Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Immobile, il capitano che gioca per la storia

Published

on

 


Trascinatore? Sempre stato. Questo però sarà il suo primo derby da capitano effettivo. Prestazioni e dichiarazioni da leader, Ciro Immobile: si fa sentire in campo e nelle interviste post-partita, suona la carica con il pallone fra i piedi e con il microfono sotto al naso. Oggi lancia un nuovo guanto di sfida alla Roma. La fascia, coi giallorossi di fronte, era finita già sul suo braccio il 15 gennaio scorso: Lulic e Parolo fuori, Inzaghi aveva relegato in panchina i due senatori. Adesso la nomina è sua, i gradi gli spettano di diritto e di rendimento. Immobile rilancia la rivalità cittadina e cavalca la gloria con numeri da aggiornare costantemente, con l’entusiasmo di chi non si accontenta. I ricordi di Piola non sono più sbiaditi, il Silvio inarrivabile per definizione non è più irraggiungibile, anzi, si è arrivati a tre passi dall’aggancio: 156 firme in biancoceleste per Immobile, a 159 si fa la storia. Prova ad accorciare le distanze contro la Roma, già colpita 7 volte in carriera. Sono 6 da quando è arrivato nella Capitale: ancora uno e aggancia anche in questo caso Piola. Finora per Ciro 11 derby disputati: 3 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte. Ha saltato solo un derby fermandosi durante il riscaldamento per un attacco gastrointestinale. Si è trasformato nella guida carismatica e spirituale della Lazio. Dopo il pareggio con il Torino ha spronato i compagni a dare di più, a credere fino in fondo al progetto Sarri. La mancanza di convinzione può solo rallentare lo sviluppo del nuovo ciclo. Parole da capitano. Con quella fascia  al braccio stringe a sé il furore dei tifosi che incarna da quando ha messo piede a Formello. Corriere dello Sport.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW