Connect with us

Per Lei Combattiamo

CdS | Lazio-Carnesecchi, si tenta il prestito

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Sarri sta aspettando il nuovo portiere e freme per avere due difensori.

Come riportato dal Corriere dello Sport, Lazio e Atalanta cercano l’intesa. Lotito considera alta la valutazione di 15 milioni, è disposto a spenderne 10 con bonus per arrivare a 12. Si sta ragionando sul prestito oneroso con obbligo di riscatto, che permetterebbe alla Lazio di acquistare Carnesecchi posticipando il pagamento. L’ipotesi che venga concesso un prestito biennale è ostacolato dalle nuove norme Fifa: dal 1 luglio, le cessioni temporanee possono avere solo durata annuale.
L’alternativa è Vicario, che l’Empoli punta a vendere per più di 10 milioni. Ma c’è anche una pista estera: si valuta Luis Maximiano del Granada, appena retrocesso in B. Classe 1999, acquistato dallo Sporting Lisbona, è bravo anche con i piedi. Costa meno di tutti, ha una valutazione sotto i 10 milioni.

Intanto il mercato è fermo. La Lazio ha messo in standby l’0perazione Romagnoli, non c’è stato nessun rilancio: l’offerta è ferma a 2,5 milioni. Prima il club biancoceleste vorrebbe cedere Acerbi. È slittato l’incontro con Chust del Real Madrid, centrale di 22 anni. Non ci sono stati altri incontri per Casale del Verona. Sembra che un terzino puro arriverà solo se partirà Hysaj. A centrocampo, dopo l’arrivo prossimo di Marcos Antonio, si valutano Torreira e Maycon dello Shakhtar. A Sarri piace Ilic del Verona, possibile alternativa a Milinkovic.

Lotito spera che vengano ceduti Escalante (Copenaghen offre 4 milioni), Vavro (Cadice offre 2/3 milioni) e Muriqi. Il Maiorca chiede uno sconto sotto i 10 milioni, la Lazio lo valuta 11. Manca l’intesa con il club capitolino, queste le parole del ds Pablo Ortells: “È molto difficile per il Maiorca pagare 10 milioni di euro per un giocatore. È vero che quando ha firmato le condizioni erano già concordate sia con lui che con la Lazio, ma il Maiorca non potrà raggiungere quelle somme. Tutto deve essere rinegoziato. Stiamo cercando formule diverse“. Il presidente biancoceleste ha bisogno di circa 5 milioni per coprire il deficit dell’indicatore di liquidità entro il 22 giugno. Altrimenti dovrà sborsare soldi di tasca sua per iscrivere la Lazio al prossimo campionato.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

La Repubblica| Proseguono i discorsi per la riqualificazione dello stadio Flaminio tra Lotito e il Comune

edo9923@hotmail.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Lotito vuole riqualificare lo stadio Flaminio abbandonato da più di 10 anni, così da renderlo la nuova casa della Lazio. Nelle ultime settimane il presidente del club biancoceleste si era mosso in questa direzione, le riunioni fatte tra la fine di luglio e l’inizio di agosto alla fine hanno prodotto un primo documento. Una comunicazione indirizzata a Patrizia Delvecchio, dirigente del dipartimento Sport, in cui il club chiede ufficialmente copia della documentazione sul catino disegnato dai Nervi, padre e figlio, per le Olimpiadi del 1960. La risposta del Comune, dovrebbe arrivare entro la fine di agosto. A quel punto sarà Lotito che dovrà presentare un progetto (o almeno una bozza). In ballo c’è sempre la proposta avanzata da Cassa depositi e prestiti in collaborazione con l’Istituto per il credito sportivo. I tempi sono stretti e se, dopo questo primo scambio di note formali, non dovesse arrivare un secondo segnale concreto da parte della Lazio, il Campidoglio avvierebbe l’iter con Cdp. Il primo incontro tra Claudio Lotito e il sindaco Roberto Gualtieri è andato in scena a fine giugno a palazzo Senatorio. In quell’occasione, al termine del faccia a faccia (riservatissimo) alla presenza dell’assessore allo Sport, Alessandro Onorato, e del capo di gabinetto Albino Ruberti, le parti si erano lasciate con l’ultimatum del Campidoglio. Un invito ad agire subito, che la Lazio fin qui pare aver quindi rispettato. Quando arriverà la risposta del Comune, il club analizzerà la documentazione sullo stadio. I primi colloqui, più che informali, con la Soprintendenza,  avrebbero prodotto un’apertura sul superamento di parte dei vincoli che fino a questo momento hanno bloccato la riqualificazione dell’impianto. Gli stessi che hanno convinto la Roma ad allontanarsi dall’idea Flaminio, alcuni di questi possono essere risolti con la famiglia Nervi. Per altri bisognerà mettersi al tavolo con il Campidoglio, ma solo dopo aver presentato un progetto. Lotito ha già speso decine di migliaia di euro in analisi preliminari. Ha visto il sindaco e i membri della sua giunta e ha scritto una nota ufficiale al Comune. Ora manca l’ultimo step.

La Repubblica

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW