Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | È l'”election derby”: Lazio e Roma ancora imperfette dominate dalle personalità di due tecnici diversi

Published

on

 


Arriva sin troppo presto e non abbastanza atteso, dentro una tela ancora imperfetta, ma anche per questo sarà più crudele qualunque esito che non sia una mediocre divisione dei punti. Mou contro Mau. Il derby a Roma non ha mai vissuto uno scontro di personalità così vistoso in panchina. L’antefatto, lo scorso giugno. Scaramucce tra tifosi. Il fumo sputato dalla bocca eolica di Sarri cancella la faccia di Mou in Vespa. Unico precedente degno di nota tra i due, il Chelsea-Man United di tre anni fa, la rissa più che sfiorata. I londinesi che pareggiano negli ultimi secondi e il vice di Sarri che va a mostrare il pugnetto in faccia a Mou. Parapiglia e scuse finali. Mou ha bisogno del rumore per sentirsi più unico e solo al comando; Mau ha bisogno solo di sé, del silenzio e della sua coltivata mania. Nell’insieme, una combinazione micidiale. La missione di Mau non è il gruppo, ma mettere a punto il giocattolo che li farà vincere e, da divertiti, felici di essere gruppo. Mou nasce ricco, sceglie abiti firmati e orologi di lusso al polso, Mau si sente a suo agio solo nella tuta da lavoro, figlio di suo padre operaio. Scontro di personalità, ma anche di visione del mondo in quanto sfera. Per Mou il pallone tra i piedi è un disturbo di cui liberarsi il prima possibile. Mau vuole il dominio del gioco, vince solo a patto di divertirsi. L’aura di Mou è ben definita, quella di Mau è in attesa ancora di conferme. Corriere dello Sport.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW