Connect with us

Per Lei Combattiamo

Verso Lazio-Juventus | Floccari, Milinkovic, Caicedo: basta un gol per entrare nella storia

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una sfida, anzi un big match, da sempre ricco di attesa, emozioni, suggestioni e colpi di scena. Tutto questo è Lazio-Juventus, una classica della Serie A che nel corso degli anni, e delle competizioni, ha regalato serate memorabili al popolo laziale, in grado di riempire fino all’ultimo seggiolino gli spalti dell’Olimpico. Sarà così, anche sabato alle 18:00, quando i biancocelesti ospiteranno i piemontesi con il desiderio di trovare la continuità richiesta da Sarri, proseguendo così la scalata verso le parti alte della classifica. Per regalarsi una serata di gloria, ai capitolini servirà la partita perfetta, provando anche a riportare alla mente tre prodezze dell’ultimo decennio capaci di affossare la difesa bianconera.

29 gennaio 2013, Lazio-Juventus 2-1: Floccari al 93’

Una fredda serata di gennaio, lo Stadio Olimpico prende vita per la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Lazio e Juventus. Si riparte dall’1-1 dell’andata firmato Mauri. Dopo un primo tempo di sofferenza, i ragazzi di Petkovic nella ripresa si portano avanti con il colpo di testa di Gonzalez che sembrerebbe archiviare il discorso di qualificazione, se non fosse per la zampata di Vidal che ristabilisce la parità aprendo la via ai supplementari. La Lazio è stanca, la rete del cileno zittisce i tifosi laziali pronti a vivere una mezz’ora di passione. Ed invece no, non accade nulla di tutto questo. Mauri suona la carica conquistando un calcio d’angolo che riaccende la spinta della Curva Nord. Dalla bandierina va lo stesso numero sei che pennella per l’incornata di Floccari che insacca alle spalle di Storari, facendo esplodere un Olimpico colmo di passione. È il gol che vale la finale, quella del 26 maggio 2013.

7 dicembre 2019, Lazio-Juventus 3-1: semplicemente Milinkovic

Il Sergente si carica la Lazio sulle spalle stendendo, in rimonta, la Juventus di Maurizio Sarri, futura campione d’Italia nella ripresa post lockdown. I biancocelesti partono male, vanno sotto con la rete di Cristiano Ronaldo rischiando anche il raddoppio, poi, minuto dopo minuto, alzano il baricentro facendosi vedere con continuità in fase offensiva fino al gol del pareggio, siglato di testa da Luiz Felipe dagli sviluppi di un calcio d’angolo. Trovata la rete del pareggio, al rientro dagli spogliatoi, i capitolini prendono in mano il pallino del gioco ed al minuto ’75 trovano il guizzo decisivo, firmato dal duo talento e fantasia Luis Alberto-Milinkovic: lo spagnolo, dalla trequarti, disegna una traccia straordinaria per l’inserimento del serbo, abilissimo in area a controllare e scaricare di prima un sinistro letale per Szczęsny. La Lazio mette la freccia, la Juventus è k.o. con il 3-1 definitivo di Caicedo che sugella un successo fondamentale, bissato quindici giorni dopo a Ryad nella finale di Supercoppa Italiana.

8 novembre 2020, Lazio-Juventus 1-1: partita finisce quando Caicedo segna

L’uomo dei minuti di recupero colpisce ancora una volta, all’ultima azione. Dopo Sassuolo, Torino e Cagliari anche la Juventus finisce sotto la scure di Felipe Caicedo, il Renato Cesarini dei giorni nostri. È l’8 novembre 2020 e nel lunch match della settima giornata di Serie A una Lazio in emergenza ospita i Campioni d’Italia in carica. I ritmi del match, fin dalle prime battute, con la Juventus aggredisce la gara trovando il vantaggio con Cristiano Ronaldo al minuto quindici. Di lì in avanti il copione della sfida racconta vari capovolgimenti di fronte con occasioni da ambo le parti fino al 94’, quando Correa dalla sinistra si incunea in area e serve Caicedo che, spalle alla porta, controlla e conclude di destro sul secondo palo gonfiando la rete in un Olimpico purtroppo deserto a causa delle restrizioni Covid. La panchina biancoceleste corre in campo ad abbracciare l’ecuadoriano per un gol che vale molto di un semplice punto in classifica.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Pedro: “Futuro? Ho ancora un anno di contratto con la Lazio, poi vedremo cosa accadrà”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una grande stagione quella di Pedro al suo primo anno di Lazio. L’attaccante ex Roma ha trovato fin da subito il modo di farsi amare dai tifosi biancocelesti, a suon di gol, assiste e reptazioni di grande livello. Sarri lo ha voluto fortemente, e lo spagnolo ha ripagato la sua fiducia. Con la stagione ormai alle porte, è tempo di pensare al futuro: Pedro ha ancora un anno di contratto con la Lazio e dunque rimarrà anche la prossima stagione. Rimane d vedere se la società capitolina sceglierà poi di proseguire con lui, o se le strade si separeranno. Nel frattempo, in attesa dell’inizio del ritiro di preparazione al prossimo campionato, Pedro si gode le vacanze alle Canarie, dove è stato ospite del Parlamento delle Isole Canarie che lo ha premiato come ambasciatore dello sport.

Queste le sue dichiarazioni in merito al proprio futuro, rilasciare a Tv Canaria:

Sono molto orgoglioso di rappresentare la mia terra, è un privilegio. Quando vengo qui noto l’affetto e la speranza che le persone hanno nei miei confronti. Non sai mai cosa accadrà nella vita. È vero che ho una situazione familiare difficile con i miei figli a Barcellona e io in un altro paese. Al momento ho un anno in più di contratto con la Lazio. Vedremo cosa accadrà in futuro”

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW