Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Tutta la Lazio consola Strakosha

Published

on

 


Certi palloni sono destini cattivi, non hanno la presa salda già in partenza. È sembrato un cerbiatto spaventato, ferito, che voleva scegliere il posto dove nascondersi, Thomas Strakosha. È sprofondato nella porta, s’è aggrappato alla rete, non si dava pace, si dava botte sulla testa, ha provato a sparire dentro la maglia da titolare rinnovata proprio ieri. Si picchiava. Non deve. È balzato in area su quel campanile folle e inutile di Lazzari. S’è posizionato male, era girato verso la sua porta. Una vertigine. Voleva farlo suo quel pallone, dopo non averlo chiamato. È uscito in presa alta, ad un passo dalla linea. L’ha perso, l’ha visto rotolare dentro dopo aver toccato il palo. Dentro quel pallone-carogna c’era il peso dei tormenti vissuti da un anno, delle panchine, del contratto in scadenza, della distanza con la Lazio. Ha troppi pesi che lo schiacciano, deve ritrovare leggerezza, a 26 anni ha bisogno di fiducia. Hanno provato a consolarlo tutti, si è avvicinato Acerbi, poi Milinkovic. C’è stato poco da fare e Sarri ha avuto poco da dire. Tutti ricorderanno la papera, non la parata miracolosa sul tiro di Morutan, deviato sulla traversa con un balzo felino e riflessi da giaguaro (sullo 0-0). Strakosha si era superato salvando la Lazio nel primo tempo, come tante volte ha fatto in passato. Sono annotate anche altre dure parate, meno difficili, comunque decisive su Cicaldau. Sarebbe giusto far finta di niente e farlo rigiocare, così ha fatto Allegri con Szczesny dopo un inizio horror di stagione. Non è facile reggere le tensioni, aspettare la chiamata. Strakosha ha iniziato l’anno in panchina, ci è rimasto tre partite di fila. Era in odore di promozione, Sarri gli ha comunicato la scelta solo prima della partita con il Galatasaray. È il portiere che ha permesso alla Lazio di vincere varie Coppe, aveva trovato forza e coraggio, ora non deve farsi schiacciare da incubi e angosce. La società, Sarri e i compagni devono aiutarlo. Anche Muslera ha provato a rincuorarlo: “È stato lo stesso mio errore di qualche partita fa. Cose del genere possono sempre succedere. I portieri sono soli in campo. Il nostro errore non è perdonato, non dobbiamo arrenderci”. Strakosha è stato consolato più volte da Acerbi. Per tutta la serata i compagni gli sono stati accanto, faranno lo stesso oggi, nel giorno della ripresa a Formello. Papà Fotaq, ex portiere della Nazionale albanese, troverà modo per rincuorarlo e spingerlo a reagire subito, a volare sicuro. Corriere dello Sport,

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Calcio

CONFERENZA SARRI: “Siamo stati ordinati, in questo momento fatichiamo a trovare la giocata giusta. Su Pellegrini…”

Published

on

 


Al termine della sfida in casa della Juventus, persa dalla sua Lazio per 1-0, l’allenatore biancoceleste, Maurizio Sarri, è intervenuto anche in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni, riportate dal sito ufficiale biancoceleste, al termine del match di Coppa Italia:

“La partita è stata interpretata in modo serio, siamo stati ordinati. Siamo in un momento in cui fatichiamo a trovare la giocata giusta in brillantezza nei metri decisivi del campo. Questa sera non abbiamo trovato spazi, sarebbe servita una giocata decisiva negli uno contro uno. L’errore sul gol della Juventus è stato di squadra, non di linea, è arrivato su una terza palla.

Non era facile perché la Juventus ci aspettava bassa, purtroppo il gol preso alla fine del primo tempo ha indirizzato la partita. Pellegrini? Vedremo, purtroppo a Torino abbiamo lavorato poco insieme. Luca è un terzino sinistro di buon piede, i tempi di inserimento dipenderanno da quanto tempo impiegherà a capire la nostra linea difensiva.

Marcos Antonio è un calciatore particolare, lo abbiamo preso quando c’erano idee tattiche diverse. Noi giochiamo con due interni offensivi e lui per caratteristiche non può coprire tanto campo, per questo lo possiamo sfruttare solo quando c’è chi può supportarlo. Maximiano finora è stato sfortunato, in passato una borsite gli ha impedito di allenarsi bene. Adesso sta meglio, vedremo se nelle prossime partite continueremo la sua alternanza con Provedel”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW