Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Turbo Zaccagni, una freccia in più sulle fasce di Sarri – FOTO

Published

on

 


Finalmente il vice sugli esterni. Finalmente Zaccagni, pimpante e decisivo a Mosca dopo tanti, troppi acciacchi. Prima lo stiramento alla coscia, poi il crack al ginocchio, dal suo sbarco Mattia aveva saltato ben 7 gare biancocelesti, più di quante (6) ne avesse disertate col Verona in due campionati. E pensare che Lotito aveva fatto di tutto per regalarlo a Sarri. Una volta sfumato Kostic, nell’ultimo giorno di mercato, il braccio di ferro del presidente sullo stipendio (superiore ai due milioni) con Tullio Tinti, manager anche dell’ex Simone Inzaghi. Accordo col Verona a 9milioni, all’ultima curva ecco Zaccagni. Solo che, per ammirare i suoi scatti, i laziali hanno dovuto attendere due mesi. Sarri
(oggi non parlerà in sala-stampa: al suo posto Cataldi) lo aveva spronato e punzecchiato proprio alla vigilia della Lokomotiv. In Russia, accenna qualche dribbling. Poi attende la ripresa, l’ingresso di Pedro, riceve il passaggio dello spagnolo e si conquista il penalty. Immobile trasforma il primo e il secondo rigore, ma è Zaccagni a spianare la qualificazione della Lazio in Europa League e a far riavvicinare addirittura gli ottavi diretti, in caso di vittoria all’ultima giornata sul Galatasaray.  Forse per questo, Mattia ora sogna di essersi guadagnato una chance anche domani. Pedro è acciaccato, ma soprattutto Felipe Anderson è apparso stanco e spremuto. È il giocatore più utilizzato (1429’) da Sarri, ma proprio per questo il tecnico difficilmente ci rinuncerà nel big match di Napoli. È comunque benedetta quest’abbondanza. Almeno sugli esterni, la coperta non è più così corta. Straborda ora la fascia destra, il problema terzino resta a sinistra. Marusic e Hysaj sono adattati, ecco perché Sarri chiede un rinforzo dal mercato (Angileri sul taccuino) dalla prossima finestra. È una priorità persino rispetto al centrale, insieme alla punta: Muriqi subentra in Europa e fallisce ancora, mentre il papabile sostituto Erik Botheim segna di nuovo in Conference col Bodo. A Mosca la Lazio vince, guarda caso, solo perché ritorna Immobile sotto porta. Ciro l’anno scorso segnò contro il Napoli all’Olimpico, stavolta vuole riuscirci nella sua città natia: “Sono felice per Zaccagni, magari mi aiuterà anche nella prossima partita”. D’altronde anche per Mattia avrà un sapore speciale questa breve trasferta: proprio a Napoli in estate ha conosciuto Chiara Nasti, la fidanzata. La storia con l’influencer e quella la Lazio sono nate quasi in contemporanea. Il Messaggero.

Embed from Getty Images

Embed from Getty Images

Embed from Getty Images 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | La Juventus trionfa all’Arechi: battuta la Salernitana

Published

on

 


Termina l’ultimo incontro di questa 21esima giornata di Serie A tra Salernitana e Juventus. A trionfare è stata la squadra di Massimiliano Allegri con un netto 0-3 firmato Vlahovic (doppietta) e Kostic. Con il successo odierno i bianconeri si portano a quota 26 punti in decima posizione, mentre i granata con la sconfitta rimediata rimangono in sedicesima posizione con 21 punti.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW