Connect with us

Per Lei Combattiamo

Mandorlini: “In Italia nessuno meglio di Immobile. Sarri? Non è partito bene, poi…”

Published

on

 


Intervenuto sulle frequenze di Lazio Style Radio, l’ex allenatore di Serie A Andrea Mandorlini si è espresso in merito alla Nazionale che ieri sera ha perso la Finalissima contro l’Argentina, per poi focalizzarsi anche sulla Lazio.

Queste le sue parole:

“Siamo in un momento di ricostruzione, si è vista qualche difficoltà, che era già emersa prima. Adesso bisogna avere pazienza cosa che in Italia non abbiamo mai avuto e pensare a ricostruire. Ieri sera si vedeva la maggiore qualità dell’avversario. In questo momento ne ha da vendere anche se perdere così fa sempre male”.

“Noi italiani siamo maestri nel trovare capri espiatori. Mettere in discussione un giocatore così importante come Jorginho mi sembra fuori dal mondo. È talmente bravo ed equilibrato che mi auguro possa tornare ad essere un punto di riferimento, anche perché non ci sono alternative al suo livello allo stato attuale”.

“Ormai è diventata una questione psicologica per Immobile che sta facendo benissimo in campionato da diversi anni. Credo che nemmeno lui sia contento del suo rendimento in azzurro. Sa bene che deve dare qualcosa in più, ma bisogna toccare le corde giuste. Probabilmente si potrebbe cambiare qualcosa per farlo rendere al meglio, anche perché per ora non c’è nessuno migliore di lui. Toni fece 50 gol in 2 stagioni con me negli ultimi anni di carriera. Era un campione. Quando hai giocatori così è normale che loro debbano essere i terminali”. 

Sarri? Non è partito nel migliore dei modi, poi ha finito bene. Ma non è semplice instaurare un rapporto con la squadra e inculcare delle idee tattiche differenti. Il primo anno è passato e ha raggiunto degli obiettivi. La società lo sta appoggiando in questo processo di miglioramento”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS| La difesa perde pezzi: Casale out

Published

on

 


foto Fraioli

La sosta per le Nazionali ha lasciato in casa Lazio un problema non indifferente: una difesa smembrata con mancanza di alternative. Infatti, gli unici difensori con cui ha potuto lavorare Sarri in questa settimana sono stati Romagnoli, Kamenovic e Radu. Gli altri divisi tra le Nazionali e chi è ai box. A questi ultimi si è aggiunto anche Casale, che ne avrà per circa 20 giorni dopo il problema all’adduttore confermato dalla società con un comunicato. La sostituzione arrivata al 57esimo contro la Cremonese causa infortunio è dunque spiegata: potrebbe rientrare dopo la trasferta contro lo Sturm Graz, ma è ancora tutto da vedere.

 

foto Fraioli

 

Tra gli infortunati anche Patric, il quale è stato sostituito da Gila al 78esimo contro la Cremonese e per tutta la settimana ha svolto lavoro in palestra. Presente nella sgambata di venerdì, non dovrebbe essere a rischio per la prossima giornata. Lazzari sta inoltre recuperando da uno stiramento e dovrebbe farcela per la trasferta contro la Fiorentina del prossimo 10 ottobre. Sarri ha concesso 48 ore di riposo: si tornerà in campo a Formello martedì in attesa del ritorno dei nazionali.

 

Il Corriere dello Sport 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW