Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Milinkovic, reazione d’orgoglio: Sarri non lo considera intoccabile, Sergej ha preparato la risposta

Published

on

 


Sergente degradato, incredibile ma vero. Tre volte sostituito, altre due entrato dalla panchina e una sola a tempo pieno, novanta minuti filati, con il Cagliari. Nelle prime sei partite ufficiali della nuova stagione, compreso il debutto di Europa League a Istanbul, Milinkovic ha scoperto cosa significa turnover. Non è un precario, ma neppure intoccabile come succedeva ai tempi di Inzaghi. La rivoluzione silenziosa di Sarri, per adesso non confortata dai risultati, sta mettendo a dura prova i top player della Lazio. Devono correre più di prima, difendere, tornare indietro. Un lavoro completo, nuovo, a cui non sono abituati, dentro un cantiere aperto. Milinkovic è rimasto sorpreso, non se lo aspettava, sta metabolizzando la transizione e il nuovo sistema di gioco. Dalle coccole di Simone alla frusta di Sarri. È un derby strano, a cui Milinkovic si sta avvicinando come non pensava. A differenza di Immobile e Acerbi, non ha giocato l’Europeo. È fresco e riposato, eppure Sarri lo ha gestito in questa fase iniziale della stagione e lo ha risparmiato più volte. Se i tenori non cantano, la Lazio non si diverte. Se non corrono il doppio, è difficilmente sostenibile il 4-3-3. Sergej si vuole riprendere i gradi di intoccabile, non solo la titolarità, e un ruolo da protagonista nel derby. Queste partite lo esaltano. Alla Roma ha segnato solo due volte, nella doppia semifinale di Coppa Italia, mai in campionato. Sono passati più di quattro anni. Quattro vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte nel conto dei dodici precedenti in cui, è bene ricordarlo, Inzaghi lo ha sempre impiegato da titolare. Il calcio è semplice, non bisogna renderlo troppo sofisticato. Risolvono i giocatori, non gli allenatori. E le partite complicate toccano ai più forti. Come dimostrerà stasera Milinkovic, all’Olimpico. Corriere dello Sport.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW