Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Sarri scuote la Lazio: “Non si perde così”

Published

on

 


Il tecnico espulso per un battibecco con Saelemaekers.

Come riportato dal Corriere dello Sport, è una Lazio anti-tutto per Sarri: “Questo è un brutto modo di perdere. La partita preparata non era questa, per me è fonte di delusione. Se perdi la partita non giocando il nostro calcio la sconfitta è più pesante. Le partite vanno marchiate con la nostra mentalità. Non è andato quasi tutto. Alla squadra ho detto che c’è modo e modo di perdere, noi abbiamo scelto il peggiore, non abbiamo giocato il calcio che abbiamo nella testa. Se lo giochiamo e perdiamo va bene, la partita è stata completamente diversa da quello che volevamo fare e che proviamo tutta la settimana. Ci siamo messi ad aspettare gli avversari nella nostra metà campo. Bisogna essere lucidi, so che sto chiedendo cose cui la squadra non è abituata e certe partite possono essere così. È chiaro che cambiando il modo di giocare deve cambiare anche il modo di pensare. In partita mezzo secondo di pensiero, se fai il movimento giusto o se sei nella posizione giusta, ce l’hai e questo porta a essere in ritardo. La squadra deve avere il coraggio di difendere nella metà campo avversaria, se costa qualcosa di pazienza. Non avevo grandissime speranze che la partita potesse cambiare, l’andamento era palese purtroppo per noi”.

Il tecnico biancoceleste è stato espulso alla fine del secondo tempo, perché Saelemaekers si è permesso di prendersi gioco di lui. È intervenuto Ibra con cui l’allenatore ha avuto modo di confrontarsi prima del rientro negli spogliatoi. “Saelemaekers ha fatto un gesto che a persone più anziane non si fa. Ibra l’ha portato per chiedere scusa, sono cose da campo”. Poi Sarri è tornato a parlare della gara: “Il problema è che se diventi attendista, prima o poi il pallone filtra. Se fossimo andati a colpire il pallone, e se avessimo alzato il baricentro, i palloni tra le linee sarebbero stati molto meno. Quando vieni da una sosta c’è sempre l’incognita, quando è una sosta per le nazionali l’incognita è tripla. L’incognita è ancora più forte soprattutto per squadre come noi che non hanno fisionomia e identità ben precise”. Poi ha difeso Immobile: “Per qualcuno contano i numeri, per altri giocatori come Ciro non contano. Per numeri non è attaccabile, Italia e Francia hanno vinto Mondiali con attaccanti che non hanno mai segnato, ad esempio Giroud, ma è stato utile. Quando provi a cambiare in toto quello che ha fatto una squadra per anni questi momenti sono pronosticabili”. Il tecnico ha un rimpianto: “La nostra mancanza di aggressività. Non penso che sia un problema di concentrazione, siamo a metà strada tra un pensiero e un pensiero opposto. Non abbiamo mai nascosto che sarà un anno di transizione e costruzione”.

Infine, ha rilanciato una sua vecchia battaglia, si gioca troppo: “Le nazionali restituiscono giocatori disintegrati. Che il calendario sarebbe diventato impossibile lo dicevo 5 anni fa, rispondevano che mi lamentavo. Ora se ne accorgono tutti, ma non chi comanda. Associazione calciatori e allenatori stanno in silenzio. Io sono un amante del calcio e non mi sta bene”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW