Connect with us

Per Lei Combattiamo

Fuser: “Immobile indiscutibile, Sarri mi stuzzica molto. Curioso di vedere Felipe Anderson”

Published

on

 


Pochi giorni separano Milan e Lazio dalla sfida di domenica, in programma alle ore 18:00. Tanti i doppi ex della gara, tra cui Diego Fuser, che è intervenuto ai microfoni di Gazzetta.it. Molteplici gli argomenti trattati dall’ex centrocampista, tra cui gli attacchi a Ciro Immobile.

Queste le sue parole

“Iniziamo con le domande scomode. Scherzi a parte: a Roma sono stato sei anni, era una squadra fortissima. Zeman è stato un grande. Quando mi chiedono di lui ricordo sempre la persona, tutt’altra cosa rispetto al sergente di ferro. È un buono. Potrei scrivere un libro su quante ne abbiamo passate insieme. Un aneddoto? Allenamento a Formello, pioveva a dirotto. Ai cancelli del centro sportivo c’erano alcuni tifosi eroici, sotto la grandine, ad aspettarci per qualche autografo. Uno di loro aveva un cappellino a forma di ombrello, così Zeman glielo chiese in prestito per dirigere la seduta. Era bellissimo. Prima di entrare in campo lo fermai. ‘Mister, ma vuole allenarsi sul serio in questo modo?’. Non esitò un secondo e si palesò con quel berretto”.

“Milan? Lì si scherzava poco, l’importante era vincere. Una cultura così non l’ho più ritrovata. Per dire, non c’era uno come Gascoigne, il più matto mai incontrato in carriera. Su di lui potrei scrivere un altro libro e sarebbe una commedia piena di aneddoti. In rossonero ero giovane, ma ho vinto comunque quattro trofei”.

“Uno che ha segnato quanto Immobile non si discute. Ha vinto la Scarpa d’oro, l’Europeo, è stato tre volte capocannoniere. Forse non si sente la maglia dell’Italia cucita addosso, non so. Del resto ci è passato anche Mancini. Con la Samp era un giocatore, con gli azzurri un altro. Succede, ma Ciro è un bomber di livello. Qualche somiglianza con Signori? Nessuna. Beppe era… Beppe. Un mancino mai visto, una punta letale. E poi era un altro calcio, molto più difficile di quello di oggi”.

“Sarri? Mi stuzzica molto. È un allenatore preparato, meticoloso, attento a tutto, soprattutto schietto e diretto. Amo le persone così. In più con lui gli esterni fanno sempre bene, quindi sono curioso di vedere la stagione di Felipe Anderson. Ha grandi qualità, sono sicuro che farà bene”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La S.S. Lazio onora la Memoria dei perseguitati della Shoah e delle vittime dell’odio

Published

on

 


Come riportato sul sito biancoceleste, la Lazio ricorda le vittime dell’Olocausto:
La Società Sportiva Lazio, Ente Morale, ricorda con commozione e onora la Memoria dei bambini, delle donne e degli uomini perseguitati della Shoah e vittime dell’odio. Non verranno mai dimenticati e continueremo a sentirli presenti, vivi, in ogni singolo istante, impegnandoci concretamente per dare luce alla Memoria e spegnere l’odio e la discriminazione in tutte le forme ottuse e violente in cui si manifestano ancora, ogni giorno“.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW