Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Marchegiani: “Il derby può deciderlo Milinkovic”

Published

on

 


Luca Marchegiani, ex portiere della Lazio, nel corso di una lunga intervista rilasciata a Il Messaggero, è intervenuto commentando  la sfida attesissima del derby della Capitale, in programma oggi alle ore 18:00. Queste le parole dell’ex numero 1 biancoceleste, il quale ha disputato nel corso della sua carriera 24 stracittadine:

“Il derby è una partita unica, bellissima. Ho vissuto e provato emozioni meravigliose ma anche delusioni cocenti. Lì dentro c’è tutto. Erikson-Capello ieri, Sarri-Mourinho oggi? Quattro allenatori bravi, diversi tra loro ma competenti e vincenti.  Lazio e Roma sono due squadre forti, ma non ancora a posto. Apparentemente ci arriva meglio la Roma per risultati ed entusiasmo. Forse per Mourinho è più facile perché lavora sul gruppo e sulle motivazioni, è più immediato rispetto a lavorare sulla costruzione di un gioco, visto che la Lazio arriva da un sistema diverso e collaudato. La Lazio di Torino l’ho vista un po’ in confusione, non so perché non sanno quello che devono fare. L’impressione che ho io è che riflette troppo. C’è bisogno di lavoro, ora come esecuzione di squadra viene tutto più lento e questo è normale. Sarri è uno attento alla fase difensiva, la allena molto bene ed è abbastanza singolare che fino ad ora la Lazio non abbia ancora terminato una partita senza prendere gol. Il problema non è né Sarri né i giocatori che non si mettono a disposizione. Per me mancano alcuni ruoli. Mi riferisco al centrocampo, lo dicono in tanti che avrebbe bisogno di qualche variante. Luis Alberto, Milinkovic e Leiva sono forti ma se devono rincorrere fanno fatica. Il derby si gioca e si vince prima con la testa e poi con le gambe. Ma non credo sia giusto rinunciare alle proprie idee tattiche per l’importanza della partita. Quindi Sarri non si snaturerà. Il giocatore che può deciderla? Avrei detto Pellegrini per loro, ma non c’è, quindi penso ad Abraham. Ma uno per cui spendo una parola in più è sempre Milinkovic-Savic, lui può essere decisivo. Determinante. Lui, Luis Alberto ma anche altri potevano tranquillamente stare nella nostra Lazio. Derby più bello? Ho parato un rigore a Giannini in un derby e per me sarebbe facile dire quello, invece il più piacevole fu uno dei quattro vinti in un anno, l’ultimo, il ritorno in campionato, 2-0 e una consapevolezza di essere più forti di loro. Il più brutto? L’anno che vincemmo lo scudetto, quello dell’andata  che dopo il primo tempo eravamo sotto 4-0, ma il più devastante fu il primo di Zeman che perdemmo 3-0 con la Roma di Mazzone”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW