Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Napoli-Lazio, il cardiologo Rebuzzi: “Partita difficile, non credo tanto allo Scudetto. Renato Zero? Mio amico e tifoso moderato”

Published

on

 


In vista della prossima sfida di Serie A tra Napoli e Lazio, è intervenuto in esclusiva a Laziopress Antonio Rebuzzi, cardiologo e grande tifoso del Napoli. Ecco le sue parole sulla sfida di domenica e alcuni aneddoti sulla sua vita professionale.

Alla luce delle assenze, Napoli-Lazio che partita si aspetta?

“Per il Napoli sarà una partita difficile, difficilissima: abbiamo perso il centravanti, non stiamo in forma e abbiamo il problema Insigne sul contratto. Come napoletano, penso che sia una partita complicata, essendo tornato Immobile. La Lazio fa un po’ paura”.

Come vive le partite del Napoli? 

“Sono abbastanza scaramantico, e anche questo mi preoccupa. Di solito guardo le partite con mio suocero, che ora sta poco bene e non può vederle, quindi sarà un problema”.
Domenica sarà allo stadio? Qual è stata l’ultima partita a cui era presente?
“No, purtroppo non posso andare. L’ultima che ho visto è stata Roma-Napoli”.

La partita che non dimenticherà mai.

“Lazio-Napoli di tanti anni fa, vista al Maradona. Al secondo tempo perdevamo per 3-1, ma sul finale abbiamo vinto 4-3 con un gol di Cavani al 93′. Ma la cosa divertente è che, all’ultima rete, mi sono girato verso mio suocero – al quale avevo fatto un’angioplastica da poco – e l’ho visto che piangeva. Ho subito pensato che avesse un’angina, dolori… invece stava piangendo di gioia”. 

A un anno di distanza dalla scomparsa, cosa ha rappresentato per lei Maradona?

“Per me Maradona è stato un idolo e, purtroppo, la sua immagine è stata sporcata dagli ultimi anni. La società un po’ l’ha distrutto: era un ragazzino, probabilmente impreparato a gestire il successo, che è caduto nelle mani dei cocainomani. Poi se la cocaina la vive un grande industriale, rimane un grande industriale. Se la vive Maradona, è un cocainomane. Il che è vero, perchè l’uso di cocaina è da disprezzare, però dal punto di vista calcistico è stato il più grande giocatore di tutti i tempi. Ricordarlo solo con l’ultima parte della sua vita, sarebbe come dire che Caravaggio fosse un assassino e non riconoscere che nel suo campo sia stato un genio”. 

Dove pensa possa arrivare il Napoli a fine stagione?

“Eh bella domanda. In genere, le squadre di Spalletti verso dicembre-gennaio perdono un po’ del loro smalto, poi lo riacquistano. Il problema è legato anche a Osimhen e Insigne. Quest’ultimo non ha brillato nemmeno in Nazionale, probabilmente sarà importante il problema del re-ingaggio. Io spero che vinca lo Scudetto, anche se non ci credo tantissimo; penso che staremo in zona Champions”.

Nella sua carriera professionale, tra tutti i pazienti che ha avuto, ha qualche chicca da raccontare?

“Si una cosa divertente gliela posso dire. Io sono tifoso del Napoli da tempo immemorabile, sono nato con la maglia del Napoli. Molti anni fa, prima di Maradona, c’era un difensore del Napoli di nome Comaschi. Un giorno si ricovera nel mio reparto un signore che si chiama Comaschi, quindi io andai subito lì insieme a tutti i miei assistenti: questo signore si era ricoverato e mi vide arrivare con tutti i miei assistenti specializzandi dietro. Arrivai e gli chiesi “Senta, ma lei è Comaschi?” e questo mi rispose preoccupato “Si, c’è qualcosa che non va?”. E niente, io gli dissi che volevo solo sapere se fosse lui il terzino del Napoli. Una persona rinata, perchè pensava che gli stessi per dire che dovevamo fare chissà che cosa. Alla fine mi sono feci una foto insieme a lui”.

Lei è amico di Renato Zero. Se avesse qualche aneddoto da raccontare in tema calcio, ci farebbe piacere sapere.

“Purtroppo tema calcio non ne ho. Renato è un tifoso molto moderato, non è come me che salto dalla sedia”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW