Connect with us

Per Lei Combattiamo

TMW | Il derby di Sarri: Lazio-Roma può essere come Napoli-Lazio del 2015

Published

on

 


Non chiedetegli paragoni con il passato, a Sarri non piacciono. O meglio, non crede siano utili. “Non è la playstation, questo è calcio vero. I confronti con il passato? Ogni squadra – ripete il tecnico toscano come un mantra – ha una sua evoluzione, non tutti gli sviluppi sono uguali. In ogni contesto bisogna plasmare un preciso modo di giocare”. Però è normale, anche per una questione di speranza, che la mente dei tifosi della Laziotorni al 20 settembre 2015. Quando i biancocelesti, allora allenati da Pioli, fecero visita al primo Napoli di Sarri, appena arrivato in azzurro e subito messo in discussione per l’avvio non positivo con soltanto 2 punti in 4 giornate. Quella notte, era la 5° giornata, Higuain fece il fuoco e consentì ai partenopei di vincere con un rotondo 5-0, che segnò l’inizio dell’incredibile era sarriana alla corte di De Laurentiis. È il paragone più calzante da fare, perché il primo Napoli di Sarri è molto vicino, per ambizioni, qualità e status, all’attuale Lazio. Gli altri confronti, con Empoli, Chelsea e Juventus, per lo stesso motivo non sarebbero molto indicativi. Ecco perché la vittoria nel derby di domenica con la sua Lazio può avere lo stesso valore di quel Napoli-Lazio, giocatosi quasi esattamente sei anni fa. È la speranza che c’è a Formello: il 3-2 alla Roma deve essere il punto di partenza dopo un riscaldamento di difficile. Il punto di non ritorno per far sbocciare di nuovo il ‘sarrismo’. Che non vuol dire vincere tutte le partite e contendere lo scudetto alle prime della classe, no. Significa avere una squadra che scende in campo con una precisa identità, con la voglia di divertire e divertirsi secondo chiari principi. Quelli del Comandante. TuttoMercatoWeb\Riccardo Caponetti

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW