Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Il derby di Simone: brividi all’Olimpico

Published

on

 


Dalla collina dei Parioli guardava il Flaminio e lo Stadio Olimpico, casa sua. L’attico in zona Brera, non troppo distante dalla City-Life e dal Bosco Verticale gli permette di vedere l’Arena e San Siro. Quasi fosse in costante collegamento con la panchina. La Milano da bere e il circuito di amicizie calcistiche hanno addolcito e reso meno traumatico il trasferimento di Inzaghi, da ventidue anni abituato a percorrere le strade romane che si snodano tra Corso Francia, Fleming e Parioli. A meno di trecento metri abita Massimo Oddo, ex capitano della Lazio, quattro anni condivisi a Formello: si sono ritrovati, si vedono spesso, escono con le famiglie. Come gli capita di incontrare a spasso Massimo Ambrosini e Bobone Vieri, grandi amici ereditati dal fratello Pippo. Oggi, ancora di più  rispetto a cinque mesi fa, Simone è convinto sia stata la scelta migliore, non solo per il suo futuro professionale, ma per la società e per la squadra biancoceleste, a cui resterà per sempre legato. Tare lo ha visto e incontrato alla fine di agosto, il ds della Lazio era salito a Milano per l’ultimo giorno di mercato, si sono abbracciati: l’amicizia non si cancella. La freddezza di Lotito l’aveva messa nel conto e di sicuro gli dispiace, è il presidente a cui deve il percorso di tecnico, ma la paternità del divorzio è stata reciproca, in tempi diversi condivisa. Il cuore lo avrebbe trattenuto alla Lazio. La testa, quella notte, gli disse di andare via superando un tormento intimo durato troppi mesi. Non chiuse occhio dopo l’incontro del 26 maggio a Villa San Sebastiano, non aveva rifiutato e neppure accettato anche se tutto sembrava filare verso il rinnovo: la mattina dopo,  invece di tornare a Formello per firmare dal segretario Calveri che lo aspettava con il contratto in mano, ritelefonò a Lotito per comunicare la propria scelta, in senso contrario. Un addio deciso perché era arrivata l’Inter, l’unico club (insieme alla Juve) che avrebbe potuto convincerlo a separarsi dalla Lazio e cambiare strada dopo cinque anni in costante crescita, portando in dote tre trofei e una qualificazione in Champions che mancava da tredici anni. Lotito era stato altrettanto protagonista di un infinito tira e molla, tenendolo in sospeso a fine campionato senza compiere l’ultimo passaggio per la firma. Non c’è una sola verità e un unico responsabile. Sabato tornerà per la prima volta da avversario all’Olimpico e in queste ore fa fatica a pensarci, sta quasi rimuovendo l’evento. La Curva Nord lo aspetta e gli riserverà l’accoglienza che merita. I fischi lo ferirebbero. È stato il condottiero che ha ripopolato l’Olimpico dopo anni di deserto, divisioni, contestazione. Era il centravanti dello scudetto di Eriksson, è stato il tecnico della rinascita. Ha persino costretto Lotito ad alzare la posta e ingaggiare un allenatore di livello per sostituirlo. Inzaghi ci tiene, riabbraccerà Ciro Immobile e le altre sue creature laziali. Corriere dello Sport. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 – L’Olanda accede ai quarti di finale

Published

on

 


Alle 16:00 è andato in scena il primo ottavo di finale del Mondiale in Qatar, con il match tra Olanda e Stati Uniti. La squadra di Van Gaal si porta subito in vantaggio, con Depay che sigla il vantaggio al minuto 10′. Allo scadere del primo tempo l’Olanda raddoppia grazie alla rete di Blind. Gli Stati Uniti provano timidamente a sovvertire la situazione, e riescono al minuto 76′ a trovare la rete del 2-1 che accorcia le distanze, grazie al gol di Wright. La rete statunitense serve a poco, dato che Dumfries sigla il 3-1 finale appena cinque minuti dopo.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW