Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA | Geografia del tifo nella Capitale, il prof. Filippo Celata della Sapienza: “Sorpresi per alcuni risultati. Diverse richieste, si potrebbe fare anche su Milano e Torino”

Published

on

 


Questa mattina è stata pubblicata una mappa molto particolare: la città di Roma con la concentrazione di tifosi laziali e romanisti nelle varie zone. Una sorta di ricerca affidata ai big data portata avanti da due professori della Sapienza: Filippo Celata, professore di Geografia economica alla facoltà di Economia della Sapienza, e Gabriele Pinto, dottorando al dipartimento di Scienze sociali ed economiche. Il primo ha risposto, in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it, ad alcune domande e curiosità circa questa ricerca. “Da tempo volevo fare un lavoro simile, con il mio collega abbiamo trovato la situazione ideale con cui poter dare una risposta a molte curiosità”.

Una mappa virale

“In poche ore questa mappa è diventata virale, non solo con le diverse testate che l’hanno ripresa, ma anche per alcuni audio e clip che mi sono arrivati da tutta Roma anche tramite interventi nelle radio. Una persona di Ostia ha detto che era impossibile, lì ci sono solo romanisti. Ma io non posso farci nulla, la ricerca dice questoha detto in merito alla rilevanza che questa ricerca ha avuto quest’oggi a Roma.

La mappa pubblicata su RicercaRoma.it

Sul rischio di essere influenzati da dicerie e leggende

Molti dei messaggi che sono arrivati al prof. Celata riguardavano il fatto che, ovviamente, la capitale è colma di leggende in merito ai quartieri di una fede piuttosto che di un’altra. Tuttavia quello che poteva essere un rischio di “influenza” è stato sventato: “Ci siamo basati esclusivamente sui Big Data, un lavoro che ha chiamato in causa principalmente Facebook con dei risultati raccolti tramite la API (Application Programming Interface) dalla piattaforma di advertising di Facebook“. In poche parole si è preso in esame quelle che sono le preferenze degli utenti e non le interazioni (like, commenti etc). Una modalità, dunque, che non ha lasciato spazio a racconti, leggende, dicerie o voci dal passato ma esclusivamente al presente, ai tempi recenti e alle preferenze di quelli che sono gli utenti di una delle piattaforme social più utilizzate.

Un lavoro sul passato

Tuttavia, essendo un lavoro che chiama in causa i Big Data non vi è la possibilità di poter svelare qualcosa del passato: “L’asset recente che ci pone questo tipo di ricerca impedisce, ovviamente, di poter fare dei confronti con il passato o di creare dei percorsi evolutivi. Si potrebbe tuttavia fare anche su altre città, come Milano e Torino, per cercare di dare una risposta ad alcune curiosità. Qualche lavoro è stato già proposto, ora si vedrà”. Finora vi era infatti solamente un lavoro fatto su scala nazionale che poteva dare delle risposte ma non in modo dettagliato. Si sapevano, dunque, in linea di massima alcune linee guida ma nulla di concreto che potesse far “partire prevenuti“, tanto che il professore specifica: “Sono romanista, ma l’altro che ha lavorato con me è laziale, quindi partivamo da una situazione di totale neutralità!“.

Tra conferme e sorprese

Si tratta di un metodo innovativo che, tuttavia, confrontato proprio a quella che è la credenza popolare ha portato sia a delle conferme ma anche ad alcune sorprese: “Personalmente sono rimasto sorpreso di alcune particolarità che la nostra ricerca ha messo in evidenza. In particolare è stata confermata la diceria che i romanisti si trovano prevalentemente nei quartieri che formano il centro della capitale, e in parte è stato anche confermata la differenza tra nord biancoceleste e sud giallorosso. Ma scorgendo nel dettaglio, vediamo che i laziali non prevalgono sui romanisti in nessuna zona, cosa che non ci aspettavamo. Inoltre la presenza di romanisti in quelle che sono le aree della vecchia periferia è ampia, ma non totale. Quindi delle sorprese ci sono state” ha concluso il professore

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS| La difesa perde pezzi: Casale out

Published

on

 


foto Fraioli

La sosta per le Nazionali ha lasciato in casa Lazio un problema non indifferente: una difesa smembrata con mancanza di alternative. Infatti, gli unici difensori con cui ha potuto lavorare Sarri in questa settimana sono stati Romagnoli, Kamenovic e Radu. Gli altri divisi tra le Nazionali e chi è ai box. A questi ultimi si è aggiunto anche Casale, che ne avrà per circa 20 giorni dopo il problema all’adduttore confermato dalla società con un comunicato. La sostituzione arrivata al 57esimo contro la Cremonese causa infortunio è dunque spiegata: potrebbe rientrare dopo la trasferta contro lo Sturm Graz, ma è ancora tutto da vedere.

 

foto Fraioli

 

Tra gli infortunati anche Patric, il quale è stato sostituito da Gila al 78esimo contro la Cremonese e per tutta la settimana ha svolto lavoro in palestra. Presente nella sgambata di venerdì, non dovrebbe essere a rischio per la prossima giornata. Lazzari sta inoltre recuperando da uno stiramento e dovrebbe farcela per la trasferta contro la Fiorentina del prossimo 10 ottobre. Sarri ha concesso 48 ore di riposo: si tornerà in campo a Formello martedì in attesa del ritorno dei nazionali.

 

Il Corriere dello Sport 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW