Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Torino-Lazio, l’ex Di Michele: “La partita con il Torino potrebbe essere quella della svolta. Criticare Immobile è ingiusto”

Published

on

 


David Di Michele, una vecchia conoscenza del nostro campionato ed ex attaccante del Torino, attualmente allenatore del Frosinone U17, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it per parlare dell’impegno infrasettimanale tra Torino e Lazio. Ecco le sue parole:

Hai avuto una carriera molto lunga, che ricordi del tuo periodo a Torino?

Il mio ricordo a Torino è sicuramente positivo. Purtroppo ci sono state delle situazioni negative sia in campo che fuori che poi ti fanno rammaricare, anche perché avendo indossato una maglia così gloriosa avrei voluto incidere di più e lasciare un’impronta molto più positiva di quanto non lo è stata. Però vado fiero di aver indossato la maglia del Toro, anche se purtroppo ci sono delle situazioni che vanno oltre il calcio, però rimango dell’idea che è stata un’esperienza positiva per me.

Un’esperienza durata due anni, intervallata dal periodo al West Ham.

Sì. Il primo anno c’era Novellino e ci siamo salvati, l’anno dopo ci sono state delle incomprensioni con la proprietà e abbiamo deciso di dividerci. Dopo il West Ham sono tornato, in serie B, ma dopo 6 mesi sono andato via perché si era un po’ destabilizzato l’ambiente, oltre ai problemi con la società. Ho preferito per il mio bene, ma anche per quello della squadra e della città, di andare via.

Dopo una partenza lenta, il Torino viene da due vittorie consecutive: come pensi che approccerà la partita contro la Lazio?

Sicuramente Juric è un ottimo allenatore, l’ha dimostrato a Verona e lo sta dimostrando a Torino. Ha avuto delle difficoltà iniziali anche per far capire le proprie idee e la propria mentalità, questo incide parecchio anche perché non ha avuto questi grandi innesti da parte della società che si aspettava di avere. Sicuramente si sta adattando, queste ultime due partite abbiamo visto un Torino diverso, con un’identità, si è rivista la cattiveria e l’agonismo del vecchio Toro. Sicuramente la Lazio avrà vita difficile, anche perché giocare in casa può incidere molto. Al contrario, il Torino trova una Lazio che sta bene fisicamente e mentalmente, al di là del pareggio con il Cagliari.

Al contrario, la Lazio era partita bene e ora ha subito uno stop: la partita con il Torino può essere quella della svolta?

Potrebbe esserlo. Da quando è arrivato Sarri si è vista subito la sua mano, sono partiti forte e ora si sono un po’ arenati nelle ultime due partite. Quella col Galatasaray è stata persa solo per un episodio, altrimenti sarebbe finita in pareggio, anche se non avevano brillato in termini di prestazione. Quella col Torino è la partita giusta per valutare e capire come si deve impostare il campionato della Lazio.

Chi la spunterà giovedì?

Vedo una partita molto difficile, aperta a tutti e tre i risultati. Sicuramente una partita dove tutti vorranno vincere e fare bella figura. Pronostico un pareggio.

Il cambio di allenatore per entrambe le squadre in che modo potrebbe influenzare la classifica di Lazio e Torino rispetto alla scorsa stagione?

Penso che possa influire sulla classifica attuale perché le conoscenze sono ancora poche e sappiamo tutti che Sarri è molto maniacale, quindi per far capire determinate cose ci vuole tempo. Però poi il tempo sarà sempre meno perché la classifica si allunga e diventa difficile poi recuperare la strada perduta. Penso, comunque, che sia Lazio che Torino faranno un ottimo campionato.

Da attaccante: cosa ne pensi delle critiche a Immobile per le sue prestazioni in Nazionale?

Penso che siano critiche ingiuste, Immobile è un grande giocatore, ha sempre fatto gol anche in Nazionale e sicuramente patisce il fatto di giocare lì davanti un po’ da solo e il dare punti di riferimento. Lui è un attaccante che non dà punti di riferimento, giocando col 4-3-3 non svaria come quando giocava col 3-5-2 o con il 4-4-2, dove magari apre gli spazi per gli altri; con il 4-3-3 deve essere il perno centrale. Penso comunque che criticare Immobile dopo quello che sta facendo sia parecchio ingiusto nei suoi confronti.

Forse in Nazionale soffre il non avere un Luis Alberto o un Milinkovic…

Quello incide parecchio perché lui è un giocatore che deve avere palle messe in una certa maniera. Le conoscenze sono fondamentali, con Milinkovic e Luis Alberto si conoscono a memoria, sa già dove deve andare perché sa che la palla arriverà lì. In Nazionale le conoscenze sono minori e soprattutto quando giochi in club diversi ci sono idee e mentalità diverse.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW