanti ed esaltanti come quella nel derby e contro l’Inter, per poi arrivare a delle sconfitte contro Bologna ed Hellas Verona. Non vincere una determinata partita ci può stare, perché il calcio non è una scienza esatta e non è detto che il favorito riesca sempre a mantenere il pronostico. Ma quello che i tifosi e l’allenatore richiedono, è un impegno continuo e perseverante. Il primo tempo di Verona poteva finire con 4-5 reti a favore dei veneti, quindi l’approccio mentale al match è stato del tutto fallimentare.

Si tratta, comunque, del nono ritiro da quando Claudio Lotito è diventato presidente: la prima volta fu di Delio Rossi nel 2009 prima di un derby, poi, a novembre dello stesso anno, Ballardini rimase 10 giorni a Norcia. Nel 2010 Reja tornò in Umbria per evitare una retrocessione drammatica, ma il più famoso, però, è sicuramente quello del 2013, prima della vittoria in Coppa Italia contro la Roma.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

CorSera | Romagnoli e Casale, la coppia italiana che ha blindato la Lazio

Published

on

 


Sei volte di fila schierati dall’inizio e porta inviolata in 4 gare.

Grazie al lavoro di mister Sarri, la Lazio ha incassato 11 gol in 15 gare di campionato. Ma ci sono ancora margini di miglioramento. Dal 16 ottobre scorso contro l’Udinese, il tecnico ha schierato RomagnoliCasale e in campionato non li ha più cambiati; la coppia difensiva ha mantenuto la media di 2 partite su 3 senza subire reti.

Fraioli – Proietto

Con sole 6 apparizioni in coppia, l’affinità non può che migliorare: avendo d’altronde solo 24 anni uno (Casale) e 27 l’altro (Romagnoli), potrebbero formare la difesa centrale per le prossime stagioni. La Lazio non è abituata ad avere a lungo termine una coppia di italiani a proteggere la propria porta, gli ultimi a giocare con continuità erano stati Biava e Stendardo.

foto Fraioli

Come riportato dal Corriere della Sera

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW