Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA| Lazio-Inter, Paolo Bonolis: “Sarà una partita combattuta. Sarri? La sua un’ottima squadra ma con cambio di rotta, serve pazienza”

Published

on

 


Domani pomeriggio andrà in scena una partita di grande caratura, Lazio-Inter, che vedrà anche il primo ritorno da allenatore avversario all’Olimpico di Simone Inzaghi, il quale ha già promesso un suo saluto sotto la Curva Nord. Ma bisogna pensare al presente, a Maurizio Sarri e ad una situazione in cui va ristabilito il morale, considerando l’ottima strada presa dai biancocelesti contro la Roma e lo Spartak Mosca con conseguente brusca frenata a Bologna, con la sonora sconfitta per 3-0. Dall’altra parte troverà l’Inter, imbattuta in campionato ed a 4 punti dalla vetta: cercherà in ogni modo di continuare il trend positivo avvicinandosi, così, alla prima posizione. Per commentare la partita ed il momento delle due squadre è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress.it il conduttore e tifoso nerazzurro, pur con simpatie laziali, Paolo Bonolis.

Che partita di aspetti? Ti senti di fare un pronostico?

No, non mi sento di fare un pronostico, è impossibile. Sarà una partita evidentemente combattuta ed entrambe giocheranno per vincere. La Lazio è una squadra che gioca a calcio con un sistema di gioco nuovo e cercherà di vincere in ogni modo la partita. Poi può succedere di tutto.

Da Conte a Inzaghi pensi che l’Inter abbia cambiato via o stia dando continuità al progetto?

L’Inter non ha cambiato via, ha dovuto adattarsi ad un nuovo modo di camminare. E’ sempre un 3-5-2 con una pressione che Conte voleva subire a 20 metri fuori dall’aerea di rigore per poi poter ripartire con le due frecce che aveva a disposizione, Lukaku ed Hakimi, che ora non ha più. Ora prova invece a proporre il proprio gioco 30 metri più avanti. La grande differenza è nel pressing. 

La tua impressione nel momento dell’ufficialità di Inzaghi all’Inter?

Ottima. E’ un allenatore che come modulo prevede una continuità con Conte e con la Lazio ha saputo fare molto bene anche con una rosa comunque corta. Ha vinto coppe e si è qualificato in Champions, tanto di cappello. Ora ha una rosa più folta, vediamo che riesce a fare. Al momento è partito indubbiamente bene, ha anche più punti di Conte lo scorso anno. Poi ci sono diverse squadre attrezzate per fare bene. Lo scudetto lo determineranno determinate variabili che poter fare pronostici ora è un’assurdità.

Invece, per quanto riguarda la Lazio, Sarri è la scelta giusta per il dopo-Inzaghi?

La scelta di Sarri è molto giusta se la Lazio ha voglia anche di attendere che venga cambiato il modo di giocare. Sono cambiate molte cose come la volontà di impostare la partita, la mentalità ed il modo di giocare. Sarri avrà bisogno poi non solo di tempo ma anche di caratteristiche e giocatori nuovi, che probabilmente nel mercato invernale o quello prossimo potrebbero dare un’accrescimento alle sue intenzioni. La Lazio comunque, al momento,  è un ottima squadra che sta facendo un cambio di rotta non indifferente, bisogna avere pazienza. 

Un altro ex della gara è Joaquin Correa: come valuti il suo acquisto? Pensi possa fare bene a Milano?

Correa è stato quello che l’Inter si è potuta permettere in una sensazione particolare a livello finanziario. E’ un ottimo allenatore che ha fatto un esordio eccellente ma che deve ancora integrarsi. Poi i calciatori non sono robot, ci sono momento in cui va tutto bene e, come si dice a Roma, ti va tutta l’acqua per l’orto. Ma magari possono esserci anche delle difficoltà di indicazioni e non ti va l’acqua per l’orto. Il fatto che sia un ottimo giocatore è indubbio, va trovato un meccanismo di gioco che ne esalti le caratteristiche. Ha fatto un ottimo esordio, ma un po’ meno bene dopo. Ma questo è accaduto anche a Chalanoglu. Sono comunque situazioni circoscritte che noi interisti ci auguriamo possano migliorare. Sarà in panchina sabato, non so se entrerà. Dovremmo comunque rinunciare a Vidal ed a Vecino, l’unico cambio in panchina sarò Gagliardini. Sensi è in fase di recupero. Offensivamente non so che deciderà mister Inzaghi. A voi mancherà Acerbi e non so se recupererà Immobile, io vi auguro di si ma mi auguro di no. 

Sabato andrai allo stadio a vedere la partita? In generale pensi che il ritorno della gente allo stadio possa influire sulla stagione?

Sabato mi auguro di andare a vedere la partita. L’aumento della capienza influirà molto, soprattutto per le casse delle società. Le difficoltà economiche sono nate anche dalla mancanza di introiti derivanti dai biglietti. Con la presenza che aumenta gradualmente la ferità si riuscirà a suturare. Poi se si torna allo stadio sono più contenti tutti: società, tifosi e giocatori. Però era anche necessario che non si andasse, agevolando così l’uscita dalla pandemia.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La Repubblica | Lazio, Maxi e Marcos acquisti flop via al rilancio

Published

on

 


Maximiano per la rivincita, Marcos Antonio per il rilancio. Il mese di gennaio dovrà rivelarsi un punto di svolta per l’avventura alla Lazio del portiere portoghese e del centrocampista brasiliano. A prescindere dal mercato, infatti, i biancocelesti punteranno molto sull’ottimizzazione delle risorse interne. La questione delle tasse da pagare entro il 22 dicembre – che sia concessa o meno la rateizzazione, come chiedono i club al Governo – impone a tutte le squadre una stretta sui piani per la sessione invernale. Se poi, nel caso della Lazio, si aggiunge la questione dell’indice di liquidità, ancora negativo, diventa inevitabile a Formello puntare sulla valorizzazione, nella seconda parte di stagione, degli elementi che fin qui hanno brillato meno. Per Maximiano l’occasione arriverà in Coppa Italia, di nuovo contro il Bologna. Un segno del destino per l’ex Granada, pagato 10,7 milioni in estate e rimasto a guardare gli exploit di Provedel dopo l’ingenuità al quarto minuto della prima giornata – proprio contro il Bologna di Arnautovic – che gli costò l’espulsione. Ha lavorato sodo in questi mesi, il portiere portoghese, anche se non è mai stato preso in considerazione nemmeno per l’Europa League: a sorpresa, zero presenze nelle Coppe. Ora la data del 19 gennaio sul suo calendario è cerchiata di rosso. Da febbraio poi ci sarà anche la Conference League per ritagliarsi minuti in campo e provare a rilanciarsi e riscattarsi. Discorso simile anche per il regista ex Shakhtar Donetsk. «Marcos Antonio ha bisogno di tempo per capire bene i concetti di gioco di Sarri», ha detto giorni fa Roberto De Zerbi, il tecnico che proprio in Ucraina lo aveva allenato con successo. Già in estate ne aveva parlato molto bene allo stesso Sarri, consigliandogli di puntare su di lui. «È un brasiliano con la testa da tedesco per la professionalità che dimostra tutti i giorni. Credo che si prenderà il suo spazio», ha assicurato. Per il classe 2000 il “duello” con Cataldi fin qui non è stato semplice. Ma gli attestati di stima dall’allenatore e dai compagni non sono mai mancati. Si è applicato molto, Marcos Antonio, per imparare i movimenti e i dettami tattici del 4-3-3 e le volte in cui è stato chiamato in causa ha già dimostrato, accanto ai difetti da limare, di saper dare del tu al pallone. Era stato il primo nuovo acquisto, cinque mesi fa: costato 7,3 milioni più bonus e accolto con entusiasmo, arriva ora il momento per Marcos di far vedere che la fiducia di tutti nel suo potenziale è stata ben riposta. La Repubblica

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW