Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | Lazio, occasione persa

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Non sfonda la Lazio proprio come era accaduto contro il Galatasaray in Europa quando serviva vincere per arrivare primi nel girone. Invece, un altro brutto 0-0. Attacca, colpisce il palo con Zaccagni ma stecca contro l’Atalanta ridotta ai minimi termini dalle assenze. Esce uno scialbo pareggio che condanna i biancocelesti a una classifica anonima, peraltro meritata per quanto fatto vedere finora. Di sarrismo nemmeno l’ombra, tanto gioco ruminato, tanto possesso palla: tutto qui. E  la tenuta difensiva (terza gara senza subire gol) non basta a rendere meno amara la serata dell’Olimpico.
Lazio senza Acerbi, Radu, Akpa Akpro, Cataldi e soprattutto Pedro, Sarri recupera Zaccagni  e Basic per la panchina ed è costretto ad affidarsi alla coppia difensiva Luiz Felipe-Patric, in mezzo torna Leiva che non  gioca titolare in campionato da ottobre, davanti Immobile e Felipe Anderson con l’ex veronese. L’Atalanta si presenta senza dieci giocatori: Zapata, Gosens e Ilicic sono fuori per infortunio, Boga è in Africa per la coppa poi ci sono i sei indisponibili della vigilia, vale a dire Malinovskij, Koopmeiners, De Roon, Pasalic, Muriel e Hateboer. Gasperini si affida a un prudente 3-4-1-2 con il giovane Scalvini a centrocampo accanto a Freuler, Pessina dietro alla coppia Miranchuk-Piccoli. Vola Olympia in un Olimpico deserto, appena 5.000 spettatori, quasi tutti in Tevere, pronti a insultare  Gasperini dopo gli screzi per la Coppa Italia 2019 vinta dai biancocelesti e contestata dal tecnico bergamasco. Si parte con la Lazio che prova a prendere in mano la gara, l’Atalanta chiusa dietro ma pronta a pressare le fonti di gioco biancocelesti in ogni centimetro del campo. Addirittura viene riproposta dopo decenni la marcatura a uomo con Scalvini che segue Milinkovic ovunque per bloccare il fantasista di Sarri. La tattica di Gasperini anestetizza la Lazio che fatica a trovare sbocchi e soffre i duelli in mezzo al campo dove anche Luis Alberto viene limitato da Freuler. L’unico che trova qualche spunto apprezzabile è Zaccagni, con Zappacosta in difficoltà e ammonito dall’arbitro Sozza al quarto intervento falloso. Sarri si sgola dalla panchina ma c’è solo il possesso paĺla, niente di più, nemmeno un tiro in porta prima di andare all’intervallo. Si ricomincia con l’assalto della Lazio, la spinta aumenta, anche se Miranchuk fa paura su una ripartenza, poi il clamoroso e sfortunato palo di Zaccagni. La partita ora è più viva, Gasperini inserisce Mahele e Toloi, Sarri ci prova con Lazzari per Hysaj.  Nell’ultimo quarto d’ora entra in scena anche la stanchezza da entrambe le parti (esce anche Luis Alberto, dentro Basic),  c’è tanta confusione ma le idee sono annebbiate da una sfida molto dispendiosa. Gasperini inserisce i giovani Sidibe e De Nipoti per far rifiatare Piccoli e Pessina quando mancano solo cinque minuti.  Niente da fare, finisce con un pari meritato degli ospiti che hanno saputo gettare il cuore il oltre all’ostacolo mentre la Lazio ha sprecato un’altra occasione in una stagione dove i rimpianti cominciano ad essere troppi. Ora gli ultimi giorni di mercato con la sensazione che la rivoluzione sarriana sia ancora lontana: servirebbero rinforzi per dare una scossa ma difficilmente arriveranno. Il Tempo/Luigi Salomone

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Lazio-Mertens, Lotito pronto a proporre un biennale

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport la Lazio, come vice Immobile, starebbe seriamente pensando a Dries Mertens. L’attaccante belga è infatti in scadenza con il Napoli e la trattativa per il rinnovo non sembra spiccare il volo. Ecco allora che dopo le voci di un possibile contatto tra Mertens e Sarri, ora Lotito sarebbe pronto a offrire all’attaccante un biennale da 1,5-2 milioni per quello che sarebbe un colpo molto importante per la Lazio targata Sarri. L’attaccante infatti, proprio con il comandante a Napoli, ha vissuto la sua migliore stagione a livello realizzativo giocando da prima punta, il ruolo che i biancocelesti cercano di coprire. La priorità di Mertens, tuttavia, sarebbe ancora quella di cercare un’intesa con il Napoli, anche se Roma, come destinazione, non dispiace affatto a lui e alla famiglia.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW