Connect with us

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA | Gara difficile e ricca di episodi per Piccinini: giuste le espulsioni di Patric e Molina

Published

on

 


Termina 4-4 una partita pazza tra Lazio e Udinese. Un pareggio amarissimo per i biancocelesti che sembravano aver in pugno una vittoria conquistata in rimonta, ma all’ultimo minuto di recupero il pareggio bianconero infrange le speranze di giocatori e tifosi laziali.

Una sfida non facile da gestire per l’arbitro Piccinini e dal resto della designazione arbitrale composta dai guardalinee Pagliardini e Rossi, il IV uomo Rapuano con Maresca e Di Iorio al Var. Il tempo avverso e il continuo cambiamento dell’inerzia della gara hanno caratterizzato questo incontro, rendendolo ricco di episodi.  Tre le ammonizioni mostrate dal direttore di gara nel primo tempo: la prima al difensore bianconero Beacao per proteste al minuto 27′, la seconda per Patric dopo un netto fallo commesso su Deulofeu al 36esimo; terza quella di Immobile al minuto 39′, che protestando più volte tocca l’arbitro sulla spalla per mostrare un presunto fallo subito in area che Piccinini non ha giustamente valutato come potenziale rigore.

Nel secondo tempo il primo ammonito è Molina al minuto 52′ per un fallo su Luis Alberto. Al 54esimo interviene il Var per un possibile fallo di mano in area laziale, dopo il tiro di Beto, ma giustamente non viene segnalato nulla e la gara prosegue. Poi, a distanza di quasi 10 minuti l’uno dall’altro, avvengono i due episodi chiave della partita: il primo al minuto numero 56′, quando Patric dopo esser stato saltato nettamente, trattiene per la maglia il giocatore dell’Udinese. Un’ ingenuità che gli costa il cartellino rosso, vista l’ammonizione procurata nel primo tempo. Giusta in questo caso la lettura di Piccinini. Il secondo al 66esimo, con Molina che interviene con una gomitata a palla lontana su Radu e per questo viene anche lui espulso per seconda ammonizione. Anche qui, giusta la scelta del direttore di gara che ristabilisce così la parità numerica in campo. Al minuto 78′, la Lazio trova il gol del vantaggio con un colpo di testa di Acerbi da calcio di punizione: la rete, inizialmente annullata per fuorigioco, viene poi regolarmente convalidata con l’intervento del Var. Il quarto uomo assegna poi 7 minuti di recupero, e al 95esimo viene assegnata una punizione al limite dell’area per l’Udinese. I bianconeri protestano inizialmente per un possibile calcio di rigore, e per questo vengono ammoniti Udogie e Soppy. Su questo calcio piazzato, la squadra veneta segna la rete del pareggio e l’esultanza di Arslan davanti alla panchina della Lazio scatena una rissa tra giocatori e membri dello staff che porta ad nuova espulsione per l’Udinese: quella di Walace.

 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | La Juventus trionfa all’Arechi: battuta la Salernitana

Published

on

 


Termina l’ultimo incontro di questa 21esima giornata di Serie A tra Salernitana e Juventus. A trionfare è stata la squadra di Massimiliano Allegri con un netto 0-3 firmato Vlahovic (doppietta) e Kostic. Con il successo odierno i bianconeri si portano a quota 26 punti in decima posizione, mentre i granata con la sconfitta rimediata rimangono in sedicesima posizione con 21 punti.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW