Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Roma, il doppio ex Manfredonia: “Da bambino sognavo i biancocelesti e il derby. Domenica chi rimarrà più lucido potrà rendere al massimo”

Published

on

 


Poche ore separano Lazio e Roma dal primo derby stagionale, valido per la sesta giornata di Serie A. Il primo anche per Sarri e Mourinho, che si ritrovano dopo essersi affrontati in Premier League. In merito alla sfida più importante dell’anno, la Redazione di LazioPress.it ha contattato in via del tutto esclusiva il doppio ex della sfida Lionello Manfredonia.

Queste le sue parole:

Da ex giocatore di Lazio e Roma, che ricordi ha di quegli anni vissuti in biancoceleste e in giallorosso?

“Ho ottimi ricordi di entrambe le esperienze fatte. Da bambino giocavo a Don Orione e da sopra vedevo lo Stadio Olimpico, sognando la Lazio e il derby con l’aquila sul petto.  Una volta approdato poi negli ultimi anni in giallorosso, diventato oramai un professionista, ho vissuto sensazioni diverse.”

Che partita si aspetta dal derby di domenica? Quale delle due squadre arriva meglio alla gara a livello di motivazioni?

“Entrambe le squadre arrivano al derby con qualche sofferenza di troppo. La Roma senza Pellegrini e la Lazio ancora lontana da quello che chiede Sarri. Le motivazioni sono le stesse per entrambe le squadre, chi rimarrà più lucido e meno coinvolto potrà rendere al massimo.”

Lei che ha vissuto in prima persona il passaggio da una sponda all’altra del Tevere, come giudica l’arrivo di Pedro in biancoceleste? 

“A mio avviso, Pedro ha giocato troppo poco con la Roma per ritenersi un ex di lunga data.”

Da doppio ex della sfida, come viene vissuto un incontro come il derby da parte delle due tifoserie? Ha notato un approccio ed una mentalità differenti tra le due Società?   

“Da ciò che ho potuto vivere io in prima persona, dico che probabilmente il tifo giallorosso perdona di più qualche sbaglio dei suoi beniamini, il tifo laziale invece è più severo questo punto di vista.”

Maurizio Sarri riuscirà a dare definitivamente la sua impronta di gioco alla Lazio?

“Sarri è un tecnico vincente, ma certi giocatori come Milinkovic ed Luis Alberto vanno lasciati liberi di creare gioco e curare un po’ meno la fase difensiva.”

A suo avviso, dove possono arrivare in campionato Lazio e Roma?

“Lotteranno per le posizioni di vertice, anche se per lo Scudetto c’è ancora tanto da lavorare.”

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW