Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA | L’ex Bologna Paganin: “La Lazio sta facendo un percorso di crescita importante, per la svolta ci vorrà ancora tempo”

Published

on

 


Dopo la vittoria nel derby contro la Roma che ha ridato entusiasmo ai biancocelesti, e la vittoria in Europa League contro la Lokomotiv Mosca, la Lazio si prepara ad affrontare il Bologna. Il match del Renato Dall’Ara, è in programma domenica ore 12:30. In occasione della sfida valevole per la settima giornata di Serie A Tim, l’ex giocatore rossoblù e opinionista sportivo Massimo Paganin è intervenuto in via esclusiva ai microfoni di LazioPress.it.

 

Domenica c’è Bologna-Lazio, che partita si aspetta?

Mi aspetto una partita non semplice visto che c’è stato il turno infrasettimanale, perché le gare si potrebbero far  sentire. Direi però che la Lazio sta facendo un percorso di crescita importante e dopo la vittoria nel derby direi che mentalmente approccia a questa partita con una squadra, che tra l’altro è in difficoltà. Credo che contro il Bologna potrà fare molto bene“.

 

La vittoria nel derby può rappresentare la svolta sia mentale che tattica per i biancocelesti?

“Una svolta non credo, nel senso che già il lavoro di Sarri è un lavoro che richiede del tempo. La squadra ha cambiato dopo tanti anni sistema di gioco passando dal 3-5-2 al 4-3-3, quindi non semplice. Mi sembra che per il periodo di adattamento ci vorrà ancora un po’ di tempo. Sicuramente ha dato un’iniezione di fiducia, di autostima e di sicurezza, però siamo ancora all’inizio della stagione e ci vorrà ancora  del tempo prima che il lavoro di Sarri venga completamente assimilato dalla squadra”.

 

Mihajlovic – secondo le ultime indiscrezioni vicino all’esonero – può riprendersi o il suo futuro a Bologna è già scritto?

“Il futuro di un allenatore dipende dalla società. Mihajlovic è un tecnico che inoltre ha fatto molto bene a Bologna. La squadra non è partita benissimo ma credo che l’allenatore abbia gli strumenti per poter eventualmente recuperare quello che è stato perso nelle prime giornate. Il  Bologna comunque è una buona squadra, ha un buon calcio. Forse in questo momento manca un po’ di equilibrio però penso che si possa ritrovare e che Mihajlovic possa ritrovare quel filo conduttore che lo possa condurre a fare il campionato che deve fare il Bologna: un campionato di media classifica”.

 

Si è detto che contro la Roma la Lazio abbia giocato “alla vecchia maniera” colpendo i giallorossi con le ripartenze e non propriamente con il gioco di Sarri. Il famoso sarrismo alla lunga si vedrà oppure ce ne sarà un altro, magari diverso, che esalterà le qualità dei singoli come Felipe Anderson, Luis Alberto…?

“Sicuramente Sarri si è evoluto nell’arco del tempo, al di là del sarrismo e delle considerazioni che si possono fare. Ha vinto l’Europa League con il Chelsea, ha fatto bene nel campionato inglese, è cresciuto come allenatore… Ha portato la propria esperienza in un gruppo di lavoro abituato a giocare in un certo modo. Sicuramente si vedrà e si è già vista la mano del tecnico. È vero che la Lazio ha giocato con delle ripartenze ma bisogna essere in grado di fare anche quelle. Quindi direi che i gol sono stati importanti per come sono stati costruiti e già da quello si vede che l’impronta data alla squadra dall’allenatore è diversa”.

Si parla di uno dei campionati più equilibrati degli ultimi anni. Per questo motivo conteranno di più gli scontri diretti? Dove può arrivare la Lazio?

“La Lazio concorrerà per cercare di arrivare tra i primi quattro posti, così come Roma, Milan, Inter, Juve e Atalanta. Ci metterei in mezzo anche la Fiorentina che probabilmente è una delle sorprese del nostro campionato. La Lazio deve fare un percorso di crescita: ha l’Europa League e la Coppa Italia da giocare… quindi direi che è un campionato nel quale deve crescere ulteriormente. Fortunatamente è riuscita a colmare il gap e a non rimanere troppo indietro vincendo il derby. Adesso però deve cercare di fare ulteriori punti contro una squadra a mio avviso in difficoltà, perché è importante non staccarsi da quello che è il gruppo delle pretendenti alla Champions“.

 

Sarri nell’intervista post derby ha dichiarato che alla Lazio – rispetto alle esperienze passate – c’è grande disponibilità e si può lavorare. Può essere questa la chiave per fare bene?

“È la chiave per fare bene in qualunque squadra. Mi sembra che un’identità di squadra ci sia, per cui Sarri sta lavorando molto bene. Nel momento in cui l’allenatore sente che c’è la disponibilità dei giocatori e allo stesso tempo i giocatori danno la loro fiducia a quelle che sono le idee dell’allenatore si possono fare cose importanti, però ci vorrà ancora del tempo”.

 

Un suo pronostico per domenica?

“Direi che la Lazio potrebbe vincere, secondo me le percentuali maggiori sono per la vittoria dei biancocelesti”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW