Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il nuovo volto di Luis Alberto: con Sarri anno fallimentare o di crescita? Ecco perché puntare ancora su di lui

Published

on

 


Luis Alberto, pur con qualche partita in cui è subentrato a Toma Basic nel secondo tempo, anche questa stagione l’ha vissuta da protagonista. Un anno calcistico che, tuttavia, non era iniziato nel migliore dei modi: il ritardo ad Auronzo e la leggera frizione coi tifosi sanata proprio sotto le tre cime di Lavaredo. Ma poi ancora voci su discussioni con il mister Maurizio Sarri e le successive scelte di farlo partire dalla panchina per la prima fase dell stagione.

Il mago aveva trovato una sua dimensione nel gioco di Simone Inzaghi diventando decisivo sia nel fornire assist, come nella stagione 19-20, che nell’andare in gol come nella stagione successiva. Luis Alberto e la Lazio andavano a braccetto ormai: quando mancava lui la differenza era evidente. Eppure l’arrivo di Maurizio Sarri sembrava poter “scombinare” i suoi piani di crescita. In un 4-3-3 dove è importante la forza, la corsa e la sostanza le qualità del mago sembravano poter essere “declassate”. C’è chi ha parlato di una scontentezza da parte dello spagnolo e chi addirittura di un possibile adattamento da mediano, mai preso in considerazione da Sarri.

Il mago aveva, allora, due scelte: adattarsi ed essere scontento o tirare fuori tutta la qualità cercando di farla coincidere con quanto vuole il mister. Ecco che allora la stagione in salita del mago si è trasformata in un gioiello da custodire e valorizzare. Un’arma in più che, di fatto, può tornare molto utile alla causa biancoceleste. Di fatto, è importante sottolineare come Luis Alberto abbia iniziato a pressare molto alto, aumentando la corsa e migliorandone la posizione senza escludere le proprie qualità. Questo nuovo modo di giocare ha infatti dato un contributo maggiore alle offensive della Lazio, attribuendo a queste anche degli sprazzi di eleganza come nell’assist a Zaccagni contro il Genoa o i gol contro la Sampdoria e la Salernitana nella gara d’andata.

Sul mago circolano, inoltre, diverse voci di mercato. A dirla tutta è ormai un anno che sembra Luis Alberto possa lasciare la Lazio. Finora, però, queste voci non hanno mai creato degli ulteriori contrasti. Anzi, il mago ha risposto sempre presente creando condizioni di crescita sia individuale che di squadra in fase di tattica. D’estate tutto può succedere, ma in caso di permanenza il mago proverà a fare quell’ulteriore step decisivo per evadere dai suoi schemi continuando il percorso di crescita della squadra.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Serie A, una panchina sempre più vicina al cambio allenatore: ecco di chi si tratta

Published

on

 


La sconfitta casalinga di oggi contro il Monza potrebbe esser stata fatale: Marco Giampaolo è sempre più a rischio esonero, la sua panchina sembra ora destinata a saltare dopo la quarta sconfitta consecutiva in campionato della Sampdoria, quinta nelle ultime sei. Come riporta Gianlucadimarzio.com, la decisione sembra essere praticamente presa e, in caso di addio di Giampaolo, sono due le possibilità che si aprono, entrambi eventuali ritorni: Claudio Ranieri e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria, ancora sotto contratto fino al 2024.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW