Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Ciro come Piola ma non basta

Published

on

 


Se vai al dentista, puoi uscirne indenne, ma senti dolore e tutto dipende dall’effetto dell’anestesia. Sarri si è fatto male quando era convinto, a visita quasi finita, di tornare a casa senza pagare. Gasp gli ha presentato la fattura due volte a tempo scaduto. È finita 2-2, la Lazio non ha chiuso una partita già vinta e Immobile non se l’è sentita di celebrare il suo record. Un altro tratto distintivo del campione in grado di anteporre l’interesse della squadra alle prodezze personali. Voleva vincere, non gli interessava altro, ma il tempo gli renderà giustizia e nessuno potrà cancellare l’impresa. È diventato irraggiungibile salendo in cima alla storia della Lazio. Se Silvio Piola viene considerato una leggenda, ieri Immobile è diventato mitico, eguagliando il record di marcature assoluto nella storia biancoceleste: 159 gol in 232 partite. Restano i rimpianti e il senso di una partita che può significare la svolta. La Lazio non ha rinunciato a nessuno dei suoi talenti. Sarri ha ottenuto le risposte che cercava confermando Cataldi e Luis Alberto accanto a Milinkovic. Al tecnico di Figline Valdarno viene il prurito quando sente parlare di contropiede. L’Atalanta spinge forte, attacca e conduce il gioco, ma i biancocelesti hanno tenuto in pugno la partita senza concedere occasioni nitide per una sola ragione: in fase difensiva si raccoglievano dietro la linea della palla (4-5-1) e così hanno protetto Acerbi e Luiz Felipe, di nuovo sugli scudi. È questa, in attesa di progressi, la strada ideale per produrre risultati, meno pressing, tenendo un’intensità alta. Corriere dello Sport.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Juventus, Allegri: “Il rapporto di amicizia con Agnelli non finirà con il termine della sua presidenza”

Published

on

 


 

Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato della situazione che tanto continua a far discutere in casa bianconera, legata alla scissione del Cda della Società. Il Presidente Agnelli, Pavel Nedved e Arrivabene hanno infatti lasciato il Club bella serata di ieri .

Di seguito le parole di Allegri:

“È sempre molto positivo sentire la vicinanza degli azionisti e quindi ringrazio John Elkann per queste parole. In questi anni di lavoro, passione e vittorie, ho sempre potuto contare sul sostegno di Andrea Agnelli, al quale mi lega un rapporto di amicizia, che non si interromperà con la fine della sua presidenza. Sono figure di riferimento per il mondo bianconero che deve rimanere concentrato sul lavoro quotidiano in campo per ottenere i risultati che tutti vogliamo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW