Connect with us

 

Esclusiva

ESCLUSIVA| Beppe Bergomi: “A San Siro una bella gara, questa Inter contro i pronostici. Tanti ricordi mi legano alla Lazio. Sul lavoro di Sarri e Inzaghi…”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Domani sera andrà in scena una partita molto importante per le sorti delle due squadre: Inter-Lazio. La prima per continuare a sognare lo scudetto tenendosi a distanza dalle altre. La seconda per tentare di rialzare la china e mantenere vive le speranze Champions. Per commentare questa partita è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it Beppe Bergomi, ex giocatore e capitano dell’Inter oltre che commentatore.

Cosa dobbiamo aspettarci dalla gara di domani? 

Sicuramente una bella gara, sono due squadre che propongono calcio. L’Inter è ferma da tanto tempo ma ci aveva lasciato con un’impressione nel proporre calcio incredibile. La Lazio è una squadra strana, particolare. L’ho vista anche con l’Empoli. Però ha fatto comunque una gara di qualità e di intensità. Ha tutte le prerogative di mettere in difficoltà l’Inter. Si è visto anche all’andata come l’ha battuta. Mi aspetto una gara giocata anche strategicamente. I due allenatori, giocando in modo diverso, cercheranno di mettersi in difficoltà a vicenda.

Come valuti il lavoro di Simone Inzaghi? Pensi che stia dando continuità a quanto fatto da Conte o sta ridimensionato la squadra?

Mi sto stupendo, l’Inter gioca veramente bene. Non pensavo che potesse fare quello che sta facendo. Vedi proprio la mano dell’allenatore. Mentre lo scorso anno era concreta, ora gioca anche bene a calcio. Prende qualche rischio, ma propone calcio: muove le mezzali e porta molti giocatori oltre la linea della palla. Poi vedi che è una squadra che si diverte e vedi l’intervento dell’allenatore che ha dato dei concetti diversi. Bravo Simone.

Sarri riuscirà a imporre le sue idee o sarà lui ad adeguarsi alla rosa? 

Mentre Inzaghi ha continuato su un sistema di lavoro, nella Lazio il cambio è stato radicale e per Sarri è più difficile. Devi entrare nella testa dei giocatori. Vedi un sistema diverso. Anche la gestione delle mezzali, Luis Alberto e Milinkovic, che sono grandi giocatori, devono avere più sofferenza se non hai il comando della partita. Ma bisogna insistere e vedere cosa esce fuori.

Vedi già qualcosa di Sarri in questa Lazio?

Dobbiamo dimenticarci il Napoli di Sarri. Perché ovunque è andato ha fatto un calcio diverso. Col Napoli, il Chelsea, la Juve ha fatto giochi diversi e ha vinto. Vedo delle trame di gioco e delle situazioni che lui ha sempre ricercato, a volte si vedono. Il problema è la fase difensiva, curarla. La squadra non riesce a ruotare lì come le altre squadre di Sarri. 

La situazione legata al Covid può falsare il campionato secondo te? 

Tra virgolette lo è già. Tutti questi rinvii, la Lega. Ci vuole un protocollo più chiaro. La Lega può dire quello che vuole, ma sono le Asl territoriali che comandano. Questo è. Ma non voglio mai pensare che le squadre con 13 giocatori, anche solo della primavera, possano scendere in campo. Penso che bisogna raggiungere un modello Premier, dove la Lega decide se ci sono le condizioni per giocare gara per gara. Come Arsenal-Liverpool: quest’ultimi non avevano diversi giocatori a causa Covid e hanno chiamato la Lega che ha disposto il rinvio. Poi a chi manca 10 giocatori si rinvia, mentre a chi ne mancano 5 no. C’è troppa confusione, ci vuole un protocollo più chiaro e meno potere alle Asl. 

Parlando del tuo passato, hai un qualche ricordo o un aneddoto che ti lega alle partite contro la Lazio?

L’anno dello scudetto nostro feci quel gol a Roma contro la Lazio. I biancocelesti si dovevano salvare, e in svantaggio riuscimmo a ribaltare la gara anche con un gol mio da fuori area, sotto gli incroci. Quello è un ricordo positivo, ma legati alla Lazio ce ne sono tanti. Anche quando perdemmo 3-0 con la Lazio che fece una partita straordinaria. Tanti ricordi. 

Te la senti di sbilanciarti per marzo e dire la tua sulla nazionale in vista dei mondiali? 

E’ dura. All’Europeo dopo la prima giornata avevo capito che potevamo andare in fondo, perché noi eravamo squadra, le altre rappresentative. Questa situazione si è ribaltata. Noi non abbiamo più quella magia e le cose si sono complicate. Poi c’è il Portogallo che ha giocatori importanti, che giocano anche con il Manchester City. Poi è vero che se li metti insieme non c’è quella chimica giusta, sennò si sarebbero qualificati prima. E’ dura, ce la possiamo fare ma servirà un’impresa. 

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA| L’ex Verona Mandorlini: “Europa successo meritato per la Lazio. Io in biancoceleste? Mi ha chiamato Lotito…”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Sabato alle ore 20.45 all’Olimpico ci sarà l’ultima partita del campionato Lazio-Hellas Verona. I biancocelesti, dopo il pareggio ottenuto contro la Juventus (2-2), hanno confermato il quinto posto della classifica e di conseguenza si sono aggiudicati il pass per l’Europa. La squadra di Tudor, dopo la sconfitta subita in casa contro il Torino (0-1), cercherà di vincere e aggiudicarsi i tre punti per concludere bene il campionato. In occasione del match, è intervenuto ai microfoni di Laziopress.it l’ex allenatore del Verona Andrea Mandorlini.

Lazio-Hellas Verona, ultima partita della stagione, che gara sarà?

“L ultima partita all’Olimpico, con il traguardo raggiunto da parte dei biancocelesti, credo diventi una passerella per tutta la squadra e quindi il risultato sarà un dettaglio per la festa che chiuderà un campionato importante”.

Con il pareggio contro la Juventus (2-2), la rosa di Sarri ha raggiunto l’obiettivo dell’Europa. E’ un successo meritato?

“La Lazio è riuscita a raggiungere il suo scopo e devo dire che questo successo è stato ampiamente meritato”.

E’ soddisfatto di questa stagione dell’Hellas Verona guidata da Tudor?

“Sono molto contento perché la squadra ha fatto una grande stagione e credo che la squadra gialloblù sia stata la vera rivelazione di questo campionato”.

In vista della prossima sessione di calciomercato, su quale reparto sarà fondamentale concentrarsi per l’Hellas Verona?

“Ma da fuori è sempre difficile dire o fare valutazioni ma penso che se dovesse andare via Simeone il Verona si dovrà focalizzare sul fronte degli attaccanti per cercare un valido sostituto”.

Come ha visto Zaccagni in questa stagione biancoceleste?

Credo che Mattia abbia fatto un ottima prima stagione alla Lazio e penso che possa soltanto migliorare in futuro sotto la guida di Sarri”.

In passato ha avuto proposte di collaborazione da parte della società laziale?

“Più o meno dieci anni fa ebbi un colloquio col presidente della Lazio Claudio Lotito. La cosa mi riempi d’orgoglio e sarebbe stato bellissimo iniziare una collaborazione insieme ma, in seguito la società fece un altra scelta e quindi non si istaurò niente”.

Come procede ora la sua carriera da allenatore?

“Sto aspettando una chiamata perché ho tanta voglia di ricominciare. Nel frattempo però mi tengo in constante aggiornamento guardando le partite perché voglio farmi trovare pronto”.

 

 

 

  

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW