Connect with us

Per Lei Combattiamo

20 Febbraio 2022: buon compleanno Ciro, leggenda biancoceleste

Published

on

 


32 anni fa a Torre Annunziata nasceva Ciro Immobile. Dal suo primo gol in biancoceleste in Atalanta-Lazio (3-4) del 21 agosto 2016, ne ha fatta di strada: è diventato il calciatore ad aver vinto più volte la classifica cannonieri in Serie A (3), insieme a nomi di un certo calibro, come Signori, Meazza, Riva, Pruzzo; dopo Salah e Lewandowski, è il terzo calciatore dal 2016 a segnare almeno 15 reti tra i maggiori cinque campionati europei; è l’unico, insieme a Higuain, ad aver segnato più reti in un campionato italiano (36) e questo record gli è valsa anche la Scarpa d’Oro. Il tutto mentre diventava il calciatore con più gol realizzati nella storia della Lazio (173), levandosi anche la soddisfazione di vincere tre trofei in biancoceleste: due Supercoppe Italiane (2017, 2019) e una Coppa Italia (2019).

Arrivato a Roma all’età di 26 anni, si è preso la sua rivincita: dopo aver impressionato tutta Italia nel Pescara di Zeman insieme a Verratti e Insigne, sembrava essersi perso nelle sue esperienze all’estero e con il Torino; grazie al tecnico Inzaghi, però, alla Lazio ha trovato una squadra che giocasse per lui, che lo facesse sentire importante e lo mettesse in condizione di segnare quasi ogni volta che toccava il pallone. Con mister Sarri, adesso, la storia è la stessa: può cambiare il tecnico e lo schema di gioco, ma la qualità, la freddezza e la fame di gol del King rimangono invariate.

Ciro, in soli 6 anni, è diventato la storia della Lazio. Il suo contratto scadrà nel 2026, quando avrà 36 anni: si può ipotizzare che chiuderà la carriera a Roma. Non si può immaginare una Lazio senza Immobile, come non è possibile pensare a Immobile senza la Lazio.

Buon compleanno, Leggenda.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | I conti di Lotito tornano: perdita ridotta

Published

on

 


Stando al bilancio chiuso al 30 giugno 2022, si può notare come la Lazio sia una delle squadre più in salute del campionato italiano e non solo dal punto di vista dei risultati sportivi. I conti sono in rosso, ma il trend è positivo perché in negativo ci sono 17,42 milioni di euro, ma sono 7 in meno rispetto all’anno scorso.

Come sottolinea l’edizione odierna de Il Tempo, i soldi spesi sono stati ben 35,74 milioni, tutti nell’ultima campagna acquisti. Dalle 11 cessioni, invece, sono stati ricavati 14,22 milioni, andando poi a risparmiare 10,88 milioni sugli ingaggi. Anche i giocatori andati in prestito alleggeriscono il carico ingaggi, per la precisione si sono risparmiati 9,46 milioni. Il fatturato, però, si abbassa: da 164,74 dello scorso anno ai 135,25 di ora; ad incidere sono gli introiti derivati dalla Champions League. Le plusvalenze ammontano a 24,8 milioni e i diritti televisivi ne hanno fatti incassare 85,6. Infine, gli abbonamenti hanno portato altri 10,5 milioni di euro.

Foto Fraioli

Proprio ieri si è chiusa l’ultima fase della campagna abbonamenti, portando gli abbonati a 26.193. A Formello, nel frattempo, Sarri continua a lavorare senza gli otto nazionali: arrivano notizie incoraggianti da Patric, ma non da Casale. L’ex difensore del Verona ha accusato un fastidio all’adduttore e oggi dovrebbe sottoporsi ad accertamenti. Ancora assente Lazzari.

foto Fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW